Sarà l'Italia a salvare l'Unione europea?

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Guardian, Bloomberg Business Week, Pais e Parisien.
Sarà l'Italia a salvare l'Unione europea?

PANORAMA INTERNAZIONALE


 

Potrebbe essere l'Italia a salvare il progetto Europa?

Londra, 2 mag 08:30 - (Agenzia Nova) - In un articolo pubblicato sul quotidiano britannico "The Guardian", Anatole Kaletsky, capo economista e copresidente di Gavekal Dragonomics, si chiede a chi possa rivolgersi l'Europa, delusa dalla leadership tedesca. Il Regno Unito si è autoescluso; la Francia è paralizzata in vista delle elezioni presidenziali dell'anno prossimo; la Spagna non riesce nemmeno a formare un governo. L'Italia, invece, sta riconquistando il suo ruolo storico in Europa, come fonte di idee e leadership, sia nella politica, sia, cosa più sorprendente, nell'economia. Quello di Mario Draghi, che sta trasformando la Banca centrale europea, è l'esempio più lampante.

Leggi l’articolo del Guardian

 

 

POLITICA


 

L'Italia irritata dai "consigli" del presidente della Bundesbank

Parigi, 2 mag 08:30 - (Agenzia Nova) - L'Italia ha chiaramente mostrato la sua irritazione nei confronti del presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, che nei giorni scorsi era stato piuttosto critico sui conti pubblici e sull'indebitamento italiani: "Al governatore della banca centrale tedesca suggerisco di badare alle banche tedesche" ha dichiarato bruscamente il capo del governo italiano Matteo Renzi dagli schermi di "Rai 1", la prima rete televisiva del paese; "Weidmann ha un sacco di problemi a cui pensare e meno pensa all'Italia meglio sarà per lui" ha aggiunto. Non è rimasto in silenzio anche il ministro italiano dell'Economia, del Tesoro e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, che in un'intervista ha impartito a Weidmann una lezioncina di economia: "E' chiaro che c'è un rapporto tra debito pubblico e crescita economica" ha ammesso, spiegando poi che "io considero la crescita la via maestra per ridurre il deficit mentre per lui è il contrario; ma il mio punto di vista è più corretto come dimostra l'esperienza storica". Giovedì 5 maggio a Roma è previsto un incontro tra Renzi e la cancelliera tedesca Angela Merkel.

Leggi l’articolo  del Parisien

 

Il premier giapponese Abe incontra il primo ministro italiano Renzi

Tokyo, 2 mag 08:30 - (Agenzia Nova) - Il primo ministro giapponese, Abe Shinzo, incontra oggi a Firenze il premier italiano Matteo Renzi. I capi di governo di Italia e Giappone discuteranno di questioni quali la crisi migratoria europea, la lotta al terrorismo internazionale e la difficile congiuntura economica globale, che saranno anche in cima all'agenda del summit dei leader del G8 che si terrà a Mie, in Giappone, il 26 e il 27 aprile prossimi. Durante l'incontro con la controparte italiana, Abe sottolineerà in particolare l'esigenza da parte delle maggiori economie del globo di intensificare ulteriormente le misure di stimolo per sostenere la crescita globale.

Leggi l’articolo del Sankei shimbun

 

Il Governo stanzia un miliardo di euro per la cultura

Rio de Janeiro, 2 mag 08:30 - (Agenzia Nova) - Il Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe) del governo italiano, presieduto dal primo ministro Matteo Renzi, ha approvato ieri un finanziamento da un miliardo di euro per rafforzare l'offerta culturale del paese. Il denaro sarà messo a disposizione dal Fondo per lo sviluppo e la coesione (Fsc) e sarà consegnato al ministero dei beni culturali. L'obiettivo è finanziare un piano per potenziare e migliorare l'offerta turistica italiana. Sono previste iniziative per valorizzare il patrimonio culturale italiano, sia materiale che immateriale, in particolare la rete museale. Alcuni dei principali beneficiari del progetto saranno gli interventi già in corso, come il restauro nei siti archeologici di Pompei ed Ercolano e la Reggia di Caserta e la riorganizzazione delle Gallerie degli Uffizi di Firenze.

Leggi l’articolo del Jornal do Brasil

 

 

ECONOMIA


 

Italia: netto miglioramento sul fronte dell'occupazione

Parigi, 2 mag 08:30 - (Agenzia Nova) - L'economia italiana continua la sua lenta ed incerta ripresa dopo tre anni di una recessione da cui non è uscita che l'anno scorso con una timida crescita dello 0,8 per cento; ma è sul fronte dell'occupazione che il miglioramento è più netto: la disoccupazione è scesa a marzo all'11,4 per cento, con un calo cioè dello 0,3 per cento rispetto al mese precedente e dell'1,1 sull'anno scorso. Si tratta del miglior risultato registrato dal 2012; anche per la disoccupazione dei giovani, il cui tasso è diminuito del 5,4 per cento rispetto allo stesso periodo del 2015 per attestarsi al 36,7 per cento.

Leggi l’articolo dell’Echos

 

Italia, non cessa la stretta creditizia

Berlino, 2 mag 08:30 - (Agenzia Nova) - Su pressione del governo le banche italiane hanno istituito un fondo di salvataggio privato, che servirà a salvare le banche più in crisi a causa dei crediti deteriorati. “Non appena sarà risolto il problema dei crediti in sofferenza, riprenderanno slancio anche i prestiti di denaro al mondo economico”, ha dichiarato il ministro delle Finanze italiano Pier Carlo Padoan. Dopo due anni di riforme, infatti, la crescita economica italiana è ancora stentata. La recessione è finita ma la stretta creditizia non ancora. Nel loro rapporto di aprile gli esperti economici di Confindustria hanno dichiarato che “i prestiti delle banche continuano a diminuire nonostante una crescita della domanda di crediti per gli investimenti: questi crediti stanno diventando un grande ostacolo per la crescita”.

Leggi l’articolo del Sueddeutsche Zeitung

 

Il fondo Atlante acquista il 98 per cento di Popolare Vicenza

New York, 2 mag 08:30 - (Agenzia Nova) - Atlante, il fondo di garanzia istituito dal sistema bancario e dal governo italiani per sostenere gli istituti bancari in difficoltà, finirà per acquistare gran parte delle azioni messe in vendita da Banca Popolare di Vicenza nell'ambito dell'aumento di capitale da 1,5 miliardi di euro effettuato dalla banca. Gli investitori istituzionali hanno snobbato quasi per intero l'aumento di capitale, tanto che Atlante potrebbe dover garantire un inoptato pari a circa il 92 per cento del totale. Nella tarda giornata di sabato Popolare di Vicenza ha reso noto che gli investitori hanno avanzato offerte per l'acquisto del 7,7 per cento delle azioni totali, lasciando ad Atlante un inoptato di ben 1,39 miliardi di euro. Il fondo, che doveva contare su una capitalizzazione tra i 4 e i 6 miliardi di euro, ha raccolto in tutto 4,25 miliardi di euro da 67 istituzioni domestiche e straniere e dalla Cassa depositi e prestiti. . Il 70 per cento circa di questa cifra servirà proprio a sostenere gli aumenti idi capitale degli istituti bancari in difficoltà.

Leggi l’articolo  del Bloomberg Business Week

 

 

SOCIETA’


 

Vino: il rinascimento italiano

Londra, 2 mag 08:30 - (Agenzia Nova) - L'Italia e la Francia, riferisce il "Financial Times", si contendono ogni anno il primato della produzione di vino, partendo da superfici di vigneti simili. La lista dei cinquanta vini più costosi del mondo è dominata dai vini francesi, mentre quelli italiani brillano per assenza. Sembra, però, il momento di investire sui secondi, i cui prezzi probabilmente saliranno. Il grossista Berry Bros & Rudd, che opera nel Regno Unito e in Asia, ha registrato una crescita di valore sulle vendite dei vini italiani del sessanta per cento negli ultimi cinque anni.

Leggi l’articolo del Financial Times

 

Migrazioni: Italia, principale porta di ingresso per i minori in Europa

Città del Messico, 2 mag 08:30 - (Agenzia Nova) - Degli 870 mila rifugiati e migranti che hanno raggiunto l'Europa attraverso il Mediterraneo all'inizio del 2015, uno su cinque era minorenne, secondo i dati dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) e del Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (Unicef). Alla fine del 2015 i bambini erano un quarto dei 730 mila arrivi via mare in Grecia, Macedonia, Croazia, Serbia e Slovenia. La maggior parte dei minori di 12 anni proviene da Siria, Afghanistan e Iraq. Secondo il registro dei migranti morti in mare, il 30 per cento di queste morti riguarda bambini. Oim e Unifec definisce l'aumento della percentuale di minori non accompagnati che viaggiano o chiedono asilo in Europa “preoccupante". Uno dei paesi che accoglie il maggior numero di rifugiati è l'Italia: nel 2015 sono stati registrati 143 mila arrivi. Di questi, circa il 10 per cento erano minori. In particolare, fino a dicembre dello scorso anno, l'Italia ha accolto 12.144 minori non accompagnati, diventando il paese europeo con il maggior numero di migranti di questa categoria.

Leggi l’articolo dell’Universal

 

Ecuador: arrestato il broker della Camorra Salvatore Iavarone

Madrid, 2 mag 08:30 - (Agenzia Nova) - La polizia dell'Ecuador, in un'operazione congiunta con l'Interpol e la Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Napoli, ha catturato Salvatore Iavarone, considerato il broker del traffico internazionale di cocaina del clan Tamarisco di Torre Annunziata. L'uomo era residente da 16 anni nella località ecuadoregna di Guayaquil, dove gestiva alcune attività commerciali, tra cui una catena di pizzerie, che servivano a coprire i traffici illeciti. L'operazione denominata "Positano", ha portato all'arresto di altri 28 membri della Camorra in Europa e si è conclusa con il sequestro di beni del valore di circa 11 milioni di euro.

Leggi l’articolo del Pais

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi