Tutte le sfide che attendono l'Italia nel 2017

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Handelsblatt, Financial Times, New York Times, Bloomberg Business Week

Palazzo Chigi. Giuramento dei sottosegretari del governo Gentiloni

Palazzo Chigi. Giuramento dei sottosegretari del governo Gentiloni (foto laPresse)

Un 2017 difficile per l’Italia
Berlino, 30 dic 08:39 - (Agenzia Nova) - Dopo i recenti attacchi terroristici di Berlino, la situazione sulla sicurezza in Italia rimane tesa, ha spiegato il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. “Non c’è Paese che sia esente da rischi”, ha detto il premier italiano durante una conferenza stampa di fine anno a Roma. “Siamo nel Mediterraneo, una delle regioni in crisi più pericolose del mondo. In Italia la convivenza ha maggior successo che in altri Paesi, ma la minaccia può arrivare dall’esterno” ha continuato riferendosi al terrorista di Berlino Anis Amri, arrivato in Italia nel 2011 e lì radicalizzatosi. Gentiloni ha anche citato l’elevato tasso di disoccupazione del Sud del Paese e la crisi di Monte dei Paschi di Siena. La soluzione di quest'ultima crisi potrebbe richiedere mesi, ha dichiarato Gentiloni. Il Governo italiano ha stanziato un fondo da 20 miliardi per tutto il sistema bancario italiano. Ha inoltre sottolineato la volontà di proseguire con le riforme, avviate dall'ex premier Matteo Renzi, per far crescere l’economia e il Paese prima delle elezioni politiche, che si terranno forse nel 2017. Alla fine di maggio ci sarà un vertice del G7, di cui l’Italia ha la presidenza. Inoltre Gentiloni si è detto disponibile a promuovere il dialogo con la Russia. “È sbagliato tornare alla logica delle guerra fredda. Non ha più senso oggi”, ha dichiarato.

Italia, il premier Gentiloni intende sanare le divisioni del paese
New York, 30 dic 08:39 - (Agenzia Nova) - Il presidente del Consiglio italiano, Paolo Gentiloni, si è impegnato ieri per superare le divisioni causate nel paese dal referendum costituzionale di inizio dicembre e proseguire le riforme economiche iniziate dal suo predecessore, Matteo Renzi. Gentiloni, che ha assunto la guida del governo appena tre settimane fa, ha tenuto la consueta conferenza stampa di fine anno, impegnandosi a lavorare per "sanare le divisioni che minacciano la coesione del nostro tessuto sociale". Gentiloni ha ribadito che il suo governo rimarrà in carica sinché avrà la fiducia del parlamento, ed ha escluso che l'Esecutivo sia in qualche modo intimorito dalla prospettiva di elezioni anticipate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi