I "pochi meriti" di Di Maio e la fuffa M5s visti dalla Spagna

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Financial Times, Abc, New York Times, Ria Novosti...

I "pochi meriti" di Di Maio e la fuffa M5s visti dalla Spagna

Foto LaPresse

Cinque Stelle, Di Maio corre e vince contro "i sette nani"

Madrid, 20 set 08:38 - (Agenzia Nova) - Fosse una favola si potrebbe intitolare "Di Maio e i sette nani". Così il quotidiano spagnolo "Abc" presenta il voto con cui i militanti del Movimento 5 Stelle sono chiamati ad indicare il nome del prossimo candidato a premier. L'attuale vicepresidente della Camera Luigi Di Maio se la deve vedere con sette avversi "totalmente sconosciuti", iscritti alla corsa "per salvare la forma delle primarie, evitare sospetti e rendere credibile" un'elezione che appare scontata. La vittoria annunciata di Di Maio "è un chiaro riflesso della natura autoritaria dell'M5S" - nonostante i suoi leader lo definiscano "un movimento democratico" - perché i suoi iscritti prendono le decisioni importanti attraverso un voto via internet", scrive il corrispondente da Roma in un pezzo molto critico sulla formazione di Beppe Grillo. I meriti di Di Maio "sono molto pochi" e all'interno di un movimento "senza classe dirigente" si fa notare come "uno strabico nel paese dei ciechi". Privo di curriculum, scarse conoscenze culturali di base e mancante di senso strategico in politica - sua la scelta "disastrosa" di lanciare Virginia Raggi alla guida di Roma -, Di Maio è il "primo esempio vivo dell'algoritmo che si è fatto carne: si è presentato come candidato a consigliere di Pomigliano D'Arco ottenendo 54 voti. La sua candidatura al Parlamento, nel 2013, ha ottenuto 189 voti su internet".

Leggi l’articolo dell’Abc

Il "nuovo fascismo" che avanza in Italia

Madrid, 20 set 08:38 - (Agenzia Nova) - "Il fiammifero del fascismo del terzo millennio si accende e CasaPound cresce ogni volta che l'Italia torna alle le urne elettorali". Lo scrive il quotidiano spagnolo "El Pais" in un lungo articolo dedicato alla formazione di estrema destra che deve buona parte del suo successo alla "crisi economica, la miccia demografica e lo sbarco massiccio di immigranti". Il pezzo segnala le principali caratteristiche del movimento, l'aspirazione a raccogliere il malcontento sociale contendendo spazi elettorali al Movimento 5 Stelle, l'eredità di parte dell'azione politica di Mussolini, gli scontri con gli antifascisti. Un ritorno del fascismo che è, "per ora, rumore di fondo politico", ma che accompagna con successo iniziative della destra come il veto allo Ius Soli"

Leggi l’articolo del Pais

Il Veneto ha perso più di tre miliardi di euro per le minori esportazioni in Russia

Mosca, 20 set 08:38 - (Agenzia Nova) - Il Veneto ha perso più di tre miliardi di euro a causa de calo delle esportazioni di merci italiane in Russia. È quanto affermato dal direttore del Dipartimento per le relazioni economiche esterne ed internazionali della città di Mosca, Sergej Ceremin. "Le perdite dovute alle tensioni che sono emerse tra la Russia e l'Unione europea hanno colpito molti settori dell'economia italiana. Le sanzioni anti-russe sono controproducenti. Ora è compreso da molti imprenditori, a partire da quelli italiana”, ha dichiarato il funzionario, aggiungendo: “La guerra commerciale ha portato ad una perdita totale di più di 10 miliardi di euro in seguito al calo delle esportazioni di merci italiane in Russia. Solo il Veneto ha perso più di 3 miliardi di euro, ed è particolarmente grave l'impatto sul settore agricolo nella regione", ha affermato Ceremin, intervenendo al forum economico su sull’isola di San Giorgio Maggiore nel quadro delle Giornate di Mosca in Italia. Il fatturato del commercio tra Mosca e le aziende italiane è diminuito del 4,6 per cento rispetto al 2015 ed è pari a 4,3 miliardi di dollari, riferiscono le istituzioni moscovite. Tuttavia, dal primo trimestre di quest'anno il fatturato del commercio ha cominciato a crescere ed è aumentato di 1,7 volte rispetto al primo trimestre del 2016. I giorni di Mosca si svolgono in tre città italiane - Venezia, Milano e Genova - dal 18 al 26 settembre. L’ampio programma di eventi comprende non solo mostre, concerti, presentazioni, eventi sportivi, ma anche dibattiti sulla sfera economica e della cooperazione.

Leggi l’articolo del Ria Novosti

 


PANORAMA INTERNAZIONALE


 

Regno Unito: May dà ai giganti del web due ore per rimuovere la propaganda del terrorismo

Londra, 20 set 08:38 - (Agenzia Nova) - La premier del Regno Unito, Theresa May, col presidente della Francia, Emmanuel Macron, e il presidente del Consiglio italiano, Paolo Gentiloni, oggi a New York, alle Nazioni Unite, terrà una riunione alla quale parteciperanno rappresentanti dei colossi del web come Microsoft, Facebook, Google e Twitter, ed esorterà le aziende ad accelerare il loro impegno contro l’estremismo online. May, riferisce la stampa britannica, inviterà a sviluppare tecnologie che impediscano la pubblicazione di materiali nocivi; proporrà, inoltre, l’introduzione di multe nel caso in cui i contenuti pubblicati non vengano rimossi entro due ore.

Leggi l’articolo del Financial Times

L'Egitto intende guidare la "riorganizzazione" dell'Esercito libico

New York, 20 set 08:38 - (Agenzia Nova) - L'Egitto ha annunciato martedì di voler guidare il processo di "riorganizzazione" dell'Esercito libico, che attualmente è una forza militare guidata dal generale Khalifa Haftar, principale esponente del governo libico orientale con sede a Tobruk. Un comunicato diffuso dalla Commissione egiziana per la Libia sostiene che i vertici dell'Esercito libico, recentemente riunitisi al Cairo, abbiano scelto proprio l'Egitto come ospite per la definizione dei piani di riorganizzazione delle loro forze. un ufficiale libico in condizione d'anonimato ha ringraziato l'Egitto per la sua disponibilità, e puntualizzato che "l'Esercito è aperto a discussioni con tutte le parti, fatte salve le organizzazioni terroristiche". Stando al comunicato egiziano, gli ufficiali libici si sono impegnati a tutelare l'integrità territoriale della Libia e a creare uno Stato "moderno e inclusivo, sulla base di un trasferimento pacifico del potere". Il mese scorso l'Italia ha raggiunto un accordo con il governo di Tripoli, sostenuto dalle Nazioni Unite, per fornire navi, equipaggiamenti e salari alle milizie impegnate nel contenimento dei flussi migratori.

Leggi l’articolo del New York Times

La ripresa dell’area dell’euro raggiunge la massa critica

Londra, 20 set 08:38 - (Agenzia Nova) - Il recupero del Portogallo nei mercati di capitali è l’ultimo esempio della svolta dell’economia dell’area dell’euro. L’esperienza portoghese, riferisce il “Financial Times”, riflette quella della periferia dell’unione monetaria: anche l’Irlanda, la Spagna e, in misura minore, l’Italia stanno registrando una ripresa e pagando meno per il ricorso al credito. L’ottimismo è giustificato, ma occorre cautela. In particolare, bisogna riconoscere che le politiche di stimolo della Banca centrale europea sono state determinanti e che il loro ridimensionamento comporta dei rischi.

Leggi l’articolo del Financial Times

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi