C'è una nuova rotta dei migranti e parte dall'Algeria

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Financial Times, Sueddeutsche Zeitung, Expansion, Economist

C'è una nuova rotta dei migranti e parte dall'Algeria

Italia e Libia: un altro partner

 

Berlino, 7 set - (Agenzia Nova) - La "Sueddeutsche Zeitung" dedica un articolo a una foto che ritrae la stretta di mano tra il ministro dell'Interno italiano Marco Minniti e il generale libico Khalifa Belqasim Haftar. Nell'istantanea, Minniti sorride e con la mano sinistra regge regge il braccio di Haftar. Il generale è un po’ rigido, ma ha anche un’impressione confortevole. La foto è stata scattata qualche giorno fa durante un incontro segreto tra i due a Bengasi, nella Libia orientale, controllata dalle forze di Haftar. La foto è stata postata da un ufficiale delle Forze armate libiche su Facebook, e da lì l'hanno ripresa i media italiani. Si tratta di un documento di portata storica, scrive il quotidiano tedesco: è la prima volta che un membro del governo italiano tiene un faccia a faccia con il generale, principale avversario del premeir libico riconosciuto dall'Onu, Fayez al Sarraj. La conversazione tra Minniti e il generale, sostiene il “Corriere della Sera”, è durata più di tre ore. Haftar, che può contare sul sostegno dell’Egitto e della Russia, sino ad oggi ha mantenuto una posizione di netto distacco dall'Italia, sino al picco di tensione delle scorse settimane, quando il generale ha addirittura minacciato di bombardare le unità della Marina italiana che avessero attraversato il limite delle acque libiche per contrastare il traffico di esseri umani. L'Italia, scrive il quotidiano, sarebbe stata spinta a intraprendere un ruolo di mediazione tra i due governi libici rivali dalla recente iniziativa diplomatica del presidente francese Emmanuel Macron. L’incontro tra Minniti e Haftar potrebbe svolgere un ruolo centrale in tal senso. La "Sueddeutsche Zeitung" sui chiede però quale sia la ragione della riservatezza del ministro italiano in merito all’incontro di Bengasi. Il protagonista silente delle dinamiche diplomatiche delle ultime ore sarebbe l’Egitto, dove Roma invia in questi giorni un nuovo ambasciatore, dopo il lungo periodo freddo seguito alla morte del giovane ricercatore italiano Giulio Regeni.

Continua a leggere l'articolo del Sueddeutsche Zeitung

 


 

Trasporto aereo: Ryanair si candida all'acquisto del lungo raggio di Alitalia

 

Madrid, 7 set - (Agenzia Nova) - La compagnia aerea Ryanair presenterà una "offerta vincolante" per l'acquisto dell'asset "lungo raggio" dell'Alitalia. Il documento, ha spiegato l'amministratore delegato della low cost irlandese Michel O'Leary, verrà presentato entro il prossimo 2 ottobre. Nel caso l'offerta andasse in porto, Ryanair ha comunque intenzione di mantenere separati i due vettori. “Se un domani Alitalia entrasse nel perimetro di Ryanair, continuerebbe ad essere una compagnia diversa dalla nostra e anzi sarebbe addirittura concorrente sul territorio italiano", ha detto O'Leary.

Continua a leggere l'articolo di Expansion

 


 

Qualche buona notizia dall’Italia

 

Londra, 7 set - (Agenzia Nova) - Quest’anno, riferisce il settimanale britannico “The Economist”, al Forum Ambrosetti di Cernobbio, sul Lago di Como, si è sentita una ventata di ottimismo sull’economia italiana, cosa che non accadeva da un decennio. Il prodotto interno lordo è aumentato dell’1,5 per cento su base annua nel secondo trimestre. Il tasso di disoccupazione è salito dall’11,2 all’11,3 per cento tra giugno e luglio, ma il lieve incremento è dovuto soprattutto al fatto che sono aumentate le persone in cerca di lavoro. Gli imprenditori possono contare su un credito più facile, dopo che il salvataggio di Monte dei Paschi di Siena ha lasciato il settore bancario più sano. Restano, tuttavia, molti problemi. Secondo il quotidiano “The Telegraph”, l’Italia rimane l’anello debole dell’Unione Europea: stando a una ricerca della Bertelsmann Foundation, il 44 per cento degli italiani è pronto a votare per lasciare l’Ue, una percentuale superiore a quelle di qualsiasi altro paese membro.

Continua a leggere l'articolo dell'Economist

 


 

Milano torna in voga come capitale finanziaria italiana

 

Londra, 7 set - (Agenzia Nova) - Il 13 settembre, riferisce il “Financial Times”, Milano celebrerà con una cena di gala benefica alla quale parteciperanno un migliaio di politici, imprenditori e finanzieri, i 150 anni della Galleria Vittorio Emanuele, il “salotto buono” della città. Il festeggiamento in grande stile riflette le ambizioni milanesi nell’Europa post Brexit. La capitale economica e finanziaria italiana sta vivendo una rinascita, mentre il paese registra il decimo trimestre consecutivo di crescita. L’Expo 2015, con uno sviluppo immobiliare che ha attirato investitori stranieri, è stato decisivo per il cambiamento di clima. 

Continua a leggere l'articolo del Financial Times

 


 

Migrazioni: i trafficanti aprono una nuova rotta dall’Algeria all’Europea

 

Londra, 7 set - (Agenzia Nova) - Il numero dei migranti arrivati in Italia via mare, riferisce il “Financial Times”, è diminuito ad agosto: 3.813 secondo l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, un terzo rispetto a luglio e un quinto rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. L’impatto delle misure prese dall’Unione Europea per frenare l’afflusso non è ancora chiaro e gli esperti invitano alla cautela sull’interpretazione del dato. L’Italia, riportano “The Times” e “The Telegraph”, ha lanciato un allarme sull’apertura di una nuova rotta mediterranea: dall’inizio dell’anno sono giunte circa 800 persone partite dall’Algeria e approdate sulle coste della Sardegna dopo 24 ore di navigazione su piccole barche di legno. Il governo italiano teme che il paese nordafricano possa sostituire la Libia come punto di partenza.

Continua a leggere l'articolo del Financial Times

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    07 Settembre 2017 - 12:12

    Se andasse in porto il progetto Ryanair per Alitalia, assisteremmo al trapasso dalla resistenza ad oltranza, nel passato, alle logiche del mercato fatta dai dipendenti Alitalia per poi vederli ruzzolare in braccio a colei, Ryanair, che è il caposaldo del mercato senza fronzoli e sconti per nessuno. Domanda: perché non capire in anticipo gli eventi per meglio prevenirli invece di subirli e perdere la possibilità di pilotarli? Questo vale in Italia per tutto ed assiste a questi trapassi non da certo sollievo ma, vedendoli pure contenti, un'amara tristezza.

    Report

    Rispondi

Servizi