Il piano di Renzi e Cdp per rilanciare l'Italia

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di New York Times, Monde, Sueddeutsche Zeitung e Telegraph
Il piano di Renzi e Cdp per rilanciare l'Italia
POLITICA

 

L'Italia mobilita una coalizione non combattente per porre fine al caos in Libia

Chicago, 18 dic 08:26 - (Agenzia Nova) - L'Italia sta studiando la mobilitazione di una coalizione militare internazionale per porre fine al caos libico. La coalizione, di cui Roma intende assumere la guida, includerebbe elementi delle forze speciali di Regno Unito, Francia e Germania, oltre a un contingente dei Carabinieri e delle forze speciali italiane, e punterebbe a stabilizzare il paese nordafricano senza assumere un ruolo di combattimento, stando a fonti italiane anonime citate dall'agenzia "Bloomberg". La forza internazionale si concentrerebbe soprattutto nell'addestramento e nel supporto logistico alle forze armate e di sicurezza libiche, e riceverebbe l'adesione di paesi nordafricani come Egitto, Tunisia e Marocco, tutti direttamente minacciati dalla conseguenze della disgregazione istituzionale libica. Il piano italiano è emerso dopo la firma da parte dei due governi libici rivali di un accordo per la formazione di un governo di unità nazionale, sottoscritto ieri col patrocinio delle Nazioni Unite. Non è ancora chiaro - scrive "Bolomberg" - in che modo la coalizione intenda esercitare un ruolo di stabilizzazione senza essere ingaggiata in combattimento, specie considerata la volatilità del paese, dove sta prendendo piede anche lo Stato islamico. La forza a guida italiana sarà composta secondo le fonti da "alcune migliaia" di uomini che fornirebbero alle forze di sicurezza libiche anche un'assistenza indiretta nel tentativo di fermare l'avanzata dell'Isis.

Leggi l’articolo del Chicago Tribune

 

Vertice Ue, Renzi attacca il progetto Nord Stream 2 per esprimere la sua irritazione

Parigi, 18 dic 08:26 - (Agenzia Nova) - Oltre alla crisi dei rifugiati ed alla questione della "Brexit", il summit europeo che si tiene a Bruxelles deve affrontare anche il dossier del progetto Nord Stream 2, la pipeline voluta da Gazprom e da cinque imprese europee che collegherà la Russia alla Germania attraverso il Mar Baltico: un dibattito sul tema dei capi di Stato e di governo è stato chiesto ed ottenuto da Matteo Renzi. E' un modo per il primo ministro italiano di esprimere la sua crescente irritazione nei confronti delle istituzioni e dei partner europei: a Renzi infatti non è piaciuto la messa in guardia della Commissione europea sulla deriva dei conti pubblici italiani ed ancora di meno il rimprovero all'Italia sulla gestione dei flussi migratori; inoltre non ha affatto gradito, scrive il quotidiano francese "Les Echos", l'esser stato escluso dalla gestione della crisi ucraina dal tandem Francia-Germania. Il progetto Nord Stream 2 è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso per il premier italiano; il quale non ha ancora mandato giù il fatto che il cantiere South Stream, che avrebbe dovuto collegare la Russia all'Italia, sia stato silurato da Bruxelles. La presa di posizione di Renzi ha offerto una cassa di risonanza ai paesi dell'Est, anche loro avversi al progetto Nord Stream 2 perché contrario ai propri interessi economici e geopolitici ed a quelli dell'Unione Europea: la Polonia in particolare denuncia come il progetto sia in flagrante contraddizione con le sanzioni adottate dall'Europa contro la Russia dopo l'invasione della Crimea; sanzioni che, nota "Les Echos", L'Ue rinnoverà anche senza la grancassa mediatica per non umiliare pubblicamente la Russia che nel frattempo è diventata una delle chiavi per una soluzione politica in Siria.

Leggi l’articolo del Monde

 

Italia: il ministro Boschi affronta oggi una mozione di sfiducia

Madrid, 18 dic 08:26 - (Agenzia Nova) - La Camera dei deputati italiana voterà oggi una mozione di sfiducia nei confronti del ministro per le Riforme costituzionali e i rapporti con il parlamento del governo Renzi, Maria Elena Boschi. La Boschi è accusata di essere al centro di un conflitto di interessi dopo che le autorità italiane hanno salvato una banca (Banca Etruria) di cui suo padre è stato vice presidente. Nella manovra, insieme a Banca Etruria, il governo ha salvato anche Banca Marche, Cassa di Risparmio di Ferrara e Cassa di Risparmio di Chieti. Il ministro risponderà durante la sessione alle accuse dell'opposizione.

Leggi l’articolo del Vanguardia

 

Italia, il partito di Berlusconi ai margini dell'agone politico

New York, 18 dic 08:26 - (Agenzia Nova) - La capacità dell'ex premier italiano Silvio Berlusconi di influenzare gli orientamenti della politica nazionale è enormemente ridotta, come ha dimostrato il ruolo marginale rivestito dal suo partito, Forza Italia, nel voto per l'elezione dei giudici costituzionali e i problemi finanziari di quella formazione politica, che recentemente ha dovuto procedere al licenziamento di parte del personale. Il progressivo declino del partito di Berlusconi – scrive il “New York Times” - coincide con la graduale ascesa del Movimento 5 stelle, il partito anti-establishment che è oggi la principale forza di opposizione nella terza economia dell'eurozona.

Leggi l’articolo del New York Times

 

 

ECONOMIA


 

L'Italia lancia un piano industriale da 160 miliardi di euro

Londra, 18 dic 08:26 - (Agenzia Nova) - L'Italia, riferisce il "Financial Times", ha presentato un piano per investire 160 miliardi di euro nella ripresa economica, l'ultima iniziativa della "muscolare" politica industriale del governo Renzi. Il piano quinquennale, che si avvale della Cassa depositi e prestiti, per l'ottanta per cento controllata dal Tesoro, è stato lanciato con l'obiettivo di "trasformare una ripresa che è in parte ciclica in una strutturale", come ha spiegato il ministro dell'Economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan. La crescita quest'anno non è andata oltre lo 0,8 per cento.

Leggi l’articolo del Financial Times

 

La Cassa depositi e prestiti italiana all'offensiva

Parigi, 18 dic 08:26 - (Agenzia Nova) - "La crescita in Italia è tornata, ora bisogna trasformarla da ciclica a strutturale": è questa la missione che il ministro italiano dell'Economia, Pier Carlo Padoan, ha affidato alla Cassa Depositi e Prestiti (Cdp), che giovedì 17 dicembre ha presentato il proprio piano industriale quinquennale in cui conferma di volersi porre come il "braccio armato" della politica economica del governo trasformandosi in una banca dello sviluppo sul modello della Bei.

Leggi l’articolo dell’Echos

 

L'evasione fiscale nel 2015 è costata all'Italia 122 miliardi di euro

Parigi, 18 dic 08:26 - (Agenzia Nova) - Il 7,5 per cento de Pil: eco quanto costerà all'Italia nel 2015 l'evasione fiscale; cioè 122 miliardi di euro secondo le stime di Confindustria. Un totale nettamente maggiore delle stime del governo, che recentemente ha invece parlato di una perdita per il fisco di circa 90 miliardi di euro. In testa all'esazione secondo Confindustria c'è il mancato pagamento dell'Iva, per circa 40 miliardi; seguono i mancati versamenti dei contributi sociali, per 34,4 miliardi. Nonostante la diffusione del fenomeno, il rischio di subire un controllo fiscale è, per il 99 per cento dei contribuenti pari ad una volta ogni 33-50 anni.

Leggi l’articolo della Tribune

 

Alitalia nomina il primo amministratore delegato straniero

Londra, 18 dic 08:26 - (Agenzia Nova) - Per la prima volta, riferisce il "Financial Times", la compagnia aerea italiana Alitalia sarà guidata da uno straniero: l'australiano Cramer Ball è stato scelto come nuovo amministratore delegato, in sostituzione di Silvano Cassano; assumerà l'incarico a marzo. Il manager, 48 anni, è già stato a capo di Jet Airways e Air Seychelles, entrambe di proprietà di Etihad.

Leggi l’articolo del Financial Times

 

 

SOCIETA’


 

Le strade di Roma rovinate dalla corruzione endemica

Londra, 18 dic 08:26 - (Agenzia Nova) - La causa del terribile stato delle strade di Roma – buche, cordoli rotti, asfalto fatiscente – è stata rivelata, riferisce il quotidiano britannico "The Telegraph": la corruzione di funzionari e appaltatori. Sette funzionari comunali sono stati arrestati e altri undici sono sotto inchiesta perché sospettati di aver accettato tangenti da imprese di costruzione per chiudere un occhio sulla qualità scadente dei lavori di manutenzione.

Leggi l’articolo del Telegraph

 

Il Brasile ha "esportato" il virus zika in Italia

San Paolo, 18 dic 08:26 - (Agenzia Nova) - Il Brasile "esportato" il virus zika in Italia due mesi prima che il ministero della Salute di Roma confermasse la circolazione del batterio nel paese, a maggio di quest'anno. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista "Eurosurveillance", specializzata in epidemiologia, sorveglianza e prevenzione, il virus è stato introdotto in Italia nel mese di marzo da un italiano di 60 anni che aveva trascorso 12 giorni a Salvador (Bahia). Quattro giorni dopo il ritorno a Firenze, la sua città natale, l'uomo ha avuto febbre alta, macchie rosse sul corpo, congiuntivite e spossatezza. Secondo i ricercatori di "Eurosurveillance", visti sintomi della malattia virale e il viaggio intrapreso dal soggetto in una regione colpita all'epoca da dengue e chikungunya, sono stati effettuati diversi test, come appunto quello per la dengue, febbre gialla, chikungunya, parvovirus e Zika. I risultati degli esami hanno mostrato la presenza del virus zika. I sintomi sono scomparsi dopo una settimana.

Leggi l’articolo del Folha de Sao Paulo

 

 

PANORAMA INTERNAZIONALE


 

Gli Stati Ue vogliono una decisione sulla protezione dei confini entro giugno 2016

Berlino, 18 dic 08:26 - (Agenzia Nova) - Secondo la cancelliera tedesca Angela Merkel solo pochi Stati europei sono contrari al progetto di rafforzamento delle frontiere esterne della Ue. Nelle consultazioni, infatti, solo uno dei 28 governi della Ue avrebbe criticato i piani del vertice europeo di istituire una forza di sicurezza europea a difesa dei confini in grado di operare indipendentemente dalla volontà degli Stati membri, ha fatto sapere questa notte Merkel a Bruxelles. Una decisione definitiva in materia dovrebbe essere assunta entro giugno 2016. Inoltre, Merkel ha respinto le critiche provenienti dall'Est Europa alle decisioni prese a maggioranza e non all'unanimità: Ungheria e Slovacchia hanno già mosso un'azione legale alla Corte di Giustizia europea contro la decisione a maggioranza sulla distribuzione di 160 mila profughi negli Stati membri della Ue.

Leggi l’articolo del Sueddeutsche Zeitung

 

Libia firma accordo su governo di unità tra Tobruk e Tripoli

Madrid, 18 dic 08:26 - (Agenzia Nova) - Nonostante le divergenze tra le fazioni rivali libiche, guidate dal presidente della Camera ribelle di Tripoli, Nouri Abu Sahmein, e Aqila Salah, presidente dei deputati di Tobruk, i due governi rivali della Libia ieri hanno firmato l'accordo politico che istituisce un unico esecutivo di unità nazionale nel paese nordafricano. I rappresentanti delle due parti coinvolte nel dialogo, sotto la supervisione del tedesco Martin Kobler, l'inviato speciale delle Nazioni Unite (Onu) in Libia, hanno firmato a Sjirat, 30 chilometri a sud di Rabat, la creazione di un governo di unità nazionale libico che avrà un presidente, due vicepresidenti e un Consiglio dei ministri composto da sei membri. Alla cerimonia della firma ufficiale dell'accordo, riconosciuto dalla comunità internazionale, erano presenti anche i ministri degli Esteri di Spagna, Italia, Tunisia, Turchia, Qatar e Marocco.

Leggi l’articolo del Mundo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi