Onu e Israele: Trump stavolta l’azzecca. Aiuto, gli ultracorpi intermedi

Le lettere al direttore di giovedì 29 dicembre 2016

Al direttore - A proposito della risoluzione n. 2334 dell’Onu, sugli insediamenti in Cisgiordania, è il caso di ricordare quanto scriveva, nell’agosto 1967, una “grande anima’’ come Martin Luther King  nella sua “Lettera ad un amico antisionista’’: “Pace per Israele significa sicurezza, e dobbiamo con tutti i nostri mezzi proteggere il suo diritto ad esistere. Israele è uno degli importanti avamposti della democrazia nel mondo, è un meraviglioso esempio di come una terra arida può essere trasformata in un’oasi di tolleranza e di democrazia’’. E,  dopo aver ribadito che l’antisionismo significa  negare al popolo ebraico quel diritto fondamentale che viene riconosciuto a tutte le altre nazioni del mondo,  il reverendo King concludeva: “Al giorno d’oggi però, in Occidente, proclamare che si odiano gli ebrei è diventato molto impopolare (purtroppo è sempre meno così, ndr). Di conseguenza, l’antisemita deve costantemente inventare nuove forme e nuove sedi per il suo veleno. Deve camuffarsi. E allora dice di non odiare gli ebrei, ma di essere “antisionista”.

Giuliano Cazzola

Non sappiamo cosa succederà il 20 gennaio, e se davvero cambierà qualcosa nei rapporti tra America e Israele con il passaggio da Obama a Trump. Sappiamo però che questa volta Trump l’ha azzeccata: “Non possiamo continuare a lasciare che Israele sia trattato con un tale sdegno e disprezzo. Una volta erano grandi amici degli Stati Uniti, ma ora non più. L’inizio della fine è stato l’orribile accordo sul nucleare iraniano, e ora questo (l’Onu)! Sii forte, Israele, il 20 gennaio arriverà presto!”.

 

Al direttore - Ho letto con molto interesse l’articolo di Alfonso Berardinelli su Calvino (il Foglio, 28 dicembre). Il ritratto velocissimo che Berardinelli fa di Calvino è davvero suggestivo: “Pessimista reticente e mascherato”, “criptomoralista” (“un moralismo che non emette giudizi, ma propone con sorridente discrezione un modo di essere contro un altro”). Verrebbe voglia di chiedere a Berardinelli di scrivere una sua contro-storia della letteratura italiana novecentesca tutta così, rapida, infastidita e anche un po’ spietata. Perché poi si coglie, nemmeno troppo sottotraccia, che a Berardinelli non sta granché simpatico l’autore del “Barone rampante”. E da questo deriva la chiusa del pezzo, severissima: “Se confrontiamo la letteratura secondo Calvino con la letteratura secondo Montale e Gadda, i due autori più celebrati che lo hanno preceduto, si nota subito una perdita”. Può darsi che sia così, ma c’è da fare i conti con quanto appaiano ormai terribilmente invecchiati i due “maggiori”. Grandi, grandissimi, per carità; morti l’altro ieri eppure ormai quasi infrequentabili. Simboli di un Novecento quasi afono e sempre meno traducibile. Calvino ha scavalcato il suo secolo, invece. Che sia un pessimo segno dei tempi, può darsi (Berardinelli lo legge forse come tale). Ma è una questione che non può essere aggirata, andrebbe presa di petto, e riguarda più noi – noi umani in transito nel Ventunesimo secolo, voglio dire – che la storia della letteratura.

Paolo Di Paolo

 

Al direttore - Caro Cerasa, chi prova a disintermediare per ricostruire, purtroppo, è sconfitto. Chi prova a disintermediare senza costruire nulla di nuovo o distruggendo quanto già esiste ne esce vincente. Speriamo non sia, ora, la volta del Jobs Act.

Lorenzo Lodigiani

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi