La solitudine dell'Italia sui migranti vista dalla Spagna

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Pais, Sueddeutsche Zeitung, Figaro, New York Times...

La solitudine dell'Italia sui migranti vista dalla Spagna

Foto LaPresse

Migrazioni, per la stampa spagnola l'Italia è sola

Madrid, 5 lug 08:35 - (Agenzia Nova) - L'Italia chiede aiuto, l'Unione europea risponde senza convincere, l'Austria blinda le frontiere. Sul tema migranti, la stampa in lingua spagnola pare concorde nel descrivere un quadro di sostanziale isolamento dell'Italia, aggravato dalle promesse austriache di nuovi mezzi militari al Brennero. "La richiesta di aiuto dell'Italia alla Ue per la crisi migratoria non ha ottenuto l'effetto che il governo di Paolo Gentiloni si augurava", scrive "El Pais". La Commissione europea ha risposto "in modo vago" impegnandosi ad elaborare un piano per accelerare la ricollocazione dei rifugiati e un codice di condotta per le organizzazioni non governative che intervengono nelle operazioni di salvataggio. Ma "evitando di menzionare la principale richiesta italiana" sul tema: "che le persone salvate siano sbarcate nei paesi di cui battono bandiera le imbarcazioni" delle ong, "in molti casi spagnole e francesi". "L'Italia si sente isolata e senza il sufficiente appoggio dell'Unione europea", scrive il quotidiano "Abc" fotografando l'attuale cartina continentale: "al rifiuto di Francia e Spagna di far sbarcare nei loro porti i migranti provenienti dalla Libai, notizia molto evidenziata nelle prime pagine dei giornali più importanti del paese, si è aggiunta martedì la minaccia dell'Austria di chiudere il valico del Brennero". L'Austria "ha raddoppiato la pressione in materia di rifugiati", si legge su "El Mundo", mentre in Argentina il quotidiano "Clarin" scrive che "nessuno in Europa ha mostrato interesse nell'aiutare l'Italia", sulla gestione dei flussi migratori. La testata sottolinea che le prese di posizione di Vienna sono prova che l'Austria vede "nell'arrivo dei rifugiati e dei migranti una crisi militare e di sicurezza più che una crisi umanitaria" e che il discorso ben si intona al clima di campagna elettorale che vive il paese alpino. A completare il quadro, ci sono le parole di Vincent Cochetel, inviato speciale dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) nel Mediterraneo: "non è possibile che tutti quanti sbarchino in Italia", ha detto Cochetel, intervistato da "El Pais". "Occorre condividere le responsabilità, non solo dal punto di vista europea, ma anche mediterraneo, con meccanismi innovativi che permettano di separare la responsabilità di portarli a riva da quella di trovare per loro una soluzione", ha spiegato il funzionario in una intervista che affronta anche altri aspetti della crisi migratoria, dai "modesti" risultati dell'operazione Sophia alla mancanza di una lotta coordinata contro le mafie del traffico di esseri umani, alla necessità di impedire che i paesi Ue vendano alla Libia i motori delle barche della morte.

Leggi l’articolo del Pais

Migrazioni, Vienna decisa a presidiare il Brennero con l'Esercito

Berlino, 5 lug 08:35 - (Agenzia Nova) - L’Austria ha predisposto controlli di frontiera più severi sul confine. La ragione è l’elevato numero di rifugiati in Italia. Il ministro della Difesa Peter Hans Doskozil (Spo) prevede anche di utilizzare i soldati per evitare che i rifugiati viaggino verso Nord. Il governo italiano ha convocato l’Ambasciatore austriaco a Roma. Il primo ministro bavarese Horst Seehofer (Csu) ha rinnovato la sua offerta di inviare la polizia bavarese se l’Austria avesse bisogno di aiuto. “Non si deve più ripetere quello che è successo nel 2015. L’Austria dovrebbe chiudere il Brennero”, ha detto Seehofer. Doskozil ha dichiarato alla “Kronen-Zeitung” che si aspetta “tempestivi” controlli di frontiera al passo del Brennero e che "l'assistenza" delle Forze armate sarà “essenziale se l’afflusso verso l’Italia non diminuirà”. 750 militari sarebbero già pronti a rafforzare il presidio del valico. Il capo della polizia tirolese, Helmut Tomac, ha detto che i controlli del Brennero sono “incomprensibili”. Vienna è stata nel 2016 anche una forza trainante per la chiusura della rotta migratoria dei Balcani occidentali. La Commissione europea ha stabilito di aiutare l’Italia con 35 milioni di euro. Roma a sua volta è chiamata ad aumentare le sue capacità di accoglienza approntando con urgenza altri 3.000 posti per la detenzione. “L’Italia è solidale come mai negli ultimi anni”, ha detto il vice Commissario della Ue Frans Timmermans, “ma dato l’alto afflusso anche altri devono fare il loro dovere”. La Croce Rossa Italiana descrive la situazione nei centri di accoglienza del Sud Italia come critica.

Leggi l’articolo del Sueddeutsche Zeitung

Ue, Juncker definisce "ridicolo" il Parlamento europeo semi-deserto

Berlino, 5 lug 08:35 - (Agenzia Nova) - Il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, si è scagliato ieri contro il Parlamento europeo di Strasburgo, semi deserto in occasione di una sessione plenaria con il premier maltese, Joseph Muscat, a conclusione della sua presidenza semestrale del Consiglio europeo. “Il Parlamento europeo è ridicolo, molto ridicolo”, ha detto il politico lussemburghese, prendendo la parola nell'aula. “Se ci fosse stato il cancelliere tedesco Angela Merkel invece di Muscat in sala avremmo avuto il pieno”, ha detto Juncker, proseguendo poi “Io mai più prenderò parte ad un tale tipo di riunione. Il Parlamento deve rispettare la presidenza di piccoli Paesi”. Il Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ha reagito piccato. “La prego di usare una linguaggio differente. Non siamo ridicoli. È il Parlamento che deve controllare la Commissione, e non viceversa”. Lo scontro è stato singolare, scrive "Handelsblatt", dal momento che Juncker e Tajani fanno parte dello stesso gruppo politico europeo.

Leggi l’articolo del Handelsblatt

L'Europa approva il salvataggio di Monte dei Paschi

Parigi, 5 lug 08:35 - (Agenzia Nova) - Sono stati necessari più di sei mesi alla Banca Monte dei Paschi (Mps) per ottenere la luce verde definitiva dall'Europa al suo pian di salvataggio, ma ieri martedì 4 luglio finalmente la Commissione europea ha autorizzato il governo di Roma a versar 5,4 miliardi di euro alla più vecchia banca del mondo. Dopo il fallimento dell'aumento di capitale da 5 miliardi, Monte dei Paschi che lamenta una montagna di 26,1 miliardi di euro di crediti a rischio (prestiti che non saranno mai rimborsati) era stata costretta a rivolgersi allo Stato per evitare il fallimento.

Leggi l’articolo del Figaro

Italia, la Corte dei Conti cita a giudizio Morgan Stanley

New York, 5 lug 08:35 - (Agenzia Nova) - La corte dei Conti italiana ha stabilito di citare a giudizio Morgan Stanley e quattro dirigenti del Tesoro, cui è contestato un danno erariale complessivo di 3,9 miliardi di euro per la chiusura e ristrutturazione di derivati sul debito pubblico; alla banca statunitense è contestato un danno di 2,7 miliardi di euro per i contribuenti italiani, mentre ai dirigenti del Tesoro un ulteriore danno di 1,2 miliardi. La prima udienza si terrà il prossimo aprile.

Leggi l’articolo del New York Times

Robot lunare testato sull'Etna

New York, 5 lug 08:35 - (Agenzia Nova) - Un robot lunare a quattro ruote sviluppato dal German Aerospace Centre, l'agenzia che sovrintende il programma spaziale tedesco, sta effettuando il collaudo sulle pendici del monte Etna, in Sicilia. Il progetto, battezzato Robex (Robotic Exploration of Extreme Environments) coinvolge esperti da Germania, Regno unito, Stati Uniti e Italia. L'obiettivo è sviluppare robot in grado di trasportare e installare strutture sulla superficie della Luna e di Marte in vista delle future missioni su quei corpi celesti.

Leggi l’articolo del New York Times

 


PANORAMA INTERNAZIONALE


 

Più di 100 mila migranti hanno attraversato il Mediterraneo da gennaio

Parigi, 5 lug 08:35 - (Agenzia Nova) - L'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) ieri martedì 4 luglio ha diffuso dati secondo cui più di 100 mila migranti hanno già attraversato il Mediterraneo per raggiungere l'Europa dall'inizio dello scorso mese di gennaio: di questi, oltre l'80 per cento sono sbarcati sulle coste dell'Italia. 

Leggi l’articolo del Figaro

Il militare ucraino arrestato per la morte del reporter Rochelli ha rifiutato di testimoniare

Mosca, 5 lug 08:35 - (Agenzia Nova) - Il 28 enne Vitalij Markov, agente della Guardia nazionale ucraina arrestato in Italia con l'accusa di coinvolgimento nell'omicidio del fotoreporter italiano Donbass Andrea Rocchelli, ucciso nel Donbass nel 2014, ha rifiutato di rispondere alle domande degli investigatori durante l'udienza per la custodia cautelare in italia. L’arresto di Markov a Bologna è stato annunciato il primo luglio. Il militare, con doppia cittadinanza ucraina e italiana, è accusato per il bombardamento di mortaio che ha colpito un gruppo di giornalisti in Donbass nel maggio del 2014. Nell’attacco sono rimasti uccisi il giornalista italiano Andrea Rocchelli e il suo traduttore Andrej Mironov. Le indagini rivelerebbero che il giornalista italiano venne bersagliato intenzionalmente.

Leggi l’articolo del Rt

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi