Fatti, commenti, appuntamenti del giorno presi dal taccuino di Mario Sechi

In Francia si va verso il piano B: sostituire l'imprudente Fillon

Macron andrebbe al ballottaggio con Le Pen. Vince l’ex banchiere in Rothschild trasformato in socialista da sfilata? Chi lo afferma cerca nervosamente qualcosa di metallo da toccare

In Francia si va verso il piano B: sostituire l'imprudente Fillon

Francois Fillon (foto LaPresse)

 

Santi Paolo Miki e compagni, martiri.

 

Liberté! Egalité! Cabaret. Sciacquare nella Senna i propri guai non basta, la campagna presidenziale di Francois Fillon è una centrifugata in famiglia che non fa sparire la macchia: ma i soldi la moglie li ha presi sì o no? Nell’attesa della risposta il patatrac è fatto, Fillon non passerebbe al primo turno, Macron andrebbe al ballottaggio con Marine Le Pen. Vince l’ex banchiere in Rothschild trasformato in socialista da sfilata? Chi lo afferma cerca nervosamente qualcosa di metallo da toccare, perché il clima è un certo clima e le cose dette dalla signora Le Pen affascinano la borghesia più di quanto si immagini. L’uscita dalla Nato è un cavallo di battaglia del generale De Gaulle, l’euro non è mai stato amato e qualcuno dovrebbe ricordare il volto pallido dell’allora presidente Chirac nel 2005 quando i francesi dissero No alla Costituzione europea. Non ci sarà psicodramma in aprile, ma Les Miserables di Victor Hugo hanno subìto una trasformazione nella Florida che fu possedimento di Francia, sono diventati i Deplorables di Donald Trump e qualcosa là fuori sta succedendo, da Crooked Hillary a Crooked Macron è un attimo. E il piano B, la sostituzione dell’imprudente Fillon s’agita nel buio. Fillon deve lasciare dicono quelli che leggono i fondi del caffè della politica francese, Juppé al Figaro dice che lui no, non farà ricorso per le primarie (che ha perso) e la sola idea di rimetterlo in pista dice tutto sull’impervio e lo scosceso del cammino francese. Fillon oggi alle 16 parlerà ai giornalisti, qualsiasi cosa dica, la storia è già inchiostrata di dramma personale e sberleffo pubblico, non importa l’esito ma il fremito, siamo al tonfo di gioia: Liberté! Egalité! Cabaret!

 

Giornali italiani. Sui quotidiani lo sversamento francese subisce un trattamento cinematografico con la comparsa di una serie di personaggi in cerca d’autore. Il Corriere della Sera apre così: “Sfida Le Pen: via da Ue e Nato”. Poi il Corriere di taglio piazza una grillata, per assonanza culturale, si immagina: “M5S, il caso Roma agita la base. Ma Di Maio: arriveremo al 40%”. L’editoriale è di una firma nuova, Paolo Mieli, lungo pezzo su primarie, scissioni, destri, sinistri, ulivi. Il solito orto botanico per il quale oggi si fa la fila in edicola. Andiamo avanti. Repubblica fa un titolo più contemporaneo: “Le Pen, la sfida: io come Trump”. Altro? C’è un tale sul Messaggero che dice: “Un’Europa a più velocità può agganciare la Russia”. Davvero? Tanti auguri. Sul Mattino c’è un titolo che riassume la bella politica italiana, in particolare del Pd, l’ultimo che era rimasto in piedi: “Tutti contro tutti. Il Pd al Sud versione Balcani”. Cose da delibare lentamente, come un cioccolatino ripieno? Il titolo più interessante del giorno, la conferma che niente si trasforma, che tutto cambia ma nulla muta, eccolo su Repubblica: “Il calcio, un’altra vita per Veltroni”. E’ il favorito per la presidenza della Lega Calcio. Le competenze le ha: allegò le figurine Panini dei calciatori all’Unità.

 

Il peggiore d’Europa: l’Italia. L’economia europea è in netta ripresa ovunque, solo un paese ha risultati deludenti: l’Italia. L’Eurozona ha messo a segno 14 trimestri positivi di crescita, la fiducia è al massimo negli ultimi sei anni. Le previsioni sono ottime per tutti: Spagna a 2,5 (l’anno scorso è cresciuta del 3,2), Olanda vicina al 2 per cento, Germania e Francia abbondantemente sopra l’1 per cento. L’Italia? Un misero 0,5 per cento che dice tutto. Finito lo storytelling, torna la realtà. Renzi? Tutto bene, non pervenuto.

 

Lady Spread. Eccola, la realtà, puntuale, onesta, inesorabile: lo spread tra Btp e Bund sale a quota 190.

 

Draghi Day. Il presidente della Banca centrale fa l’audizione al Parlamento europeo. Le cose da discutere non mancano, il problema è che sono pochi quelli che le capiscono.

 

Le porte girevoli dell’Europa. Quanto costerà agli inglesi l’uscita dal Regno Unito? Sessanta miliardi di euro. Questo è il conto che l’Unione europea sta trattando con il governo britannico. Non si parla di Brexit sì o no, ma di buona uscita. L’Europa chiede – giustamente – prima un accordo sul denaro e poi su come disegnare la road map della Brexit. E’ come al pub, non puoi uscire senza pagare. E alla Francia quanto costerebbe? Marine Le Pen ieri ha detto che prepara la Frexit e ha un cestino elettorale con 144 promesse per cambiare la Francia. Costo del biglietto? Non si sa. Nel marzo del 2015 era stato fatto al World Economic Forum un calcolo sul salvataggio dei soli bilanci delle grandi aziende francesi che venivano svalutati in caso di rottura dell’euro, costo 70 miliardi. Più salato di un croissant.

 

6 febbraio. Nel 1952 nel Regno Unito muore re Giorgio VI, diventa regina Elisabetta II.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • patriciovivarelli

    06 Febbraio 2017 - 17:05

    L'Italia ultima nonostante il "mitico"Renzi e i suoi mille giorni.Buttati? Forse sicuramente non sfruttati come avrebbe dovuto essere. Ora si torna alla politica con la P maiuscola e cambierà tutto in modo che nulla alla fine cambi davvero. W l'Italia e W anche il popolo italiano.Resteremo ultimi ma con gioia!

    Report

    Rispondi

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    06 Febbraio 2017 - 13:01

    Regola generale: onestà fa rima anche con sstupidità. Finché si va a scegliere un politico scrutando che sia innanzitutto un oonesti simo si rischia forte di ritrovarsi governati da un coglione. L'uomo é innanzitutto economicus, dev'esser bravo a curare i propri interessi. Dopo vengono le bravura necessarie. Ma se non sa curare gli interessi propri, mai più potrà curare gli interessi della collettività. O no?! In politica il fine deve giustificare qualsiasi mezzo. Che poi è inutile cercare, nessuno è santo, I danni peggiori sia nel privato che nel pubblico sono prodotto di incompetenza, incapacità e insipienza ovvero stupidità. Se uno è in gamba e concretizza bene comune, merita anche di approfittatene in proporzione per sé. O no?!

    Report

    Rispondi

  • franco.bolsi

    06 Febbraio 2017 - 12:12

    L’Italia la peggiore, così è se vi pare. Il nostro problema annosissimo e irrisolvibile si chiama tasse. I liberali, se ci fossero e che esistono solo nei comizi, inorridirebbero per la Calabria, Roma e tante altre realtà assistite. Costi enormi come primari ogni sette letti in alcuni ospedali campani. Tu mi voti e io ti lascio ventimila forestali in un lembo di terra. Poi le partecipate da azzerare tutte. Insomma lo 0,5% di PIL in più è un miracolo o è il gioco delle tre carte? A parte questo abbiamo Trump il protezionista cattivo. Qualcosa da dire c’è. Buffo che tutti gridino allo scandalo quando da noi vige lo stato d’inefficienza radicale che è infinitamente peggio del trumpismo. Mah!

    Report

    Rispondi

Servizi