L'incontro tra Salvini e il cardinal Burke divide il Vaticano

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Les Echos, Times, Guardian, Spiegel, Abc

L'incontro tra Salvini e il cardinal Burke divide il Vaticano

Il Cardinale Raymond Leo Burke (foto LaPresse)

Ministro Esteri tedesco Gabriel, opportunità da un riavvicinamento Usa-Russia e meno vincoli per gli Stati Ue

 

Amburgo, 6 feb - (Agenzia Nova) - Il ministro degli Esteri tedesco, Sigmar Gabriel (Spd), ha incontrato pochi giorni fa il vicepresidente Usa Mike Pence. A margine dell'incontro, il ministro ha dichiarato alla rete televisiva “Ard” che un rilassamento delle relazioni tra Stati Uniti e Russia sarebbe di buon auspicio per la soluzione delle cirsi in Siria e Ucraina, così come per il disarmo in Europa. “Speriamo tutti che gli accordi tra Stati Uniti e Russia non ricadano sull’Ucraina o l’Europa”, ha dichiarato però il ministro. Gabriel è stato anche ospite del programma televisivo “Report da Berlino” circa il lassismo finanziario e la gestione del debito nella Ue. “Non ha senso applicare al millimetro i parametri per la Francia, o combattere con l’Italia fino all’ultimo per un deficit di bilancio dello 0,2 per cento. Ai Paesi che hanno attuato le riforme, la Ue dovrebbe dare il tempo di ridurre i loro disavanzi”, ha detto il ministro. Gabriel ha citato come esempi Francia, l’Italia e il Portogallo. Ed è tornato a sollecitare investimenti per promuovere la crescita e l'occupazione, “così che la gente possa scorgere benefici concreti dall'appartenenza all'Europa”, ha rimarcato.Il ministro non ha nominato il suo collega delle Finanze Wolfgang Schauble (Cdu), che insiste per una rigorosa disciplina di bilancio.

Continua a leggere l'articolo dello Spiegel

 


 

Europa: il socialismo affonda, Renzi politico arrogante

 

Madrid, 6 feb - (Agenzia Nova) - Incalzato dalle "forze populiste di ogni segno", "il socialismo europeo affonda". L'elettorato della sinistra moderata preferisce seguire "chi offre analisi chiare e presunte risposte semplici". Ma soprattutto, i socialdemocratici - funzionari della politica, attivisti passati direttamente dalle università alla cosa pubblica - scontano il fatto di non avere leader passati per "il bagno della vita reale". Lo scrive il quotidiano spagnolo "Abc" in un nuovo tentativo di spiegare le dinamiche della crisi della sinistra europea. Tra i casi passati in rassegna non manca quello italiano. E il giudizio su Matteo Renzi è impietoso. Il segretario del Pd ha detto di aver tirato male un rigore, dimostrando di non aver "approfondito le cause della sua sconfitta, tra cui c'è il suo falso ottimismo e le promesse incompiute. All'inizio del suo mandato era a contatto con la strada, quindi si è rinchiuso in una torre d'avorio. Per sedurre il centrodestra non ha avuto scrupoli ad abbattere i simboli della socialdemocrazia", come nel caso del "lincenziamento libero". "Politico arrogante", Renzi credeva di avere la strada libera in un paese in cui la socialdemocrazia era in rovina e il berlusconismo cadeva, "ma non ha compreso la realtà del paese che almeno esigeva onestà".

Continua a leggere l'articolo di Abc

 


 

Il cardinale statunitense Raymond Burke alimenta le tensioni in Vaticano incontrando Matteo Salvini

 

Londra, 6 feb - (Agenzia Nova) - Raymond Burke, un potente cardinale statunitense in contrasto con papa Francesco, ha incontrato a Roma il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, estimatore del presidente Usa, Donald Trump. L'incontro, secondo il quotidiano britannico "The Guardian", indica che le divisioni tra i tradizionalisti e il pontefice stanno diventando sempre più politiche. All'interno della Chiesa Cattolica i sostenitori del messaggio di inclusione di papa Bergoglio si sono espressi contro il bando ai migranti voluto dalla nuova amministrazione di Washington.

Continua a leggere l'articolo del Guardian

 


 

Intesa Sanpaolo frena sul dossier Generali

 

Parigi, 6 feb - (Agenzia Nova) - Intesa Sanpaolo conferma il suo status di banca tra le più solide in Italia: il suo risultato netto registrato nel 2016 è aumentato del 13,6 per cento a 3,1 miliardi di euro ed ha confermato il versamento di dividendi per 3 miliardi; inoltre negli "stress-test" condotti su 51 banche europee, i suoi risultati sono stati tra i migliori. L'amministratore delegato Carlo Messina non cessa di ripetere che a solidità finanziaria della banca e la sua capacità di distribuire dividendi agli azionisti non sono affatto in discussione; e lo fa soprattutto ora che, più dei risultati del 2016, sono le prospettive per il 2017, con un eventuale avvicinamento a Generali, che stanno suscitando più commenti e congetture. Dopo una settimana di voci e speculazioni, sia sulla stampa che nei mercati, Intesa Sanpaolo ha dunque tenuto a riportare la calma su questo dossier: la banca smentisce categoricamente di star preparando un'offerta in azioni per la società di assicurazioni di Trieste e precisa che un avvicinamento per ora non è che una "ipotesi di lavoro"; sulla quale peraltro non sarà convocata nessuna riunione straordinaria del suo consiglio di amministrazione. La smentita tuttavia non convince gli analisti, secondo i quali il comunicato diramato da Intesa Sanpaolo non farebbe tutta la chiarezza necessaria sull'argomento Generali. Ad ogni modo Messina ha dichiarato che "noi non siamo dei corsari", come se volesse evocare un possibile ruolo di raider sulle Assicurazioni Generali da parte della francese Axa e della tedesca Allianz.

Continua a leggere l'articolo di Les Echos

 


 

L'industria alimentare britannica teme l'esodo di lavoratori comunitari a causa della Brexit

 

Londra, 6 feb - (Agenzia Nova) - Alcune catene di supermercati nel Regno Unito, come Tesco, Morrisons e Asda, riferiscono i quotidiani britannici "The Times" e "The Telegraph", hanno iniziato a introdurre limiti sui quantitativi di lattuga acquistabili dai clienti a causa della carenza di prodotto dovuta ai cattivi raccolti in Spagna, Italia e Grecia. Sta vivendo un boom, invece, riporta "The Telegraph", l'elicicoltura italiana, l'allevamento di lumache per scopi gastronomici e cosmetici: secondo i dati di Coldiretti, la produzione è stimata in 44 mila tonnellate l'anno e il valore in 180 milioni di sterline. Il "Financial Times" segnala, infine, che nell'agricoltura, nell'industria alimentare e nella ristorazione in Gran Bretagna c'è preoccupazione per le conseguenze della decisione di uscire dall'Unione Europea: in previsione della Brexit molti lavoratori comunitari di questi settori stanno scegliendo di non restare nel paese.

Continua a leggere l'articolo del Times

 


Panorama internazionale

 

 

Germania, polemiche sui tentativi di esclusione dei rfugiati dal Carnevale di Colonia

 

Berlino, 6 feb - (Agenzia Nova) - La Polizia del Reno-Vestfalia del Nord (Nrw) ha raccomandato che i rifugiati non festeggino il carnevale, un comunicato da cui L'ufficio nazionale competente per i servizi di polizia centrale, (Lzpd) ha preso prontamente le distanze. Il portavoce del comitato organizzatore del Carnevale di Colonia, Sigrid Krebs, ha detto domenica: “Al Carnevale di Colonia tutte le persone sono le benvenute!” Come riferito dal “Koelner Stadt-Anzeiger” sabato scorso, la Polizia del land aveva inviato alla fine di gennaio una mail alla comunità dei rifugiati di Colonia. Nella mail si metteva in guardia, vista la situazione nel Paese, dall'evitare il più possibile contatti con la cittadinanza tedesca, per evitare di alimentare possibili tensioni. Il Consiglio sui rifugiati di Colonia ha risposto con indignazione e ha accusato la polizia di fare una profilatura in base alla razza. A quel punto l'Lzpd ha sconfessato l'Nrw prendendo le distanze dall’e-mail inviata, e bollandola come non autorizzata. Claus-Ulrich Proelss, del Consiglio dei rifugiati, ha espresso preoccupazione per “la profilatura di carattere razziale operata dalla polizia”, riferendosi anche agli accadimenti di Capodanno.

Continua a leggere l'articolo della Faz

 


 

Germania, manca personale per combattere il terrorismo

 

Berlino, 6 feb - (Agenzia Nova) - Il procuratore generale tedesco Peter Frank, ha chiesto tramite una lettera ai ministri di Giustizia dei 16 Stati federali tedeschi un rafforzamento del personale destinato alla sicurezza e al contrasto al terrorismo. La missiva ha innescato un dibattito politico nel fine settimana. “In tempi di minacce terroristiche la lettera del procuratore generale suona come una sirena di allarme”, ha detto il presidente della Commissione giuridica parlamentare, Renate Kuenast (Verdi). Critiche anche dal vice capo dell’Fdp Wolfgang Kubicki che ha parlato di “un’incredibile gaffe del Governo’. Il Procuratore generale Peter Frank aveva lamentato il fatto che a causa della natura multiforme della minaccia terroristica “si sono raggiunti i limiti di prestazione dell’ufficio del Procuratore”, come riportato dallo “Spiegel”. Aveva ribadito inoltre che la lotta al terrorismo e la prevenzione degli attacchi non sono “un compito che il suo ufficio può garantire più adeguatamente senza un adeguato sostegno di personale dei vari Stati”. Un portavoce del ministro della Giustizia tedesco, Heiko Maas (Spd), ha dichiarato domenica che il dicastero non ignora l'appello del procuratore. Ha sottolineato come la procura federale abbia ricevuto 17 nuovi collaboratori lo scorso anno, e altri 10 ne siano previste in arrivo per il 2017. Appoggio a Frank è stato manifestato dal ministro della Giustizia bavarese Winfried Bausback (Csu). L’agenzia di Karlsruhe ha perseguito reati contro la sicurezza interna ed esterna, come il tradimento o il terrorismo. Una parte dei circa 200 dipendenti sono procuratori o giudici dai singoli Stati che sono distaccati per tre anni. Secondo lo “Spiegel”, in ambienti giudiziari la richiesta di Frank è stata giudicata “incomprensibile”, alla stregua di un tentativo di "accattonaggio" di risorse da parte del governo federale. Secondo Renate Kuenast (Verdi) Maas dovrebbe porre rimedio alla carenza di personale senza alcun indugio.

Continua a leggere l'articolo del Sueddeutsche Zeitung

 


 
Francia, Fillon gioca il tutto per tutto "di fonte ai francesi" per tentare di uscire dal vicolo cieco

 

Parigi, 6 feb - (Agenzia Nova) - E' la sua ultima chance, la sua ultima carta: il candidato del centro-destra alle elezioni presidenziali di aprile-maggio in Francia, Francois Fillon, oggi lunedì 6 febbraio tenterà di uscire dal vicolo cieco in cui l'ha cacciato il "Penelope-gate", lo scandalo dell'impiego fittizio pagato dal Parlamento a sua moglie Penelope, rivolgendosi "direttamente ai francesi". Secondo quanto anticipato dai suoi collaboratori, Fillon oggi farà uno o più interventi sui media per cercare di spiegare la posizione sua e dei suoi familiari (nella vicenda sono coinvolti anche i suoi due figli, ndr) e spegnere i dubbi sulla sua candidatura che lo scandalo ha seminato tra i suoi stessi sostenitori. A quanto pare, Fillon ribadirà che non rinuncerà alla candidatura alle presidenziali, forte del fatto che nel suo partito I Repubblicani (LR, ex-Ump) non c'è consenso su un possibile "piano B". Domani martedì 7 febbraio poi Fillon incontrerà i parlamentari repubblicani all'Assemblea Nazionale ed al Senato.

Continua a leggere l'articolo di Les Echos

 


 

Netanyahu nel Regno Unito in cerca di sostegno contro l'Iran

 

Londra, 6 feb - (Agenzia Nova) - Il primo ministro di Israele, Benjamin Netanyahu, riferisce la stampa britannica, incontrerà oggi a Londra, per la prima volta, la premier del Regno Unito, Theresa May. Il colloquio verterà sul rafforzamento delle relazioni diplomatiche, economiche e di sicurezza. Il leader israeliano, contrario all'accordo sul nucleare iraniano, cercherà il sostegno della Gran Bretagna contro quella che definisce "un'aggressione provocatoria" da parte dell'Iran. May ribadirà l'opposizione alla costruzione di nuovi insediamenti nei territori palestinesi occupati.

Continua a leggere l'articolo del Financial Times

 


 

Regno Unito-Israele, Netanyahu e May a confronto sui casi di antisemitismo

 

Gerusalemme, 6 feb - (Agenzia Nova) - Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, discuterà del preoccupante aumento dei casi di antisemitismo nel Regno Unito con il suo omologo britannico, Theresa May. I due premier si incontreranno a Londra oggi. L'incontro segue di alcuni giorni la pubblicazione di una relazione annuale da parte del Community Security Trust, ente che si occupa di rilevare i casi di antisemitismo nel Regno Unito e che ne ha denunciato un'impennata senza precedenti nel 2016. In un'intervista alla "Jerusalem Post", David Bitan, parlamentare del Likud, ha dichiarato che l'aumento del livello di antisemitismo è un sottoprodotto del sentimento anti-immigrazione che pervade l'Europa e altri paesi in tutto il mondo.

Continua a leggere l'articolo del Jerusalem Post

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi