L'Europa ha lasciato sola l'Italia nell'accoglienza dei migranti?

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano il nostro paese. Oggi articoli di Monde, Financial Times, New York Times, Sueddeutsche Zeitung

L'Europa ha lasciato sola l'Italia nell'accoglienza dei migranti?

Foto LaPresse

Migrazioni, l'Italia torna a criticare i partner europei
New York, 21 giu 08:31 - (Agenzia Nova) - Il governo italiano ha annunciato martedì che gli arrivi di migranti nel paese sono aumentati di un quarto rispetto allo scorso anno, e ha criticato i partner europei che rifiutano il ricollocamento dei richiedenti asilo dai paesi di primo approdo. Stando ai dati presentati dal ministero dell'Interno italiano, due giorni prima di un incontro a Bruxelles in materia di politiche sull'immigrazione, dall'inizio dell'anno sono sbarcati in Italia 71 mila migranti, il 26 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2016. La scorsa settimana la Commissione europea ha avviato una procedura legale a carico di Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca, che rifiutano di farsi carico di una parte dei migranti giunti in Grecia e in Italia. "Mi spiace che non tutti, Europa inclusa, abbiano dimostrato la stessa volontà di accogliere persone", ha detto il premier italiano Paolo Gentiloni in occasione della giornata mondiale dei rifugiati.

Leggi l'articolo del New York Times

Italia, il sindaco M5s di Roma rischia il processo

Washington, 21 giu - (Agenzia Nova) - Virginia Raggi, Sindaco di Roma ed esponente del Movimento5 stelle, rischia il rinvio a giudizio per alcune nomine effettuate dal Campidoglio all'inizio della sua amministrazione. L'agenzia di stampa "Ansa" e "La Repubblica" hanno riferito che la Procura di Roma ha concluso le indagini, e ritiene il sindaco responsabile di abuso d'ufficio nella nomina del capo della sua segreteria politica, Salvatore Romeo; per quanto riguarda invece la nomina del vigile urbano Renato Marra a capo del dipartimento Turismo del Campidoglio, Raggi è accusata di falso in atto pubblico, per aver dichiarato di aver deciso la nomina senza consultare l'allora capo del personale del Campidoglio Raffaele Marra, fratello di Renato. Il sindaco si è detto pronto a collaborare con gli inquirenti.

Leggi l'articolo del Washington Post

Italia, il ministero degli Esteri denuncia un attacco informatico

New York, 21 giu - (Agenzia Nova) - Il ministero degli Esteri italiano ha formalmente denunciato alle autorità giudiziarie un attacco informatico ai danni del suo sito web. Il ministero ha reso noto ieri attraverso un comunicato che i suoi esperti informatici forniranno tutta l'assistenza necessaria ai procuratori incaricati di indagare sull'episodio. Il quotidiano italiano "La Repubblica" ha riferito che il collettivo di hacker "Anonymous Italia" ha pubblicato illegalmente note spesa, contatti e altra documentazione del ministero degli Esteri apparentemente autentica, per dimostrare le spese eccessive di quel dicastero e più in generale dello Stato italiano. La Farnesina si è difesa sostenendo che le spese sono giustificate e oggetto di costante supervisione.

Leggi l'articolo del New York Times

Smantellata rete di traffico di cocaina tra Spagna e Italia

Madrid, 21 giu - (Agenzia Nova) - Una operazione congiunta delle forze di polizia di Italia, Spagna e Panama ha portato all'arresto di 54 persone accusate di traffico illegale di stupefacenti con l'aggravante di associazione mafiosa. L'azione, condotta in Italia tra le province di Roma, Napoli, Reggio Calabria e Rieti, si è chiusa con il sequestro di 600 chili di cocaina importata dall'Ecuador e destinata al mercato italiano. Cruciale, rilevano gli inquirenti, il ruolo svolto da elementi della 'Ndrangheta nella trama criminale internazionale. Ne parla il quotidiano "El Mundo”.

Leggi l'articolo del Mundo


Italia, battaglia sulla riforma della cittadinanza

Berlino, 21 giu - (Agenzia Nova) - Il Senato italiano sta discutendo la legge sulla naturalizzazione dei bambini migranti, ma la materia è estremamente controversa, tanto che la scorsa settimana in aula è scoppiata una vera e propria rissa i parlamentari della Lega Nord e i membri del governo. L’oggetto del contendere è la legge dello “ius soli”. Favorevole al provvedimento è il Partito democratico che vorrebbe estendere il diritto alla cittadinanza a quanti nati in Italia o che abbiano compiuto i 12 anni e che abbiano completato almeno un ciclo scolastico di cinque anni nel Paese ("ius culturae"). Se i genitori provengono da Paesi extra Ue, dovranno dimostrare di possedere un reddito stabile, un alloggio e una buona conoscenza della lingua italiana. Contraria Forza Italia e Fratelli d’Italia, i Cinque stelle si astengono, definendo la legge un “guazzabuglio legale” per bocca del fondatore Beppe Grillo. La legge farebbe diventare nuovi cittadini italiani circa 800 mila giovani.

Leggi l'articolo del Sueddeutsche Zeitung


PANORAMA INTERNAZIONALE


 

Il Papa accusato di aver protetto preti sospettati di pedofilia in Argentina ed Italia

Parigi, 20 giu - (Agenzia Nova) - Il quotidiano francese "Le Mnde" riprende con grande spazio le denunce lanciate contro il Vaticano e lo stesso Papa Francesco, accusati di aver coperto dei preti colpevoli di atti di pedofilia su bambini sordomuti negli istituti fondati in Argentina dalla Compagnia di Maria fondata a Verona nel 1841 da padre Antonio Provolo: sia la magistratura argentina che la procura di Verona hanno aperto delle inchieste penali, ma finora dalla santa Sede non è venuta nessuna cooperazione ed anzi le gerarchie cattoliche hanno rifiutato di trasmettere agli inquirenti le informazioni in loro possesso.

Leggi l'articolo del Monde


La Germania continua a premere per una difesa europea comune

Berlino, 20 giu - (Agenzia Nova) - Secondo il commissario alla Difesa del Bundestag, Hans-Peter Bartels (Spd), l’Europa ha bisogno di accelerare il consolidamento delle sue forze militari, che attualmente restano compartimentate a livello nazionale con inutili duplicazioni finanziarie e strutturali. “Non vogliamo più camminare separati, Germania o Paesi Bassi o Repubblica Ceca piuttosto che Italia”, ha dichiarato Bartels alla “Dpa”. Gli Stati dell'Unione, a patire dai più piccoli, devono avviare secondo Bartels un processo di integrazione della Difesa: “Alla fine ci sarà un esercito europeo”. Paesi Bassi, Repubblica Ceca e Romania, ricorda il parlamentare, hanno già intrapreso un processo di integrazione delle loro Forze armate con quelle tedesche. L’obiettivo dell'Unione è un quartier generale comune; entro la fine dell’anno i processi di pianificazione saranno armonizzati e verrà istituito un fondo per la Difesa comune, come annunciato dal ministero della Difesa tedesco. Il progetto è promosso soprattutto da Germania e Francia, ma sinora ha stentato a decollare, anche a causa delle resistenze da parte del Regno Unito.

Leggi l'articolo del Frankfurter Allgemeine Zeitung

Regno Unito e Unione Europea concordano di concentrarsi sui termini del divorzio nella fase iniziale del negoziato sulla Brexit

Londra, 20 giu  - (Agenzia Nova) - Nel primo giorno di negoziati sulla Brexit, riferisce la stampa britannica, il Regno Unito e l'Unione Europea hanno concordato di concentrare la fase iniziale sui termini del divorzio e sui diritti dei cittadini comunitari: Londra, dunque, ha accettato la sequenza chiesta da Bruxelles. Sia il segretario britannico per l'Uscita dall'Ue, David Davis, che il capo negoziatore della Commissione europea, Michel Barnier, hanno espresso fiducia nella possibilità di raggiungere un accordo, pur sottolineando che sarà una corsa contro il tempo. Altra questione di rilievo è quella della frontiera nordirlandese. Il tema, trattato separatamente dai vice negoziatori, è quello che ha assorbito più tempo nei colloqui, ha ammesso Davis. Una ricerca del "Financial Times" rivela ciò che le imprese britanniche, grandi e piccole, si auspicano dopo le trattative: commerciare con l'Ue senza nuove tariffe o barriere non tariffarie e poter accedere al mercato del lavoro qualificato.

Leggi l'articolo del Financial Times


Regno Unito: Rudd, i musulmani britannici meritano piena protezione e la avranno

Londra, 20 giu - (Agenzia Nova) - L'uomo arrestato per essersi scagliato con un furgone contro la folla vicino alla moschea di Finsbury Park a Londra, uccidendo una persona e ferendone undici, ha un'identità, riferisce la stampa britannica: si chiama Darren Osborne, ha 47 anni, è sposato e padre di quattro figli, risiede a Cardiff e non ha un lavoro stabile; si pensa che abbia agito da solo e si parla anche di disturbi mentali. La premier del Regno Unito, Theresa May, dopo le critiche ricevute per il ritardo nella reazione all'incendio della Grenfell Tower, si è recata prontamente sul luogo dell'attacco e ha promesso di intensificare la sicurezza per i luoghi di culto e la lotta contro ogni forma di estremismo, compresa l'islamofobia. In un articolo pubblicato sul quotidiano "The Guardian", la segretaria all'Interno, Amber Rudd, assicura che i musulmani britannici avranno la piena protezione che meritano; definisce l'accaduto un attentato terroristico e fa appello alla solidarietà nei confronti della comunità islamica.

Leggi l'articolo del Financial Times

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi