Così Berlusconi mette d'accordo Germania e Regno Unito

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Sueddeutsche Zeitung, Guardian, Abc, Figaro...

Così Berlusconi mette d'accordo Germania e Regno Unito

Foto LaPresse

Italia: Berlusconi è tornato

Berlino, 7 nov 08:30 - (Agenzia Nova) - La Sicilia, sostiene la "Sueddeutsche Zeitung", è un paradigma degli aspetti più stereotipici d'Italia. La politica nazionale ha sempre usato l’isola come laboratorio. La vittoria della destra nelle elezioni regionali è un sorprendente successo per l'ex premier Silvio Berlusconi. Ora ha 81 anni ed è soggetto al divieto di candidatura politica. Ma il suo spettacolo in Sicilia è servito: il suo schieramento politico ha agito da ‘diga’ contro il populismo dei Cinque Stelle, pur avvalendosi di familiari promesse politiche. Alle prossime elezioni nazionali, in primavera, nessuno dei tre poli ha possibilità di governare da solo, ma solo attraverso una coalizione, come in Germania. Berlusconi ha dimostrato che lo scenario politico italiano non consente di dare nulla per scontato.

Leggi l’articolo del Sueddeutsche Zeitung

Il trionfo elettorale in Sicilia apre la strada al ritorno di Silvio Berlusconi

Londra, 7 nov 08:30 - (Agenzia Nova) - Silvio Berlusconi ieri lunedì 6 novembre ha celebrato il proprio ritorno al centro della politica italiana dopo che il suo candidato a governatore della Sicilia ha trionfato nelle elezioni regionali: è quanto scrivono, con lo stesso accento, due dei principali quotidiani britannici, il conservatore "The Times" ed il laburista "The Guardian". Entrambi i giornali sottolineano come il candidato del centro-destra berlusconiano, Nello Musumeci, abbia raccolto quasi il 40 per cento dei voti, battendo di ben cinque punti percentuali il rivale più accreditato, Giancarlo Cancelleri del Movimento 5 stelle (M5s) anti-establishment; assai più distaccato, con il 19 per cento, il candidato di centrosinistra Fabrizio Micari, che era stato sostenuto solo tiepidamente dal leader del Partito democratico (Pd) Matteo Renzi. Il "Times" in particolare cita il commento di Stefano Folli sul quotidiano italiano "La Repubblica" per ricordare come la coalizione di centro-destra che ha vinto in Sicilia è la stessa che alle elezioni politiche dell'anno prossimo potrebbe vincere in quasi tutto il Nord dell'Italia. Si tratta di una prospettiva, sostiene il "Times" citando l'editoriale di Marcello Sorgi su "La Stampa", che rischia di mettere l'Italia sotto pressione internazionale: per molti osservatori stranieri, infatti, la figura dell'anziano Berlusconi è ancora legata alla sua condanna per evasione fiscale, agli scandali sessuali ed al suo sospetto coinvolgimento nelle bombe di mafia del 1993. Tuttavia, avverte il "Times" citando il politologo Giovanni Orsina, non bisogna esagerare nel dare al significato del voto siciliano una automatico proiezione a livello nazionale: l'isola infatti si è sempre schierata a favore del centro-destra, e nonostante gli scandali e l'età avanzata Berlusconi ha potuto avvantaggiarsi di questa tradizione politica.

Leggi l’articolo del Guardian

La Banca d’Italia chiede di non stigmatizzare gli aiuti pubblici al settore bancario

Madrid, 7 nov 08:30 - (Agenzia Nova) - Il presidente della Banca d’Italia, Ignazio Visco, ha chiesto ieri durante una conferenza a Madrid di non condannare l’uso degli aiuti pubblici alle banche perché in alcuni casi essi possono rivelarsi utili se non necessari. Lo ha riferito oggi il quotidiano spagnolo “Abc” riportando un intervista al presidente Visco.“L’interpretazione delle nuove norme comunitarie in materia di gestione delle crisi e degli aiuti di Stato è stata in alcuni casi eccessivamente restrittiva”, ha affermato Visco aggiungendo che l’utilizzo dei Fondi nazionali di garanzia dei depositanti (Fgd), anche se dotati di risorse private, è stato fortemente limitato.

Leggi l’articolo dell’Abc

Italia: le banche a sostegno della natalità

Parigi, 7 nov 08:30 - (Agenzia Nova) - “Les Echos” spiega che “il governo italiano mobilita le banche per rilanciare la natalità”. Nel 2016 in Italia sono state registrate 474mila nascite, il numero più basso dal 1861, anno dell’unificazione. Per far fronte a questo declino demografico, il governo ha attuato un decreto per sostenere la natalità, con un fondo 14 milioni di euro destinati alle famiglie con uno o più bambini nati o adottati a partire dal 1 gennaio 2017. Le coppie potranno richiedere fino a 10mila euro con la garanzia che verrà coperta al 50 per cento dal fondo. Questa misura punta a “frenare lo spopolamento dell’Italia” scrive il quotidiano economico, definendo le cifre dell’anno scorso “allarmanti”, visto che la penisola ha perso 86mila abitanti.

Leggi l’articolo dell’Echos

 


PANORAMA INTERNAZIONALE


 

La polizia bavarese vuole prolungare l’uso del Taser

Amburgo, 7 nov 09:42 - (Agenzia Nova) - La polizia bavarese ha neutralizzato un uomo che aveva preso un ostaggio a Pfaffenhofen, in alta Baviera, con una pistola a stordimento (Taser). “Oggi questa presa di ostaggi ha dimostrato ancora una volta che l’uso del 'taser' in certe situazioni è molto utile in aggiunta alle risorse operative già esistenti della polizia della Baviera”, ha detto il ministro dell’Interno bavarese, il cristiano sociale Joachim Herrmann (Csu). Più di 300 poliziotti sono stati coinvolti nell’operazione contro un 28 enne che aveva preso in ostaggio un impiegato ed aveva ferito con un coltello una donna di 31 anni. La faccenda riguardava una questione di affido della figlia di entrambi, di un anno e mezzo, ha riferito il capo della polizia Guenter Gietl. Herrmann ha annunciato di voler estendere il test del Taser per la polizia bavarese e dal 2018 vorrebbe equipaggiare con questi strumenti a bassa letalità anche la polizia della Franconia centrale e per quella di Monaco di Baviera. Questi dispositivi sono già utilizzati dal 2006 dalle forze speciali della polizia bavarese, ma in fase sperimentale. I detrattori dei dispositivi, come Amnesty International, mettono in guardia dal loro utilizzo a causa di una presunta pericolosità per quanti soffrono di cuore, anche se la scossa elettrica utilizzata dagli agenti è bassa. L’uomo catturato sarà portato davanti al magistrato competente, secondo quanto dichiarato dal procuratore generale Wolfram Herrle.

Leggi l’articolo dello Spiegel

Francia: la destra prepara il suo ritorno

Parigi, 7 nov 09:42 - (Agenzia Nova) - “Le Figaro” pubblica in prima pagina “le idee della destra per rilanciarsi”. Oggi il partito dei Repubblicani pubblicherà un rapporto di 83 pagine sulla sua “rifondazione”. “un lavoro di “introspezione” secondo il quotidiano, che considera questa mossa come la “prima pietra” su cui ricostruire l’intera famiglia politica. Gli insuccessi alle elezioni presidenziali e legislative hanno provocato un vero e proprio “choc” tra le fila della destra francese, che mai avrebbe immaginato un risultato simile. Nel documento si evoca l’importanza del gaullismo, insieme alla “coerenza” ideologica e alla “disciplina”. Nello studio si parla anche dell’atteggiamento da assumere dinnanzi “all’egemonia ideologica del progressismo”.

Leggi l’articolo del Figaro

Londra, il responsabile della moschea di Finsbury è membro del direttivo di Hamas

Londra, 7 nov 09:42 - (Agenzia Nova) - "The Times" oggi martedì 7 novembre rivela in prima pagina che il responsabile della moschea di Finsbury a Londra, una delle principali della Gran Bretagna, ha strettissimi legami con Hamas: secondo il quotidiano conservatore britannico Mohammed Sawalha, primo amministratore della moschea, sarebbe addirittura membro del direttivo del movimento palestinese che è considerato un'organizzazione terroristica sia dagli Stati Uniti che dell'Unione Europea; la rivelazione, secondo il "Times", è destinata a rinfocolare le polemiche sulle controverse relazioni del governo britannico con Hamas e sull'ambigua posizione in proposito esposta la scorsa settimana alla Camera dei Comuni dal ministro degli Esteri, Boris Johnson.

Leggi l’articolo del Times

Usa: strage in Texas, errore dell’Aviazione ha permesso a Kelley di comprare arsenale

New York, 7 nov 09:42 - (Agenzia Nova) - L’Aviazione statunitense ha ammesso, il 6 novembre scorso, di non aver inserito nella banca dati federale informazioni circa la condanna per violenze domestiche della Corte marziale nei confronti dell’uomo che ha commesso una strage il 5 novembre a Sutherland Spring, a pochi chilometri dalla città di San Antonio, in Texas. L’inserimento di quei dati, infatti, avrebbe impedito a Devin Kelley di poter acquistare le armi per sparare in chiesa e uccidere 26 persone. Lo rivela il quotidiano “New York Times”. L’uomo che non possedeva un porto d’armi, era stato condannato dalla corte marziale nel 2012 per violenze su sua moglie e suo figlio. Aveva quindi scontato 12 mesi di reclusione ed era stato poi congedato per cattiva condotta nel 2014. Da quell’anno si era dotato di un fucile semiautomatico e di tre altre armi. Le autorità dell’Aviazione Usa hanno avviato un’indagine interna per capire se altre procedure non sono state osservate, anche in relazione ad altri casi. Intanto è emerso che il movente alla base del gesto sia da ricercare nei problemi familiari dell’uomo che probabilmente mirava a colpire i suoceri che frequentano la parrocchia di Sutherland Spring, ma quel giorno erano assenti. Dopo una fuga precipitosa in macchina l’uomo è stato trovato morto. Non è chiaro se si tratti di suicidio o se, in uno scambio a fuoco fuori dalla chiesa, sia rimasto colpito a morte.

Leggi l’articolo del New York Times

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi