Sono almeno 5mila gli europei addestrati in Siria

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Bloomberg Business Week, Financial Times, Mundo e Figaro.
Sono almeno 5mila gli europei addestrati in Siria

PANORAMA INTERNAZIONALE


 

Europol, almeno 5 mila europei si sono addestrati in Siria

Chicago, 16 dic 08:30 - (Agenzia Nova) - Tra i 5 e i 7 mila cittadini europei si sono addestrati come combattenti stranieri nelle fila dello Stato islamico e di altre organizzazioni jihadiste in Siria e Iraq, stando alle stime a disposizione dell'Europol. Lo ha dichiarato ieri il direttore dell'agenzia, Rob Wainwrght, nel corso del suo intervento a una conferenza deie capi della polizia della regione dei Balcani. Wainwright ha definito i combattenti stranieri europei una “minaccia molto pericolosa”, e ha affermato che un numero non precisato di questi individui è già tornato nei paesi d'origine “con l'intenzione, se non la capacità, di compiere il tipo di attacchi cui abbiamo già assistito”. Nel corso dell'evento il ministro dell'Interno italiano, Angelino Alfano, ha avvertito che le nazioni dei Balcani “possono divenire la moderna rotta dei foreign fighters” e del traffico di armi verso l'Europa.

Leggi l’articolo del Chicago Tribune

 

Europa: Bruxelles istituisce una polizia di frontiera con 1.500 agenti

Madrid, 16 dic 08:30 - (Agenzia Nova) - La Commissione europea ha lanciato ieri un ambizioso piano che amplierebbe in modo immediato il suo potere, attraverso una nuova forza di polizia europea di frontiera in grado di intervenire in caso di emergenza, anche contro il parere del paese in difficoltà. Germania e Francia sostengono la proposta. Italia e Spagna non si oppongono, ma nutrono dubbi in merito all'aspetto più controverso, cioè se Bruxelles possa imporsi sulla sovranità dei singoli Stati inviando forze di polizia sul loro territorio. Altri paesi considerano la decisione di Bruxelles come un'intrusione intollerabile in uno dei bastioni della sovranità nazionale. La nuova agenzia si chiamerà Guardia europea delle coste e delle frontiere e avrò a disposizione un bilancio doppio rispetto alla attuale agenzia Frontex. Potrà contare su uno staff permanente di 1.000 dipendenti - il triplo del Frontex - e su un contingente di 1.500 agenti supplementari, forniti dagli Stati membri, pronti a intervenire in un massimo di tre giorni in caso di emergenza. Tale decisione ridefinisce la sovranità degli Stati nazionali sui propri confini, ma arriva dopo che l'Unione Europea (Ue) ha constatato che alcuni paesi non sono assolutamente in grado di controllare la marea migratoria degli ultimi mesi.

Leggi l’articolo del Pais

 

I tredici paesi ricchi con la minor fiducia nella politica

Londra, 16 dic 08:30 - (Agenzia Nova) - Dall'indagine annuale del Forum economico globale sulla competitività emerge anche il livello di fiducia dell'opinione pubblica nella politica. In nessuno dei tredici paesi ricchi presi in considerazione, riferisce il quotidiano britannico "The Independent", gli standard etici dei politici ottengono la valutazione massima in una scala da uno a sette; con un punteggio di 1,7, l'Italia condivide con la Repubblica Ceca il primato della percezione negativa.

Leggi l’articolo dell’Independent

 

 

POLITICA


 

Italia, la ministra braccio destro di Renzi sotto attacco per i legami familiari con lo scandalo bancario

New York, 16 dic 08:30 - (Agenzia Nova) - Mariaelena Boschi, ministra per i Rapporti parlamentari e una delle figure più vicine al premier Matteo Renzi, è stata trascinata suo malgrado nello scandalo delle quattro banche del Centro Italia di cui il governo ha pilotato il fallimento:suo padre era vicepresidente di uno dei quattro istituti, Banca Popolare dell'Etruria e del Lazio Sc., e ora le opposizioni ne chiedono le dimissioni per presunto conflitto d'interessi. Il Movimento cinque stelle ha presentato alla Camera dei deputati una mozione di sfiducia contro la ministra, denunciando “favoritismi” nel piano di salvataggio bancario del governo e un “inaccettabile conflitto d'interessi”. La mozione, però, dovrebbe essere bocciata dalla maggioranza parlamentare che sostiene il governo Renzi. Per il momento, Boschi si è limitata ad accettare la sfida delle opposizioni: “Voteremo e vedremo chi ha la maggioranza”, ha dichiarato la ministra.

Leggi l’articolo del Bloomberg Business Week

 

Immigrazione: l'Ue chiede all'Italia di prendere le impronte digitali a tutti, anche con la forza

Parigi, 16 dic 08:30 - (Agenzia Nova) - La commissione europea ha suscitato vive reazioni in Italia martedì 15 dicembre, chiedendo che le forze dell'ordine italiane ricorrano anche alla forza per raccogliere "senza ritardi" le impronte digitali a tutti i migranti che sbarcano sulle coste della Penisola. In un rapporto, la Commissione ha reclamato dall'Italia "sforzi supplementari per offrire un quadro legale più solido nella conduzione dell'attività dei cosiddetti hotspot: l'obbiettivo di una percentuale del 100 per cento di impronte prese ai migranti deve essere raggiunto al più presto" afferma la Commissione.

Leggi l’articolo del Figaro

 

Il governo italiano costretto a difendere i regolatori

Londra, 16 dic 08:30 - (Agenzia Nova) - Il governo italiano guidato da Matteo Renzi, riferisce il "Financial Times", è stato costretto a difendere la Banca d'Italia e la Consob, la Commissione nazionale per le società e la Borsa, sulla vigilanza del sistema bancario, dopo le rivelazioni sulle presunte irregolarità nelle vendite di obbligazioni subordinate agli investitori retail. Il ministro dell'Economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, ha pronunciato un'insolita dichiarazione, assicurando che il governo ha piena fiducia nella Banca d'Italia e nella Consob e che la loro vigilanza non è discussione.

Leggi l’articolo del Financial Times

 

Renzi si unisce all'opposizione contro il progetto Nord Stream 2

Londra, 16 dic 08:30 - (Agenzia Nova) - Un controverso accordo tra Germania e Russia sul progetto di gasdotto Nord Stream 2, che collegherebbe i due paesi attraverso il Baltico, ha trovato un avversario in Matteo Renzi, presidente del Consiglio italiano, complicando la questione dell'estensione delle sanzioni economiche contro Mosca. L'Italia, riferisce il "Financial Times", ritiene che l'accordo sia contrario allo spirito delle sanzioni e anteponga gli interessi di Berlino alla diplomazia dell'Unione Europea.

Leggi l’articolo del Financial Times

 

 

ECONOMIA


 

L'Europa non può sottrarsi alle riforme

Berlino, 16 dic 08:30 - (Agenzia Nova) - Inizialmente è sembrata una buona notizia: negli ultimi due anni le aziende in Europa hanno creato 2,2 milioni di nuovi posti di lavoro, fa sapere la Banca Centrale Europea in uno studio. Ma i governi sbagliano se pensano che questi numeri premino la loro attuale politica economica, scrive l'opinionista Andre Tauber sul quotidiano "Die Welt". I numeri dicono anche che l'Europa non ha ancora lasciato dietro a sé la crisi: l'occupazione è ancora del 2 per cento al di sotto dei valori segnalati prima dello scoppio dello scandalo Lehman Brithers nel 2008. E prima che l'Europa possa raccogliere i frutti della sua dura politica di riforme, passerà ancora molto tempo. Molti Stati dell'Unione Europea soffrono ancora un alto livello di disoccupazione giovanile e di un enorme debito pubblico. Il premier italiano Matteo Renzi, che si presenta come esponente di una nuova forza riformatrice, tende secondo Tauber a cadere nelle vecchie pratiche e ha in serbo importanti "regali fiscali": il rischio, per non sfidare il consenso dell'elettorato, è che anziché lavorare sulla riduzione della spesa ci si affidi ancora al deficit.

Leggi l’articolo del Die Welt

 

Balzo a novembre dell'automobile europea: bene Mercedes, Fiat e Renault

Parigi, 16 dic 08:30 - (Agenzia Nova) - Le immatricolazioni europee di automobili sono aumentate del 13,7 per cento nel mese di novembre: un balzo di cui hanno approfittato Renault e Fiat, che hanno registrato un aumento delle vendite del 19 per cento; e Mercedes, che con un aumento di oltre il 18 per cento è ora al primo posto nel segmento "premium".

Leggi l’articolo della Tribune

 

Vivendi ottiene il quarto seggio nel consiglio di amministrazione di Telecom

New York, 16 dic 08:30 - (Agenzia Nova) - Vivendi Sa ha ottenuto un nuovo voto nel consiglio degli azionisti di Telecom Italia Spa, per un totale di quattro, e ha bloccato con successo una procedura di conversione azionaria che avrebbe diluito la sua quota di partecipazione proprio quando punta ad ampliare la propria influenza sull'azienda italiana. Il magnate francese Vincent Bollore, proprietario di Vivendi di cui il “Wall Street Journal” traccia un breve profilo professionale, ha accresciuto la quota della sua azienda in Telecom Italia nel corso degli ultimi mesi, con l'obiettivo di partecipare nel lungo periodo al processo di consolidamento del settore europeo delle telecomunicazioni.

Leggi l’erticolo del Bloomberg Business Week

 

 

SOCIETA’


 

La Spagna è il principale fornitore di ovuli per la fecondazione assistita

Madrid, 16 dic 08:30 - (Agenzia Nova) - In Italia sono molti gli ostacoli per le donne che desiderano sottoporsi a un trattamento di fecondazione assistita. L'inseminazione artificiale continua ad essere vista come qualcosa di negativo nel paese, fortemente influenzato dal Vaticano e dopo otto anni di governo conservatore di Silvio Berlusconi. Fino all'anno scorso, le donne potevano essere multate addirittura fino a 600 mila euro se si sottoponevano ad un trattamento di fecondazione assistita con ovuli non loro. Adesso invece possono farlo, ma devono rivolgersi ad altri paesi. In Italia, quasi non esistono donatrici di ovuli e la Spagna è diventata il principale fornitore. Nell'ultimo anno, lo European Hospital di Roma ha effettuato 150 fecondazione assistite, di cui l'80 per cento attraverso ovuli impiantati. "Li portiamo dalla Spagna, perché lo consideriamo il paese con la maggiore esperienza in questo campo", spiega il responsabile del reparto di Ginecologia dell'ospedale, il dottor Ermanno Greco. Altri centri privati si rivolgono alla Grecia o anche l'Ucraina, ma sicuramente la Spagna è sempre la prima scelta, in parte anche per la sua vicinanza all'Italia.

Leggi l’articolo del Mundo

 

Dolce & Gabbana, nuovi benefattori della Scala di Milano

Parigi, 16 dic 08:30 - (Agenzia Nova) - Unica casa di moda ad aver sfilato nel sontuoso scenario della Scala di Milano, Dolce & Gabbana testimonia ancor una volta il suo attaccamenti al tempio della cultura e dell'eleganza italiana: il celebre teatro dell'opera ha ricevuto una larga donazione dai due creatori, ormai diventati Donatori ufficiali della Scala.

Leggi l’articolo dell’Echos

 

Roma 2024: il logo è un Colosseo stilizzato

Parigi, 16 dic 08:30 - (Agenzia Nova) - Il comitato per la candidatura di Roma ai Giochi olimpici del 2024 ieri martedì 15 dicembre ha presentato il logo della campagna tesa a conquistarne l'organizzazione: una versione stilizzata del Colosseo con i tre colori della bandiera italiana.

Leggi l’articolo dell’Echos

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi