Così la burocrazia blocca gli investimenti stranieri in Italia

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di New York Times, Telegraph, O Globo e Monde
Così la burocrazia blocca gli investimenti stranieri in Italia

ECONOMIA


 

Italia: investimenti stranieri bloccati a causa della selva normativo-burocratica

New York, 10 dic 08:33 - (Agenzia Nova) - Il gruppo energetico portoghese Edp Renovaveis ha acquistato asset in Italia nel 2010 con l'obiettivo di realizzare parchi eolici per oltre 500 megawatt di capacità. Cinque anni dopo, l'azienda è riuscita a conseguire appena un terzo del suo obiettivo iniziale, e punta l'indice contro la palude legislativa e normativa del Belpaese. “La posizione dell'Italia è interessante e vorremmo spendere di più, ma il quadro legale lento e tortuoso ci taglia le ali”, lamenta Gianluca Veneroni, manager per l'area Ue dell'azienda. Lo stesso reclamo, scrive il “New York Times”, viene sollevato da tempo dall'intero tessuto aziendale e imprenditoriale che opera in Italia. Secondo gli economisti, il burocratismo e le convolute regole italiane sono una delle ragioni fondamentali per le quali da due decenni il paese non riesce a conseguire una crescita economica soddisfacente. Nel caso dell'azienda portoghese, ad esempio, i lavori sono stati paralizzati dalla necessità di ottenere una miriade di permessi incrociati a livello locale, regionale e nazionale, con ogni genere di soggetto, da uffici per i beni culturali sino all'unità locale dei vigili del fuoco, in grado di ritardare un progetto per mesi o addirittura anni. Veneroni spiega il problema, del resto arcinoto, in maniera efficace: “Come posso spiegare al mio consiglio degli azionisti il fatto che appena ho sistemato una pratica col governo regionale, il permesso ambientale è scaduto e devo iniziare tutta la trafila da capo?”. Il governo del premier Matteo Renzi spiega di aver già varato una serie di riforme tese alla semplificazione normativa, e che altri interventi in questo senso sono attualmente nell'agenda dei lavori in Parlamento. Tra le misure studiate dal governo figura l'istituzione di tribunali aziendali per accelerare i contenziosi che riguardano le imprese e incentivi per gli accordi stragiudiziali. Quest'anno il 30 per cento dell'attività parlamentare ha riguardato misure del mio ministero”, ha recentemente spiegato a Reuters il ministro della Giustizia italiano, Andrea Orlando. “I risultati sono già palesi: la giustizia italiana sta vivendo una profonda riorganizzazione”. L'Italia però – avverte il quotidiano Usa – ha da scalare una montagna, se vorrà raggiungere e tenere il passo dei concorrenti economici in materia di efficienza del sistema legale.

Leggi l’articolo del New York Times

 

Italia, 4 miliardi di euro dall'amnistia fiscale

New York, 10 dic 08:33 - (Agenzia Nova) - Il governo italiano incasserà oltre 4 miliardi di euro grazie al programma di dichiarazione volontaria dei capitali detenuti all'estero (“voluntary disclosure”), che ha lanciato alla fine dello scorso anno. “La voluntary disclosure cambia il rapporto tra contribuenti e Stato”, ha dichiarato il vice ministro delle Finanze italiano, Luigi Casero, durante una conferenza stampa nella giornata di ieri: “Molti erano scettici quando abbiamo lanciato l'iniziativa, ma i risultati in termini quantitativi e di partecipazione hanno dimostrato che si sbagliavano”. Secondo il “Wall Street Journal”, l'afflusso miliardario favorirà gi sforzi del governo di rispettare gli obiettivi di bilancio in un contesto di nuovo rallentamento dell'economia dell'eurozona, anche se gli effetti strutturali del programma sul fronte dell'evasione fiscale restano un'incognita.

Leggi l’articolo del Wall Street Journal

 

Italia: Bulgari costruirà il più grande centro di produzione di gioielli in Europa

Rio de Janeiro, 10 dic 08:33 - (Agenzia Nova) - Uno dei marchi di gioielleria più conosciuti al mondo, l'italiano Bulgari, ha presentato il progetto del suo nuovo centro di produzione che sarà costruito a Valenza, nel nord Italia. Il nuovo quartiere generale del brand, che fa parte del colosso francese di lusso Lvmh, ospiterà più di 700 dipendenti entro la metà del prossimo anno. Il complesso, progettato dallo studio di architettura Open Project, ospiterà la produzione e l'amministrazione del marchio. Saranno costruiti due edifici, uno moderno e uno già esistente in loco, la storica Cascina dell'Orefice, la prima struttura produttiva di gioielli della regione, che sarà completamente ristrutturata. Per realizzare i nuovi stabilimenti, gli architetti hanno preso in considerazione non solo gli aspetti ambientali della regione, ma hanno fissato obiettivi e criteri di sostenibilità e certificazioni internazionali. Per la prima volta, inoltre, il marchio creerà una scuola (Accademia Bulgari) per promuovere e investire nel settore della gioielleria e sviluppare programmi di formazione per i giovani studenti e per i dipendenti.

Leggi l’articolo di O Globo

 

 

POLITICA


 

L'Italia chiede all'Europa un confronto più approfondito sulle sanzioni alla Russia

New York, 10 dic 08:33 - (Agenzia Nova) - Il governo italiano ha chiesto a sorpresa ai partner europei una maggiore discussione in merito alle sanzioni economiche imposte alla Russia a seguito della crisi ucraina, di cui era prevista l'estensione semestrale praticamente automatica all'inizio del prossimo anno. La richiesta è giunta ieri, in occasione di un incontro tra inviati dell'Ue a Bruxelles che avrebbe dovuto approvare il rinnovo senza discussioni delle misure sanzionatorie in scadenza a gennaio. Fonti diplomatiche citate da “Reuters” riferiscono che Roma non ha giudicato appropriato relegare la questione delle sanzioni a un aspetto secondario dell'agenda dell'incontro. “Abbiamo chiesto di discutere la questione”, ha spiegato Tiziana d'Angelo, portavoce della missione europea all'Ue. Gli ambasciatori dei 28 paesi dell'Unione potrebbero provare ad approvare il rinnovo delle sanzioni oggi, dopo una breve discussione, oppure rimandare la questione all'incontro dei ministri degli Esteri Ue che si terrà a Bruxelles il 14 dicembre.

Leggi l’articolo del New York Times

 

Cos'hanno in comune i due più potenti Socialdemocratici d'Europa

Berlino, 10 dic 08:33 - (Agenzia Nova) - In questo momento la Socialdemocrazia europea non è in gran forma: dall'ombra del presidente francese Hollande, tuttavia, emergono altre due figure: Sigmar Gabriel e Matteo Renzi, scrive l'opinionista Thomas Schmid sul quotidiano "die Welt". Sono entrambi Socialdemocratici e segretari di partito, ed entrambi vantano grandi successi politici e personali. Non solo: senza esagerare, è possibile dire che Matteo Renzi e Sigmar Gabriel sono i due più potenti Socialdemocratici d'Europa. Con Renzi in particolare la Socialdemocrazia europea ha di nuovo una figura di riferimento, ma cos'hanno Renzi e Gabriel in comune? Qualcosa, ma non molto. Entrambi hanno una certa tendenza allo scalpore, curano un'immagine disinvolta, entrambi hanno una grazia paffuta. Entrambi padroneggiano uno stile retorico tradizionale, prolisso e filogovernativo, ma spesso scelgono un linguaggio più diretto, disinvolto e aggressivo.

Leggi l’articolo del Die Welt

 

Succede in Europa: l'Italia denuncia che la Germania gode di favoritismo a Bruxelles

Parigi, 10 dic 08:33 - (Agenzia Nova) - Un aiuto umanitario: è così che il ministero dell'Economia italiano, Pier Carlo Padoan, ha definito le misure allo studio per volare in soccorso dei piccoli risparmiatori che hanno perso in tutto circa 350 milioni di euro nel primo salvataggio di quattro banche regionali deciso dal governo di Roma alla fine di novembre secondo le "regole europee"; i dettagli sono ancora allo studio e riguardano la possibilità che sia creato un fondo di 100 milioni di euro per permettere agli obbligazionisti di recuperare almeno il 30 per cento delle loro perdite. Ma questo potrebbe suscitare obiezioni da parte della Commissione europea, che potrebbe considerare questa misura come un aiuto di Stato alle banche in difficoltà, cosa vietata dalle regole dell'Ue. "Si tratta di riconoscere che un gruppo di concittadini è in difficoltà economica", precisa Padoan: "E dunque sarebbe un aiuto contro la povertà che non ha niente a che vedere con un meccanismo finanziario". Il ministro italiano non nasconde la irritazione nei confronti di una Commissione ben più puntigliosa con Roma che con Berlino: la Germania infatti non ha incontrato altrettanti ostacoli da parte di Bruxelles quando si è trattato di salvare la Hsh Nordbank con fondi pubblici; per poi farsi paladina delle nove regole europee da far rispettare con intransigenza. "Noi siamo molto arrabbiati", si lamenta il presidente dell’Associazione Bancaria Italiana (Abi): "La Germania può utilizzare i soldi pubblici e noi no, non è corretto". Insomma si tratta di due pesi e due misure, un criterio che per Roma è contrario allo spirito della costruzione dell'Unione bancaria europea.

Leggi l’articolo dell’Echos

 

 

SOCIETA’


 

Il nuovo aereo del presidente del Consiglio da un milione di euro al mese è a terra per mancanza di piloti abilitati a farlo volare

Londra, 10 dic 08:33 - (Agenzia Nova) - Un lussuoso aereo noleggiato dal governo italiano per trasportare il presidente del Consiglio è fermo per mancanza di personale qualificato a pilotarlo, riferisce il quotidiano britannico "The Independent". Solo i piloti dell'Aeronautica Militare possono svolgere questo servizio e nessuno dispone del brevetto necessario; l'addestramento è in corso. L'Airbus A340-500 è stato preso a nolo a ottobre da Etihad Airways; si parla di un costo di un milione di euro al mese.

Leggi l’articolo dell’Independent

 

Venezia fa appello alle ricche celebrità per restaurare il suo storico ghetto

Londra, 10 dic 08:33 - (Agenzia Nova) - Venezia si rivolge alle celebrità del mondo della moda e dello spettacolo per restaurare il suo storico ghetto. A lanciare l'appello, riferisce il quotidiano britannico "The Telegraph", è l'organizzazione non-profit The Venetian Heritage Council, presieduta dalla stilista Diane von Furstenberg, in vista del 500° anniversario, che cadrà a marzo, della nascita del quartiere riservato agli ebrei.

Leggi l’articolo del Telegraph

 

 

PANORAMA INTERNAZIONALE


 

Terrorismo: il G6 a Londra per discutere di lotta al jihadismo

Madrid, 10 dic 08:33 - (Agenzia Nova) - Il G6, il gruppo dei sei paesi più popolosi dell'Unione Europea (Ue), si riunirà oggi a Londra per discutere le questioni relative alla lotta contro il terrorismo jihadista. Il ministro dell'Interno spagnolo, Jorge Fernandez Diaz, discuterà con i suoi omologhi provenienti da Gran Bretagna, Francia, Italia, Polonia e Germania anche altre questioni, come il traffico di armi, la tratta di esseri umani, l'immigrazione clandestina e l'asilo politico, la sicurezza e la protezione dei dati. In particolare, Fernandez Diaz informerà i ministri europei delle recenti operazioni in Spagna contro il terrorismo jihadista, che hanno portato all'arresto di 100 persone nel 2015 e un totale di 175 in tutta la legislatura del premier Mariano Rajoy.

Leggi l’articolo del Vanguardia

 

 

VATICANO


 

Vaticano: 100 mila persone allo spettacolo di luci che ha dato il via al Giubileo della Misericordia

Rio de Janeiro, 10 dic 08:33 - (Agenzia Nova) - Oltre 100 mila persone hanno assistito allo spettacolo di luci "Fiat Lux", organizzato martedì in piazza San Pietro, in Vaticano, per celebrare l'inizio del Giubileo straordinario della Misericordia voluto da Papa Francesco.

Leggi l’articolo del Jornal do Brasil

 

I salmi di Francesca

Parigi, 10 dic 08:33 - (Agenzia Nova) - Il quotidiano francese "Le Monde" torna sulla vicenda nota come "Vatileaks 2" con un ritratto della sua principale protagonista, Francesca Immacolata Chaouqui, pubblicato stamattina 10 dicembre a firma del corrispondente da Roma, Philippe Ridet.

Leggi l’articolo del Monde

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi