L'Italia tornerà a essere un problema europeo?

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Bloomberg Business Week, Les Echos, Financial Times, Mundo...
L'Italia tornerà a essere un problema europeo?
E se l'Italia ridiventasse il problema dell'Europa?

Parigi, 5 set 08:31 - (Agenzia Nova) - Il quotidiano economico francese "Lees Echos" pubblica stamatina lunedì 5 settembre una lunga analisi in cui il suo corrispondente da Roma, Olivier Tosseri, presenta i temi della ripresa politica in Italia. Aldilà dell'emergenza creata dal terremoto del 24 agosto scorso, scrive il giornalista francese, Matteo Renzi ha ben presente quali siano le prossime scadenze: innanzitutto il referendum costituzionale, che il presidente del Consiglio italiano ha voluto personalizzare; con il risultato, per il momento, di offrire un'insperata occasione alle sue disparate opposizioni per riprendere vigore e coesione nella speranza di "rottamare" il suo governo in carica da due anni e mezzo. Renzi si è accorto dell'errore, e sta cercando di correggerlo riportando l'attenzione dell'opinione pubblica sul merito della riforma costituzionale, su consiglio dello "spin doctor" statunitense Jim Messina e del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. La consultazione, ricorda "Les Echos", arriva nel peggior momento possibile per l'esecutivo: l'autunno è il periodo dell'anno in cui in Italia viene elaborrata la Legge di stabilità, e con il peggioramento dei dati economici del paese sarà necessario dispiegare un tesoro di ingegnosità per rilanciare la debolissima ripresa. Come se non bastasse, in questo mese di settembre sarà anche messo in campo il salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la terza banca italiana, il cui fallimento provocherebbe importanti ripercussioni sull'intero settore bancario della Penisola, già in crisi di suo. In questo contesto, conclude l'analisi di "Les Echos", l'instabilità politica che sarebbe innescata da un'eventuale sconfitta di Renzi al referendum annienterebbe le speranze di ripresa economica e riattiverebbe la speculazione finanziaria sui mercati; senza contare che lo stop alle riforme strutturali avviate dal suo governo creerebbe una crisi di fiducia da parte degli investitori stranieri. Per molto tempo, ricorda Tosseri, Renzi si è piccato di ripetere che l'Italia non è più "il problema dell'Europa": oggi come oggi, però, non si può escludere che torni ad esserlo.

Leggi l’articolo dell’Echos

 

Ministro Sviluppo economico Calenda: l'Ue non può dedicare due anni al paradosso della Brexit

New York, 5 set 08:31 - (Agenzia Nova) - Il Regno Unito deve accelerare i tempi e decidere le modalità della propria uscita dall'Unione Europea, accettandone le inevitabili conseguenze economiche e commerciali. Lo ha dichiarato il ministro dello Sviluppo economico italiano, Carlo Calenda, intervistato da "Bloomberg" in occasione del Forum economico Ambrosetti di Cernobbio. "Una volta presa una decisione è necessario muoversi. Per noi è fondamentale accelerare il processo di unificazione in materie quali l'immigrazione, il commercio e altro", ha spiegato il ministro. "Non possiamo perdere altri due anni a negoziare con il Regno Unito come mantenerlo all'interno (dell'Unione Europea, ndr) senza che lo sia davvero. Non possiamo affrontare questo paradosso", ha ammonito. Quelle di Calenda, sottolinea "Bloomberg", sono forse le parole più dure spese sino a questo momento da un esponente del governo italiano sul tema della Brexit.

Leggi l’articolo del Bloomberg Business Week

 

Italia e Libia annunciano misure contro la crisi migratoria

Rio de Janeiro, 5 set 08:31 - (Agenzia Nova) - I governo di Italia e Libia hanno concordato venerdì scorso misure urgenti che saranno essere messe in atto per ridurre il rischio di ulteriori tragedie umanitarie causate da un aumento dei flussi migratori sul Mediterraneo. Sono state approvate iniziative che mirano a controllare e ridurre efficacemente la crisi migratoria, come la creazione di un Comitato Interministeriale e una sala operativa comune, secondo quanto indicato in un comunicato ufficiale di Palazzo Chigi. Con tali misure, la risposta al problema dell'immigrazione illegale inizierà con un migliore controllo delle frontiere libiche e con l'aiuto al governo del paese nordafricano nelle operazione di salvataggio dei barconi gremiti di immigrati che cercano di entrare in Italia attraverso il mar Mediterraneo: un compito che finora è stato svolto principalmente dalla Guardia costiera italiana.

Leggi l’articolo del Jornal do Brasil

 

Spagna: intervista all'ex premier italiano Monti, "se continuiamo così affonderemo l'Unione Europea"

Madrid, 5 set 08:31 - (Agenzia Nova) - L'ex premier italiano ed economista Mario Monti ha concesso un'intervista al quotidiano spagnolo "El Mundo" in occasione del Forum Ambrosetti, in Italia, in vista del vertice di Bratislava del 16 settembre prossimo sul futuro dell'integrazione europea senza il Regno Unito. Per rilanciare l'Unione Europea (Ue), Monti chiede "miglioramenti delle politiche" "nel quadro dei trattati esistenti". L'ex primo ministro ed ex commissario europeo chiede inoltre "un maggiore coordinamento" delle politiche di bilancio tra gli Stati membri, in particolare sulle imposte sul reddito delle società. Inoltre, Monti si schiera a favore di una nuova riforma del Patto di stabilità che, a suo parere, "ha perso ogni credibilità".

Leggi l’articolo del Mundo

 

La ripresa economica italiana in stallo

Londra, 5 set 08:31 - (Agenzia Nova) - Per l'economia italiana il secondo trimestre è stato all'insegna della stagnazione, riferisce il "Financial Times". La ripresa ha avuto una battuta d'arresto dopo la crescita dello 0,3 per cento dei primi tre mesi dell'anno; su base annua l'espansione è stata dello 0,8 per cento. La situazione mette a rischio il governo di Matteo Renzi, in vista del referendum costituzionale.

Leggi l’articolo del Financial Times

 

 

PANORAMA INTERNAZIONALE


 

I ministri degli esteri europei premono per allentare le tensioni con la Turchia

Londra, 5 set 08:31 - (Agenzia Nova) - Il ministro degli Esteri italiano, Paolo Gentiloni, in occasione del vertice di Bratislava, ha auspicato un allentamento della tensione tra l'Unione Europea e la Turchia. Secondo il leader della Farnesina, l'Europa deve essere chiara sul sostegno ad Ankara rispetto al fallito colpo di Stato, ma al tempo stesso esigere dalle autorità turche il rispetto della legge e dei diritti fondamentali.

Leggi l’articolo del Financial Times

 

Bruxelles medierà tra Germania e Italia sul caso Fiat Chrysler

Madrid, 5 set 08:31 - (Agenzia Nova) - La Commissione europea ha confermato nel fine settimana di aver ricevuto una richiesta da parte del ministero dei Trasporti tedesco di intervenire in relazione alle presunte irregolarità nei test di emissione dei motori disel del costruttore italo-americano Fiat Chrysler. "Il 2 settembre, la Commissione ha ricevuto una richiesta da parte del ministero dei Trasporti tedesco per mediare nel dialogo con le autorità italiane sulla conformità di Fiat alla legislazione europea sull'omologazione", hanno riferito fonti comunitarie. Le stesse fonti hanno ricordato che, nel quadro giuridico attuale, la responsabilità di correggere eventuali irregolarità spetta agli Stati membri cui è stata concessa l'autorità per l'omologazione. Qualora un altro paese dell'Ue metta in discussione tale processo e non si raggiunga un accordo tra le parti, però, non è esclusa la mediazione di Bruxelles.

Leggi l’articolo dell’Expansion

 

Ministro Finanze polacco favorevole all'acquisto della controllata di UniCredit Pekao da parte di Pzu

New York, 5 set 08:31 - (Agenzia Nova) - Il governo polacco è favorevole all'acquisto di banca Pekao, attualmente controllata dal gruppo italiano UniCredit, da parte dell'assicuratore Pzu, a patto che il prezzo sia equo. Lo ha dichiarato sabato il ministro delle Finanze polacco, Pawel Szalamacha, intervenuto all'annuale Forum Ambrosetti di Cernobbio. Szalamacha ha commentato le indiscrezioni secondo cui Pzu, il principale assicuratore della Polonia, starebbe negoziando l'acquisto del 40,1 per cento di Pekao da UniCredit; il ministro ha spiegato che il prezzo d'acquisto della quota dovrebbe comprendere un premio consistente, dal momento che garantirebbe il controllo della secondo banca polacca.

Leggi l’articolo del New York Times

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi