Renzi e quell'opposizione "che danneggia il paese"

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Financial Times, Jornal do Brasil, Independent e Sueddeutsche Zeitung.
Renzi e quell'opposizione "che danneggia il paese"

POLITICA


 

Italia: premier Renzi chiede all'opposizione di non danneggiare Paese

Rio de Janeiro, 10 nov 08:29 - (Agenzia Nova) - Dopo essere stato duramente criticato dagli avversari politici di Lega Nord, Fratelli d'Italia e Forza Italia durante una manifestazione organizzata dai partiti di centrodestra domenica a Bologna, il primo ministro italiano, Matteo Renzi, ieri ha chiesto ai membri dell'opposizione, durante una visita in Arabia Saudita, di smetterla di danneggiare il paese. "L'Italia non è fatta solo di chi sa solamente gridare e insultare. Basta con chi vuole bloccare il paese. Stiamo rimettendo l'Italia al suo posto nel mondo", ha affermato Renzi. "Basta polemiche, (...) Ciò che importa veramente agli italiani è che le cose tornino a funzionare. Dopo essere stata divisa davanti a così tante difficoltà , è il momento di tornare ad una nazione più unita" ha aggiunto il premier.

Leggi l’articolo del Jornal do Brasil

 

Il ritorno di Berlusconi, in una coalizione di destra

Londra, 10 nov 08:29 - (Agenzia Nova) - Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, è tornato in prima linea nella politica italiana siglando un patto elettorale con la Lega Nord, anti-Ue e anti-immigrazione, di Matteo Salvini. La coalizione di destra, riferisce il quotidiano britannico "The Times", comprende anche Fratelli d'Italia, guidato da Giorgia Meloni. I tre partiti sono dati rispettivamente al 12, 14 e 4,5 per cento, contro il 31 per cento del Partito democratico del presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

Leggi l’articolo del Times

 

Immigrazione: l'Italia mette pressione alla vigilia del vertice di La Valletta

Parigi, 10 nov 08:29 - (Agenzia Nova) - Più solidarietà sul dossier dell'immigrazione è ciò che l'Italia chiede, senza stancarsi ma con crescente impazienza, ai suoi partner europei. Concretamente, Roma spera che questa solidarietà si manifesti mercoledì 11 e giovedì 12 novembre al vertice tra l'Unione Europea e gli Stati africani di La Valletta (Malta) su due punti in particolare: la concessione della "clausola di flessibilità" per i suoi conti pubblici calcolando le risorse spese per assistere i rifugiati; e l'accelerazione dell'attuazione del piano europeo di ripartizione dei richiedenti asilo; se il primo punto sembra ormai acquisito e permetterà a Matteo Renzi di realizzare le sue promesse di abbassare le tasse e di aumentare il deficit pubblico nel 2016 senza essere sanzionato dall'Ue, per il secondo punto non si è che alle premesse. Il piano europeo prevede di ripartire 140 mila profughi, dei quali 40 mila attualmente in Italia, al ritmo di 200 al giorno: ma finora appena 120 migranti hanno lasciato la Penisola; e questo è un motivo di forte irritazione verso Bruxelles, mentre l'Italia ritiene di aver già ampiamente svolto il suo ruolo aumentando la propria capacità di accoglienza. Ormai, scrive oggi il corrispondente da Roma del quotidiano francese "Les Echos", Olivier Tosseri, più che su di un accordo globale europeo l'Italia ora conta sugli accordi bilaterali con i paesi di origine dei migranti: 5 mila infatti sono già stati riportati in patria grazie ad accordi di partenariato siglati con l'Egitto, la Tunisia, il Marocco, la Nigeria ed il Gambia; mentre dei negoziati sono in corso con il Senegal, il Sudan ed il Ghana.

Leggi l’articolo dell’Echos

 

 

ECONOMIA


 

L'interazione tra una Fed che inasprisce la politica monetaria e una Bce che la allenta

Londra, 10 nov 08:29 - (Agenzia Nova) - L'ultima riunione del comitato di politica monetaria della Federal Reserve degli Stati Uniti, osserva Lorenzo Bini Smaghi, ex membro del consiglio esecutivo della Banca centrale europea e visiting scholar all'Harvard Weatherhead Center for International Affairs, nel suo blog sul "Financial Times", sembra aver sorpreso i mercati, che si aspettavano un aumento dei tassi di interessi solo nel 2016. L'intenzione della Bce di un ulteriore allentamento della politica monetaria può aver indotto la Fed ad anticipare a dicembre la sua stretta. Perché? C'è un largo consenso sul fatto che l'alleggerimento quantitativo col tempo diventi meno efficace, specialmente con i tassi di interesse a zero. Il principale canale di trasmissione dell'alleggerimento quantitativo sull'economia reale è stato il tasso di cambio. Anticipando la sua mossa, la Fed può sperare in un ripensamento della Bce: il deprezzamento dell'euro derivante dall'aumento dei tassi Usa farebbe una parte del lavoro dell'Eurotower.

Leggi l’articolo del Financial Times

 

Poste Italiane, profitti in aumento ma spese in vista nel 4° trimestre

Parigi, 10 nov 08:29 - (Agenzia Nova) - Poste Italiane, entrata in Borsa lo scorso mese, lunedì 9 novembre ha annunciato un forte aumento del suo risultato netto nei primi nove mesi dell'anno ma ha avvertito che i conti del quarto trimestre includeranno dei carichi eccezionali: l'amministratore delegato, Francesco Caio, ha detto che il gruppo inscriverà nei conti dell'ultimo trimestre del 2015 le spese previste per le ristrutturazioni da realizzare nel 2016.

Leggi l’articolo dell’Echos

 

 

SOCIETA’


 

Mentre Europa e Cina invecchiano, l'aumento della natalità non passa più per le camere da letto

New York, 10 nov 08:29 - (Agenzia Nova) - Nonostante la decisione del Partito comunista cinese di archiviare la politica del figlio unico, invertire il declino demografico di quel paese – e di altri caratterizzati dalla stessa crisi di denatalità, specie in Europa – richiederà ben più di politiche governative di incentivo alle nascite, scrive il “New York Times”. Stando al quotidiano Usa, gli studi più recenti in materia paiono dimostrare che il tasso di fecondità dipende soprattutto da un set di valori sociali, e da fattori come la parità di genere, la fiducia e la coesione all'interno di una società nazionale e l'immigrazione. Francesco Billari, professore di sociologia e demografia di Oxford, cita a tal proposito l'esempio italiano: il Nord Italia, che un tempo generava meno figli del più povero Meridione, oggi ha invertito la tendenza grazie alle maggiori tutele e opportunità di cui godono le donne settentrionali. Secondo lo studioso, proprio l'assenza di una maggior parità di genere spiega il perché le politiche di incentivo alle nascite non abbiano sortito effetti soddisfacenti in Russia, nell'Europa centrale e in Asia Orientale.

Leggi l’articolo del New York Times

 

L'autista pentito della mafia torna in Sicilia senza protezione

Londra, 10 nov 08:29 - (Agenzia Nova) - Stefano Lo Verso, ex autista del boss mafioso Bernardo Provenzano e collaboratore di giustizia, ha preferito all'esilio il ritorno in Sicilia senza protezione. Il quotidiano britannico "The Independent" si chiede se la sua storia possa segnare l'inizio di un cambiamento nella gestione dei pentiti.

Leggi l’articolo dell’Independent

 

 

PANORAMA INTERNAZIONALE


 

Emergenza rifugiati: i leader europei si riuniscono per la sesta volta quest'anno

Londra, 10 nov 08:29 - (Agenzia Nova) - I leader dell'Unione Europea, riferisce il quotidiano britannico "The Independent", si riuniranno a Malta domani e dopodomani, insieme a rappresentanti di paesi africani, per parlare di emergenza migrazioni e di aiuti per miliardi di euro. Per l'Ue è la sesta riunione dall'inizio dell'anno sul tema ma, mentre l'inverno si avvicina, i governi sono indietro nell'attuazione degli impegni presi per affrontare la crisi ed evitare una catastrofe umanitaria. La Commissione, riporta il "Financial Times", esaminerà la possibilità di creare anche in paesi esterni all'Unione centri per la gestione delle richieste di asilo.

Leggi l’articolo dell’Independent

 

Migrazioni, la Ue vuole "centri di elaborazione" sulla rotta balcanica

Berlino, 10 nov 08:29 - (Agenzia Nova) - All'incontro straordinario di ieri, i ministri dell'Interno europei hanno fatto il punto degli scarsi progressi nei piani di redistribuzione all'interno dell'Unione di 160 mila profughi: finora i migranti distribuiti in Paesi come Finlandia, Svezia, Lussemburgo o Spagna sono stati solamente 135: 105 dall'Italia e 30 dalla Grecia. Entro fine novembre proprio in Grecia e in Italia dovrebbero entrare in funzione i cosiddetti "hotspot" per la registrazione dei profughi. Inoltre, L'Ue progetta di predisporre dei "centri di elaborazione" delle richieste di asilo politico lungo la rotta balcanica.

Leggi l’articolo del Sueddeutsche Zeitung

 

Terrorismo: ucciso in Egitto il leader dell'attacco contro il consolato italiano al Cairo

Rio de Janeiro, 10 nov 08:29 - (Agenzia Nova) - La mente che ha organizzato l'attacco da parte dello Stato Islamico (Isis) contro il Consolato d'Italia al Cairo, Ashraf Ali Ali Hassanein al Gharabli, è stato ucciso durante un'operazione condotta dalle forze di sicurezza egiziane nel tentativo di catturarlo. Lo ha riferito ieri il ministero dellInterno egiziano. Secondo le autorità, la morte del terrorista è avvenuta nel nord-est della capitale, dopo che questi era stato intercettato dai servizi di sicurezza nella regione di el-Marg, dove stava progettando nuovi attacchi. L'attacco al consolato italiano, avvenuto lo scorso 11 luglio, aveva provocato la morte di una persona e il ferimento di altre nove, oltre ad aver distrutto la facciata del palazzo. Uno dei leader dell'Isis nel Sinai, al Gharabili è il decimo sospettato di aver partecipato all'attacco al consolato ad essere ucciso dalle forze di sicurezza egiziane. Nel mese di settembre, altre nove persone sono state uccise in un'operazione finalizzata all'arresto dei responsabili dell'attentato.

Leggi l’articolo del Jornal do Brasil

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi