La via verso Palazzo Chigi di Renzi passa per Macron

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Les Echos, Bloomberg Business Week, Financial Times, Economist...

La via verso Palazzo Chigi di Renzi passa per Macron

Foto LaPresse

Italia, Matteo Renzi sogna di tornare al potere

Parigi, 28 apr 08:40 - (Agenzia Nova) - In Italia più che altrove è vero l'aforisma secondo cui le promesse impegnano solo chi ci crede: lo scrive il quotidiano economico francese "Les Echos" riferendosi alla promessa di lasciare definitivamente la politica fatta dall'ex presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi prima del referendum costituzionale poi perduto il 4 dicembre scorso. Ben pochi allora credettero a quella promessa, afferma il corrispondente da Roma del quotidiano, Olivier Tosseri; e appena uscito da Palazzo Chigi, Renzi non aveva che un desiderio: rigettarsi nell'arena. A quel tempo tutti si attendevano un duello all'ultimo sangue con la minoranza interna che avrebbe portato alla scissione del Partito democratico (Pd) come preludio alla sua scomparsa; ma nulla di tutto ciò è avvenuto: i frondisti, divisi tra loro al momento di rendere effettiva la loro minaccia, hanno fondato un Movimento democratico e progressista (Mdp) che è già esangue prima ancora di aver combattuto la battaglia. Renzi ora può riaffermare agevolmente la sua presa sul Pd, da cui si era dimesso da segretario in febbraio lanciando le primarie che si concluderanno domenica prossima 30 aprile con una sua più che probabile vittoria; e potrà quindi organizzarne a giugno il congresso. Il partito è in preda ad una profonda crisi di identità e sta perdendo consensi, sorpassato dal Movimento 5 stelle di Beppe Grillo nei sondaggi in vista del delicato scrutinio municipale che si terrà il mese prossimo in diverse grandi città. Tuttavia, scrive il giornalista francese, Renzi ha in testa un solo obbiettivo: vincere le elezioni legislative; sono in calendario per la primavera del 2018, ma lui vorrebbe anticiparle proprio per tornare quanto prima alla guida del governo. Renzi è fiducioso di farcela, commenta "Les Echos", ma innanzitutto dovrà riconquistare una certa legittimità attraverso le primarie del Pd, che potranno definirsi un successo solo se vi parteciperà almeno un milione di elettori. E poi spera molto in una vittoria alle presidenziali in Francia del suo "amico" Emmanuel Macron, che rafforzerebbe la scelta di Renzi sulla strada da far prendere alla sinistra italiana e sarebbe un buon viatico per la sua riconquista del potere: tanto che ne ha ripreso lo slogan "En Marche!" ("In Marcia!", il nome del movimento scelto da Macron alla nuova creatura politica fondata appena qualche mese fa; ndr) ed ha già fatto registrare dai suoi seguaci il dominio web "incammino2017.it".

Leggi l’articolo dell’Echos

Italia: in aumento la fiducia delle imprese

Parigi, 28 apr 08:40 - (Agenzia Nova) - L'indice di fiducia delle imprese italiane è nettamente aumentato nel mese di aprile raggiungendo il livello più alto da circa 10 anni, mentre quello dei consumatori è calato leggermente: lo ha reso noto ieri giovedì 27 aprile l'Istituto nazionale di statistiche (Istat. L'indice delle imprese è passato da 105,1 in marzo a 107,4: il massimo dall'ottobre 2007; quello dei consumatori è sceso da 107,6 a 107,5.

Leggi l’articolo del Figaro

Alitalia in crisi, governo ribadisce di non voler salvare la compagnia

Berlino, 28 apr 08:40 - (Agenzia Nova) - Il Paese non è disposto a partecipare direttamente o indirettamente a un aumento di capitale di Alitalia, ha detto il ministro dell’Economia italiano Pier Carlo Padoan giovedì in Parlamento. La compagnia aerea, in dissesto da decenni, rischia la liquidazione dopo che i dipendenti si sono espressi contro il piano di rilancio degli azionisti all’inizio di questa settimana. La compagnia tedesca Lufthansa ha già reso noto di non essere interessata ad una possibile acquisizione, così come la Norwegian Airline. Alitalia vola attualmente con mezzo milione di euro di perdite al giorno. Il governo italiano intende stanziare un prestito ponte da 300 a 400 milioni di euro per consentire all'azienda di operare per altri sei mesi. La banca Intesa Sanpaolo, uno dei più grandi azionisti e dei creditori di Alitalia, non ha un piano B nel cassetto, ha detto l'ad Carlo Messina.

Leggi l’articolo dell’Handelsblatt

I turisti nudi, un insulto a Roma

Londra, 28 apr 08:40 - (Agenzia Nova) - Lo spettacolo dei turisti nudi che si immergono nella Fontana di Trevi, a Roma, riferisce il quotidiano britannico "The Times", rafforza l'idea che si debba far pagare l'accesso ai monumenti, anche al fine di "tenere fuori i barbari". Il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, ha fatto l'esempio del Pantheon, visitato gratuitamente da sette milioni di persone all'anno: l'edificio ha dei costi di manutenzione e dovrebbe esserci un biglietto di ingresso, anche a un prezzo modesto.

Leggi l’articolo del Times

 

PANORAMA INTERNAZIONALE


 

Gozi, negoziati Brexit tesi a limitare i danni

New York, 28 apr 08:40 - (Agenzia Nova) - I negoziati sull'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea sono un processo di limitazione dei danni, e non di esplorazione di nuove opportunità. Lo ha puntualizzato il ministro italiano per gli Affari europei, Sandro Gozi, in occasione del consiglio dei ministri convocato nel Lussemburgo per stabilire le linee guida delle trattative. Gozi ha escluso che Londra possa tentare di accentuare le divergenze di vendute tra i paesi europei che chiedono un approccio più duro alla Brexit, e quelli invece favorevoli a una linea più aperta al compromesso. "Credo che sia nell'interesse del Regno Unito condurre negoziati ordinati ed efficaci", ha detto il ministro. "L'unico modo per avere negoziati rapidi ed ordinati è di avere due soggetti negoziali: il Regno Unito da una parte, e l'Unione europea dall'altra".

Leggi l’articolo del Bloomberg Business Week

Draghi respinge le critiche tedesche e lascia invariato il programma di stimolo

Londra, 28 apr 08:40 - (Agenzia Nova) - Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, riferisce il "Financial Times", ha resistito alla crescente pressione della Germania a ridimensionare il programma di stimolo, ribadendo che l'economia dell'area dell'euro può ancora vacillare, anche se i rischi sono diminuiti. Il leader della Bce ha spiegato che la ripresa si sta rafforzando, ma che l'inflazione è sottotono e non mostra ancora una convincente tendenza al rialzo. L'Eurotower, come previsto, ha pertanto lasciato invariati i tassi di interesse e il piano di acquisto di bond.

Leggi l’articolo del Financial Times

Come avere una morte migliore

Londra, 28 apr 08:40 - (Agenzia Nova) - La fine della vita è il tema di copertina dell'ultimo numero del settimanale britannico "The Economist". Nel 1990 metà dei decessi nel mondo era causata da malattie croniche; nel 2015 la quota è salita a due terzi. Nei paesi ricchi nella maggior parte dei casi la morte sopraggiunge dopo anni di deterioramento delle condizioni di salute; in quasi due terzi in ospedali o case di cura e dopo anni di trattamenti. La cosa interessante è che la gente non sembra desiderare queste morti medicalizzate e non ritiene prioritario vivere il più a lungo possibile: un sondaggio della Kaiser Family Foundation realizzato in quattro paesi – Stati Uniti, Italia, Giappone e Brasile – rivela che la maggior parte delle persone spera di morire a casa, tra i propri cari, senza dolore e senza essere un peso per i familiari.

Leggi l’articolo dell’Economist

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    28 Aprile 2017 - 12:12

    L'aspirazione di Renzi a tornare premier cozza contro tante sue affermazioni fatte , prima del referendum, già dimenticate dopo due giorni. Quanto al sogno di Renzi di essere Macron, qui siamo in Italia e non in Francia. Tra l'altro Macron è l'uomo delle banche e della finanza, a spianarle la strada il disastro gollista della candidatura di Fillon.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    28 Aprile 2017 - 12:12

    A Porta a Porta un Renzi molto ringalluzzito ( a parte i fischi della dentiera) e uscito dalla prostrazione del referendum perso ritrovando fiducia in quella sua scelta ,Tornerà segretario ma la strada è lunga perchè dopo rieletto i suoi competitori torneranno nemici feroci e intrattabili.

    Report

    Rispondi

Servizi