L'Ue ora chiede di trattenere più migranti

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Figaro, Financial Times, New York Times, Les Echos...

L'Ue ora chiede di trattenere più migranti

Foto LaPresse

Italia: "En Marche!" ispira Matteo Renzi

Parigi, 3 mar 08:27 - (Agenzia Nova) - L'ex capo del governo italiano Matteo Renzi, che sta tentando di riconquistare la guida del suo Partito democratico (Pd, centrosinistra), ha ripreso il nome del movimento "En Marche!" lanciato in Francia dal candidato indipendente di centrosinistra Emmanuel Macron: in visita a Reggio Calabria ieri giovedì 2 marzo, Renzi ha postato sulla sua pagina Instagram una foto, che lo ritrae a passeggio sul lungomare assieme al sindaco della città Giuseppe Falcomatà, e nella didascalia ha inserito lo hashtag #incammino ("en marche" in francese). Secondo la stampa italiana, il dominio internet "incammino2017.it" è stato già registrato da alcuni collaboratori di Renzi e del resto degli account "InCammino" sono presenti su Facebook e su Twitter già dal maggio del 2016, un mese dopo la creazione del movimento "En Marche!" in Francia, e da allora sono molto attivi nel sostenere Renzi.

Leggi l’articolo del Figaro

L'Italia scossa da un caso di corruzione

Parigi, 3 mar 08:27 - (Agenzia Nova) - "I figli non devono pagare per le colpe dei padri": il quotidiano francese "Les Echos" attribuisce questo antico adagio a Matteo Renzi che in questi giorni ha visto il nome della sua famiglia citato nel quadro dell'inchiesta penale per corruzione tra Roma e Napoli sugli appalti truccati della Centrale acquisti dell'amministrazione pubblica italiana per una somma di circa 2,7 miliardi di euro, la più importante in Europa. Ad essere citato nelle indagini, come spiega il corrispondente da Roma del giornale economico francese, è il padre di Renzi, Tiziano: gli inquirenti lo sospettano di aver fatto da tramite in cambio di denaro tra gli imprenditori e le più alte sfere politiche; il reato ipotizzato è "traffico di influenza". Tiziano Renzi nega e smentisce tutto, ma certamente suo figlio Matteo avrebbe ben preferito non vedere il suo nome citato sulla stampa della Penisola: ha basato tutta la sua ascesa sulla promessa di rivoluzionare il modo di far politica in Italia; e del resto il suo principale avversario è quel Movimento 5 stelle che si atteggia a campione dell'assoluta onestà, anche se in questo è sempre meno credibile. Matteo Renzi comunque ha riaffermato la propria completa fiducia nell'opera della giustizia ed evita accuratamente di polemizzare con i magistrati: per suo conto se ne incaricano i suoi fedeli, che denunciano manovre per screditarlo. In questa fase politica Matteo Renzi è lanciato alla riconquista del potere e le sue prossime tappe sono il congresso e le primarie del suo Partito democratico, che è sull'orlo dell'implosione; c'è quindi un altro antico adagio che vorrebbe a tutti i costi evitare di sentire: "Tale padre, tale figlio".

Leggi l’articolo dell’Echos

Rinviata alla prossima settimana la scadenza per le offerte per Ilva

Londra, 3 mar 08:27 - (Agenzia Nova) - La scadenza per la presentazione delle offerte per le acciaierie Ilva, riferisce il "Financial Times", è stata rimandata alla prossima settimana. La compagnia è protagonista di una lunga e complessa vicenda di danni ambientali, insolvenza e temporanea nazionalizzazione. Il governo italiano ha assunto il controllo dello stabilimento di Taranto nel 2015, dopo il sequestro giudiziario dovuto alle emissioni tossiche. In lizza per l'acquisizione ci sono due consorzi: uno comprendente ArcelorMittal e Marcegaglia e l'altro Delfin, Cassa Depositi e Prestiti, Arvedi e Jsw.

Leggi l’articolo del Financial Times

 

PANORAMA INTERNAZIONALE


 

L'Europa comincia a pensare l'impensabile

Londra, 3 mar 08:27 - (Agenzia Nova) - Alcuni analisti indipendenti, riferisce l'editorialista del "Financial Times" Tony Barber, stanno cominciando a pensare l'impensabile sul futuro dell'Europa. Ad esempio, un rapporto di MacroGeo, società di consulenza presieduta da Carlo De Benedetti, dal titolo "Europe in the Brexit and Trump Era: Disintegration and Regrouping", arriva a conclusioni radicali, prevedendo che l'Unione Europea nell'attuale forma è destinata a dissolversi, anche con la vittoria degli europeisti in Francia e Germania. Tendenze geopolitiche di lungo termine, infatti, stanno portando l'Ue all'atrofia: sfide multiple ai confini orientali e meridionali, immigrazione, crisi degli Stati, cambiamento climatico, revisionismo russo e disimpegno statunitense.

Leggi l’articolo del Financial Times

Migrazioni, l'Ue chiede agli Stati membri di trattenere più clandestini

New York, 3 mar 08:27 - (Agenzia Nova) - L'Unione europea ha chiesto agli Stati membri di detenere un maggior numero di migranti clandestini in attesa della loro espulsione, anziché lasciarli liberi di circolare sul territorio. "Il tasso dei rimpatri è migliorato", ha dichiarato ieri il commissario europeo per le Migrazioni, Dimitris Avramopoulos, presentando una nuova proposta non vincolante della Commissione europea per l'accelerazione delle procedure di rimpatrio dei migranti irregolari. "Gli Stati membri - ha detto il commissario - dovrebbero ricorrere alla possibilità di trattenere i migranti in stato di detenzione, se esiste il rischio di una loro latitanza e per il tempo sufficiente a completare le procedure di rimpatrio". La proposta della Commissione ha suscitato le critiche di Amnesty International, secondo cui "la detenzione dei migranti irregolari, tra le categorie di individui più vulnerabili in Europa, dovrebbe essere l'ultima istanza". L'Ue stima che in Europa risieda attualmente almeno un milione di migranti che dovrebbero essere rimpatriati, ma che solo un terzo dei destinatati di provvedimenti di espulsione lasciano davvero il territorio dell'Unione.

Leggi l’articolo del New York Times

Pressione sulla Bce con l'inflazione al livello più alto da quattro anni

Londra, 3 mar 08:27 - (Agenzia Nova) - L'inflazione dell'area dell'euro è salita al livello più alto da quattro anni, raggiungendo a febbraio l'obiettivo del due per cento programmato dalla Banca centrale europea. L'aumento dei prezzi, riferisce il "Financial Times", spinge la Germania a rinnovare la richiesta di revisione della politica monetaria. Il presidente della Bce, Mario Draghi, è di fronte a una scelta difficile, dovendo decidere se segnalare o no l'inizio di un ridimensionamento delle misure estreme adottate per evitare una tripla recessione.

Leggi l’articolo del Financial Times

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzolodigiani

    03 Marzo 2017 - 11:11

    Renzi si appresta a ricandidarsi alla segreteria del PD ed ecco che si risveglia la giustizia ad orologeria, con una inchiesta per corruzione che ne vede coinvolto il padre. Le colpe dei padri non devono ricadere sui figli, d'accordo . Fossi in Matteo, pero', proverei a trovare un'occupazione al suo, tanto per distrarlo, non defatigante, ha una certa età'.

    Report

    Rispondi

  • Alessandra

    03 Marzo 2017 - 09:09

    Ma come ???? ma i migranti non erano "risorse"?? e che , si incarcera il PIL????? si espelle e si rimpatria il PIL???? Al solito, l'ideologia cozza con la realtà e i bei principi umanitari dei liberal europei pian piano vanno in soffitta spazzati via dal buon senso dei popoli europei che, di accogliere mezza africa e mezzo medio oriente , non ne vogliono sapere. Gli autori della follia pagheranno caro

    Report

    Rispondi

    • mauro

      03 Marzo 2017 - 13:01

      Pagheranno, non c'è dubbio. ma non abbastanza in fretta. Anche perchè il veleno del politicamente corretto si diffuso profondamente, e non è detto che alla fine la Le Pen e Wilders ce la facciano. Come non ce l'hanno fatta i "populisti" in Austria e non la ce faranno in Germania. Anche se Wilders è ancora in vantaggio in Olanda e la Le Pen è avvantaggiata dalle difficoltà di Fillon, dato che dubito che la destra "moderata" francese si precipiterà in massa a votare per Macron al secondo turno. Rimane Grillo, ma una volta saltati giù dalla padella, bisognerà imparare a camminare sulla brace.

      Report

      Rispondi

      • Alessandra

        03 Marzo 2017 - 14:02

        Caro Mario, sulla non riuscita dell'AFD in Germania devo dire che ci spero proprio (i tedeschi sono l'unico popolo al mondo che preferisco in modalità "socialdemocratica " e "buonista": sarà un retaggio???), mentre in Olanda e Francia prego per i populisti perché è la politica immigrazionista forzosa, a mio vedere, che ha demolito in sogno dell'Europa per gli europei. Tolto questo bubbone, l'economia e la finanza si sistemeranno . Ne sono certa.

        Report

        Rispondi

Servizi