Lo stato italiano salverà Mps

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Times, Telegraph, Financial Times, Guardian, New York Times

Lo stato italiano salverà Mps
Il guru britannico del Movimento 5 stelle "governa Roma"
Londra, 22 dic 08:35 - (Agenzia Nova) - "Un misterioso guru del web per metà britannico esercita sull'ufficio del sindaco di Roma un potere tale da fargli attribuire la gestione della città". Così il quotidiano "The Times" parla di Davide Casaleggio, 40 anni, figlio di Gianroberto, il confondatore dell'M5s, e di madre britannica. L'uomo, erede della società di internet marketing Casaleggio Associati, ha assunto un ruolo cruciale nella capitale, la cui sindaca, Virginia Raggi, è accusata di incompetenza. Un suo ex dipendente, Marco Canestrari, sostiene che non svolga affatto un ruolo esclusivamente tecnico, ma che sia il vero capo, più di Beppe Grillo. Il politico di opposizione Alessandro Onorato lamenta l'assenza di Raggi dall'aula del consiglio comunale, dove è comparsa solo pochi minuti, parte dei quali trascorsi a leggere fax di Casaleggio.
 

 
Lo Stato italiano salverà Monte dei Paschi di Siena
Londra, 22 dic 08:35 - (Agenzia Nova) - Il Monte dei Paschi di Siena, riferisce la stampa britannica, in particolare il "Financial Times", sarà salvato dallo Stato italiano, con un pacchetto da venti miliardi di euro, dopo il fallito tentativo, guidato da JPMorgan, di un aumento di capitale di cinque miliardi e l'insufficiente scambio di obbligazioni per azioni. Il piano di salvataggio privato era stato impostato durante l'estate da Matteo Renzi, allora presidente del Consiglio, e Jamie Dimon, amministratore delegato di JPMorgan, uno dei banchieri più potenti del mondo: il primo ha perso il potere, il secondo non è riuscito a realizzare la ricapitalizzazione. Le recriminazioni sono iniziate e tra le banche di investimenti c'è chi punta il dito contro Dimon, accusato di aver fatto valutazioni errate, costate tempo e fiducia. Il caporedattore finanziario del quotidiano "Guardian", Nils Pratley, commenta: la classe politica italiana dovrebbe essere molto preoccupata della necessità di un salvataggio pubblico, perché la mancanza di capitali privati dimostra che la fiducia degli investitori nell'Italia è crollata.
 
 
Caccia all'uomo europea per il sospetto attentatore di Berlino
Londra, 22 dic 08:35 - (Agenzia Nova) - In evidenza sulla stampa britannica la caccia all'uomo europea del tunisino sospettato di essere l'autore della strage di Berlino: Anis Amri, 24 anni, giunto in Italia nel 2011 dopo la rivoluzione araba, per quattro anni detenuto in Sicilia per aver appiccato il fuoco in un centro migranti e poi espulso. Anche prima il suo nome compariva su una lista di sospetti terroristi islamici e le autorità italiane e tedesche avevano cercato di espellerlo, non riuscendovi per la mancanza di documenti tunisini validi.
 
 
L'Italia sopraffatta dalla crisi migratoria
New York, 22 dic 08:35 - (Agenzia Nova) - Il "New York Times" dedica un articolo corredato da video alla gravissima crisi migratoria affrontata dall'Italia, che dall'inizio dell'anno ha già prestato soccorso a oltre 180 mila migranti. La Guardia costiera risponde quotidianamente a richieste di soccorso lanciate da barconi carichi di migranti al largo delle coste libiche; sul suolo italiano, i comuni e le autorità locali faticano a reperire strutture e mezzi di accoglienza per i migranti che tentano di proseguire il loro viaggio verso il Nord Europa, ma che vengono perlopiù respinti al confine dai paesi vicini. Le forze dell'ordine sono alle prese con l'identificazione delle centinaia di migranti morti in mare. L'Europa non presta alcun aiuto sostanziale, cosicché la crisi migratoria rischia sempre più di assumere i contorni di una crisi politica.
Italia, restituiti i 17 dipinti rubati a Verona
New York, 22 dic 08:35 - (Agenzia Nova) - 17 opere d'arte valutate 17 milioni di euro sono state restituite all'Italia dall'Ucraina nella giornata di ieri. I dipinti erano stati rubati lo scorso anno da una banda di uomini armati presso la galleria di Castelvecchio, a Verona, e recuperati sette mesi fa dalle autorità ucraine. Il ministro della Cultura italiano, Dario Franceschini, si è personalmente recato a Kiev per prendere in consegna i dipinti, che non avrebbero subito alcun danno degno di nota. Tra le opere rubate figurano quadri di Rubens, Tintoretto e del Mantegna.
 

PANORAMA INTERNAZIONALE
 
UniCredit: Jean-Pierre Mustier "estremamente fiducioso”
Berlino, 22 dic 09:33 - (Agenzia Nova) - Jean-Pierre Mustier, amministratore delegato di UniCredit, la prima banca italiana per asset, si è detto molto fiducioso in merito alle possibilità di successo dell'ambizioso piano di riordino presentato nei giorni scorsi. "Non è possibile controllare la fortuna, però si può fare molto per guadagnare" ha dichiarato in un’intervista ad ’“Handelsblatt”. “UniCredit è una banca solida, molto competitiva, ma il mio lavoro è uno dei più difficili nel settore. Quando a giugno mi è stato chiesto come andassero le cose, sono stato troppo ottimista per il mio attaccamento emotivo alla banca”, ha proseguito. Le conseguenze politiche del risultato del referendum del 4 dicembre non hanno influito, secondo Mustier, sul quadro economico italiano. Purtuttavia la crisi bancaria causata dalla lunga recessione è profonda. Mustier, che preferisce non commentare l’intenzione del Governo di aumentare il debito pubblico di 20 miliardi per salvare le banche, ritiene che il futuro dei regimi previdenziali e pensionistici italiani sia migliore di quello di Germania e Francia. UniCredit ha un piano strategico di ricapitalizzazione per 13 miliardi di euro, attraverso “obiettivi specifici e raggiungibili che riguardano la gestione dei costi e dei rischi”, sostiene l’Ad della banca. Per il risanamento della Banca è stata inoltre venduta la quota di Pekao in Polonia, una parte di Fineco Bank e la società di gestione patrimoniale Pionieer, così come la maggior parte di un portafoglio di 17,7 miliardi di euro di crediti inesigibili. Inoltre sono previsti licenziamenti di 14 mila dipendenti, oltre alla rinuncia parziale del compenso da parte dell'amministratore delegato stesso. “Siamo una banca commerciale con un modello d’investimento integrato e orientato al cliente e al sostegno finanziario delle aziende. Questa è l’evoluzione delle banche del XXI secolo”, afferma Mustier. Il piano di risanamento ha un calendario di tre anni, ma il risanamento completo ne richiederà 20. Unicredit ha radici italiane, ma è una banca pan-europea. “Parlo inglese con i miei colleghi. Fortunatamente, non mi lamento di una mancanza di sostegno. Il Consiglio è stato molto costruttivo - come tutti i miei colleghi, i nostri clienti e le autorità”.
 
Amburgo, Misure di sicurezza rafforzate dopo  l'attacco a Berlino (Foto LaPresse)
 
Ue, sulla strada per l’unione della sicurezza
Berlino, 22 dic 09:33 - (Agenzia Nova) - L’Unione europea intende dotarsi di procedure più lineari ed efficaci per combattere il terrorismo, la criminalità organizzata e il riciclaggio di denaro sporco. Bruxelles punta a istituire un’“unione delle sicurezza”, una proposta che ha posto sul tavolo dei lavori prima della crisi di attacchi terroristici dell'ultimo anno. E' prevista l'uniformazione del diritto penale per i reati legati al riciclaggio di denaro sporco, chiudendo in questo modo scappatoie legali e differenze legislative tra i diversi Paesi. Inoltre è previsto un rafforzamento della cooperazione transfrontaliera per il contrasto alla criminalità organizzata. Un maggiore coordinamento è il modo più efficace per combattere la guerra al terrore, sostiene Julian King, commissario europeo responsabile della Sicurezza. Si prevedono inoltre inasprimenti dei controlli doganali, ladddove attualmente è consentito il trasporto di denaro contante fino a 10 mila euro. In futuro saranno possibili controlli anche per cifre inferiori. Verrà effettuato il controllo a campione di pacchi e merci, e si lavorerà anche al recepimento delle decisioni giudiziare da parte dei vari paesi dell'Unione. La Commissione vuole tutelare la libera circolazione nell'area di Schengen istituendo appositi registri dell’Interpol, e ci sarà uno scambio dati attraverso l’agenzia di polizia Europol tramite un database comune. Dovrebbe essere inoltre facilitata l’espulsione per le persone senza permesso di soggiorno. Verrò istituito anche un registro apposito per i migranti su cui pesa un provvedimento di espulsione. “L'Ue è più forte e più resistente di un anno fa” ha dichiarato Avramopoulos Dimitris, commissario per l’Interno.
 

 
Germania, dopo l'attentato la Csu mette Merkel sotto pressione
Berlino, 22 dic 09:33 - (Agenzia Nova) - Dopo il tragico attentato di lunedì a Berlino, ieri il ministro degli Interni bavarese Joachim Herrmann ha chiesto una revisione della politica dei rifugiati da parte del Governo federale. Intervistato dalla radio tedesca, il politico della Csu ha sottolineato come gli attacchi a Wuerzburg e Ansbach, nel mese di luglio, fossero stati perpetrati da persone arrivate "nell'ambito del flusso dei rifugiati in Germania"; lo stesso può dirsi dei sanguinosi attacci di Parigi e Bruxelles, rivendicati dall’Isis. Dodici persone sono decedute lunedì, investite da un tir dirottato, pare, da un altro richiedente asilo, forse di nazionalità tunisina. Solo 14 ore dopo, il Presidente della Csu, Horst Seehofer, aveva chiesto un ripensamento sulla politica dei rifugiati. “Siamo responsabili davanti alle vittime e all’intera popolazione, per un ripensamento dell’intera nostra politica sull’immigrazione”, aveva detto all’inizio di una riunione di gabinetto a Monaco di Baviera, attaccando nuovamente la politica sui rifugiati del cancelliere tedesco Angela Merkel. Queste sue dichiarazioni hanno trovato una forte opposizione sui social media e fra le opposizioni, oltre ad una parte dell’Spd. Seehofer ha dichiarato alla “Sueddeutsche Zeitung” di non voler fare speculazione politica per “guadagnare consensi elettorali a buon mercato”. Al momento delle sue dichiarazioni era ancora sospettato dell'attentato un giovane pakistano, successivamente scagionato. Ma la posizione della Csu in merito era già questa in precedenza ed è previsto un incontro in proposito con la Cdu per il mese di febbraio. Anche il segretario generale della Csu, Andreas Scheuer, ha dichiarato alla “Zdf” che “occorre ragionare su sicurezza ed immigrazione in concomitanza”. “La gente ora si aspetta che lo Stato prenda il controllo della situazione e della sicurezza”, ha proseguito Scheuer, facendo riferimento alle prossime giornate festive e alle partite di Bundesliga. Anche il presidente del gruppo della Cdu in Nord Reno-Westfalia ha dichiarato che andranno riviste le posizioni politiche sui rifugiati. L'esperto della Cdu per la politica interna, Wolfgang Bosbach, ha proposto di bloccare i rifugiati se la loro identità e la loro cittadinanza fossero poco chiare. Alla radio bavarese ha dichiarato di trovare “singolare il fatto che i rifugiati non perdano i loro cellulari, ma i loro documenti sì”. Il ministro degli Interni, nonché Vice-presidente federale della Cdu nel Baden-Wuerttemberg, Thomas Strobl, ha invece criticato le posizioni di Seehofer, pur ammettendo che “ci sono molte analogie tra le esigenze della Csu e le mie proposte in merito di immigrazione”. Ha inoltre precisato, il Ministro, che la normativa tedesca deve essere adattata “pezzo per pezzo” ai cambiamenti in atto. Lo specialista per gli stranieri e la politica sulla sicurezza della Csu, Florian Hahn, ha detto in un’intervista che le Forze armate potrebbero collaborare con la polizia a garantire la sicurezza interna per via delle attrezzature speciali di cui dispongono. Da parte dell’Spd, delle opposizioni e del ministro della Difesa Ursula von der Layen la proposta è irricevibile.
 
 
Russia, rimpatriata la salma dell’ambasciatore Karlov
Mosca, 22 dic 09:33 - (Agenzia Nova) - La salma dell’ambasciatore Andrej Karlov, assassinato in Turchia, è stata rimpatriata dal ministero degli Esteri russo. Secondo quanto riferito dall'agenzia di stampa russa “Tass”, prima del servizio funebre ufficiale, il diplomatico riceverà l'ultimo saluto dei familiari. Dopo la cerimonia funebre, che vedrà la partecipazione del presidente russo Vladimir Putin, del patriarca di Mosca e di tutta la Russia, Kirill, il corpo dell’ambasciatore sarà condotto nella Cattedrale di Cristo Salvatore. In precedenza è stato riferito che per le indagini sull’omicidio la Turchia ha accolto 120 specialisti russi.
 
 
Usa: Trump nomina Carl Icahn consigliere per la deregolamentazione
New York, 22 dic 09:33 - (Agenzia Nova) - Il presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, ha nominato l'investitore miliardario Carl Icahn consigliere speciale per la riforma della regolamentazione federale. Icahn, sottolinea la stampa Usa, esercitava già un'influenza rilevante sulla squadra di transizione presidenziale di Trump, che aveva assistito nella selezione del nuovo direttore della Securities and Exchange Commission, l'autorità di vigilanza del mercato. L'80 enne Icahn è vicino a Trump in materia di politiche energetiche ed ambientali: proprietario di una raffineria, ha criticato duramente l'Agenzia per la protezione dell'ambiente (Epa) per i vincoli regolatori sempre più stretti che a suo parere danneggiano l'industria energetica. Quella di consigliere speciale del presidente non è una carica governativa ufficiale: Icahn non dovrà rinunciare alla gestione dei suoi affari e non riceverà un salario pubblico. Quello del miliardario 80 enne, però, come sottolinea il "Wall Street Journal", è un altro esempio lampante di outsider elevato ai vertici del potere di Washington. Come Trump, Icahn ritiene che l'amministrazione Obama abbia schiacciato l'iniziativa economica statunitense sotto il giogo di un eccesso di regolamentazione. Icahn è anche noto per la sua critica alla corporate governance: pioniere del cosiddetto "azionariato attivista", acquista partecipazioni di aziende e ne vende asset per esercitare pressioni sui consigli di amministrazione, spingendoli a cedere asset, riacquistare azioni o cambiare amministratore delegato.

  
Siria: Iran, Russia e Turchia coopereranno per un cessate il fuoco
Teheran, 22 dic 09:33 - (Agenzia Nova) - Il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, ha detto che Iran, Russia e Turchia collaboreranno per varare e difendere un cessate il fuoco duraturo in Siria e giungere a una soluzione politica alla crisi nel paese. Zarif lo ha dichiarato nel corso di una conferenza stampa congiunta con i suoi omologhi russo e turco a margine dei colloqui sulla Siria che si sono tenuti ieri a Mosca. Il ministro ha espresso l'auspicio che la dichiarazione rilasciata al termine dei colloqui possa contribuire a placare le violenze in Siria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi