Berlusconi ministro di Putin?

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Economist, Monde, Bloomberg Business Week e Telegraph.
Berlusconi ministro di Putin?

POLITICA


 

Matteo Renzi pronto a dare battaglia a Bruxelles sulla sua "rivoluzione fiscale"

Parigi, 24 lug 08:30 - (Agenzia Nova) - Una "rivoluzione copernicana", aveva promesso Matteo Renzi: e dopo gli effetti mediatici dell'annuncio, il Tesoro italiano ha cominciato a svelare il suo piano di battaglia a Bruxelles; e ad aggiustare il tiro. Mentre sul piano interno l'annunciata soppressione della tassa sulla prima casa (TasiI) già nel 2016 ha suscitato un serrato dibattito in seno alla stessa maggioranza di governo, con l'ala sinistra che accusa il capo del governo di voler "fare come Berlusconi" per contrastare la sua perdita di popolarità e di guadagnare voti e il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan che accusa la Tasi di frenare la ripresa del settore immobiliare, il vero esame sarà con la Commissione europea. Spiegando il piano di riduzione delle imposte per 45 miliardi di euro in cinque anni promesso da Renzi, Padoan non ha nascosto l'intenzione di negoziare un nuovo margine di manovra sulla riduzione del deficit pubblico dell'Italia; ma ha anche sottolineato che il calo delle tasse per essere "credibile" dovrà essere "permanente" e finanziato in gran parte da riduzioni della spesa pubblica. Tuttavia il piano rischia di scontrarsi con la vigilanza rafforzata di Bruxelles sui conti pubblici italiani. Il punto centrale quindi è come saranno calibrati i tagli alla spesa: il nuovo commissario alla "Spending Review" Yoram Gutgeld (ex-McKinsey) ha già promesso per la prossima settimana un "menu" di oltre 10 miliardi di tagli per il 2016. Da parte sua, Renzi ha promesso di "fare rumore" a Bruxelles in autunno.

Leggi l’articolo dell’Echos

 

Berlusconi sostiene che Putin lo vuole come ministro dell'Economia della Russia

Londra, 24 lug 08:30 - (Agenzia Nova) - L'amicizia tra Vladimir Putin e Silvio Berlusconi sembra non conoscere confini, nonostante il declino politico dell'ex presidente del Consiglio italiano. Berlusconi, riferisce il quotidiano britannico "The Telegraph", ha dichiarato che il presidente della Russia gli ha offerto la cittadinanza e il posto di ministro dell'Economia. Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha però precisato che non si trattava di un'offerta formale ma di una manifestazione di sostegno.

Leggi l’articolo del Telegraph

 

 

ECONOMIA


 

L'Italia si piega, la Grecia collassa

New York, 24 lug 08:30 - (Agenzia Nova) - Viste da Londra o da Berlino, Italia e Grecia appaiono pericolosamente simili. Entrambe sono schiacciate da una montagna di debito pubblico in continua ascesa, da una disoccupazione a doppia cifra e dagli effetti devastanti di un apparato statale e burocratico ipertrofico e soffocante. Fortunatamente per l'Italia – scrive “Bloomberg” – il settore privato resiste, pur tra le mille difficoltà. La Penisola vanta un sistema bancario generalmente prudente – fatti salvi casi eclatanti come quello di Monte dei Paschi – e un'industria manifatturiera che è ancora tra le prime in Europa, pur avendo perso il 25 per cento sotto i colpi della crisi. Le esportazioni italiane sono state e continuano ad essere un fondamentale pilastro di stabilità, e hanno permesso al paese di accumulare riserve auree per 90 miliardi di dollari, le terze al mondo dopo quelle di Stati Uniti e Germania. L'indebitamento delle famiglie, in rapporto al pil, è relativamente basso – il 45 per cento, contro il 65 per cento della Grecia e il 57 per cento della Germania. L'Italia – avverte però “Bloomberg” - può ancora fare la fine della Grecia, specie se le sue istituzioni, così come quelle europee, non comprenderanno che il settore produttivo e la ricchezza privata sono l'ancora di salvezza del paese, e non un forziere a cui attingere per alimentare spese e inefficienze – emblematico il disastroso stato della capitale, Roma – che il paese non si può più permettere.

Leggi l’articolo del Bloomberg Business Week

 

Telecom Italia prepara 1.700 licenziamenti, rinvia i piani di assunzione dei giovani

New York, 24 lug 08:30 - (Agenzia Nova) - Telecom Italia Spa sta preparando il licenziamento di 1.700 dipendenti, pari al 3 per cento della sua forza lavoro complessiva, e rinviando il piano di assunzione dei giovani con l'obiettivo di ridurre il costo del lavoro. La compagnia ha informato i sindacati dei lavoratori durante un incontro tenuto ieri a Roma, alla presenza di funzionari del ministero dello Sviluppo economico. Telecom ha diffuso un comunicato in cui si dice pronta a “discutere coi sindacati per identificare soluzioni necessarie che combinino la salvaguardia dell'occupazione all'efficienza e a un costo del lavoro sostenibile”. Alla fine del primo trimestre 2015 la compagnia italiana impiegava 50 mila lavoratori.

Leggi l’articolo del Bloomberg Business Week

 

Eni valuta la cessione degli asset in Nigeria

New York, 24 lug 08:30 - (Agenzia Nova) - la compagnia petrolifera italiana Eni sta valutando la vendita dei suoi asset in Nigeria, nell'ambito di un piano di disinvestimento dalle operazioni periferiche in risposta al calo dei prezzi del petrolio. L'ad della compagnia, Claudio Descalzi, ha annunciato piani per la cessione di asset e operazioni del valore complessivo di 8 miliardi di euro entro il 2018, incluse quote delle controllate Galp Energia Sgps e Snam Spa. Eni non è l'unica grande compagnia petrolifera a valutare l'uscita dalla Nigeria, un paese piegato dalla violenza degli islamisti di Boko Haram e dal furto di petrolio greggio nel Delta del Niger.

Leggi l’articolo del Bloomberg Business Week

 

Fiat Chrysler lancia il progetto di quotazione di Ferrari alla Borsa di New York

Parigi, 24 lug 08:30 - (Agenzia Nova) - Fiat Chrysler Automobiles (Fca) giovedì ha presentato un dossier di ingresso alla Borsa di New York per il suo marchio di lusso italiano Ferrari. Nel dossier non vengono precisati né il prezzo delle azioni né la quantità di azioni in vendita; tuttavia l'operazione riguarderebbe non oltre il 10 per cento del capitale mentre il restante 90 per cento resterebbe ripartito tra gli attuali azionisti di Fca. L'ingresso in Borsa di Ferrari non potrà aver luogo prima del 12 ottobre, primo anniversario della fusione Fiat-Chrysler; l'effettiva separazione avverrebbe agli inizi del 2016. La banca svizzera Ubs assumerà il ruolo di coordinatore dell'operazione, assististita da Bank of America, Merrill Lynch e Santander.

Leggi l’articolo dell’Echos

 

 

SOCIETA’


 

Quando l'arredamento belga soggioga l’Italia

Bruxelles, 24 lug 08:30 - (Agenzia Nova) - A San Cassiano, un paesino delle Puglie, un palazzo del XVIII° secolo è stato interamente arredato dalla società belga Flamant, con camere per gli ospiti di una estrema raffinatezza.

Leggi l’articolo del Soir

 

Due Italiani riconosciuti colpevoli dell’attentato fascista di Brescia, 41 anni dopo

Parigi, 24 lug 08:30 - (Agenzia Nova) - Comincia a chiarirsi il passato oscuro dell'Italia: la Corte d'appello di Milano ha condannato all'ergastolo Carlo Maria Maggi, 81 anni, e Maurizio Tramonte, 63 anni, come responsabili dell’attentato fascista a Piazza della Loggia a Brescia, che il 28 maggio 1974 provocò 8 morti ed un centinaio di feriti. "Con questa decisione è arrivato il momento della verità degli anni di piombo" ha commentato Manlio Milani dell'associazione delle vittime, la cui moglie fu uccisa nell’attentato.

Leggi l’articolo del Monde

 

 

PANORAMA INTERNAZIONALE


 

Ue: le doglie di una politica delle migrazioni

Londra, 24 lug 08:30 - (Agenzia Nova) - La scorsa settimana un aereo da ricognizione danese ha avvistato un peschereccio carico di migranti al largo della Libia e allertato la Guardia Costiera italiana, che a sua volta ha indirizzato il pattugliatore svedese "Poseidon" al recupero di oltre seicento persone. "Se solo i governi potessero collaborare altrettanto positivamente", osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica "Charlemagne", dedicata agli affari europei. Questa settimana, invece, si è registrato l'ennesimo fallimento nel tentativo di distribuire tra i paesi membri dell'Unione Europea 40 mila richiedenti asilo approdati in Italia e Grecia. L'autorevole periodico non si aspetta l'emergere a breve di un nuovo approccio dell'Ue in materia di migrazioni.

Leggi l’articolo dell’Economist

 

L'Ue apre una procedura antitrust a carico di studi cinematografici Usa e di Sky Uk

New York, 24 lug 08:30 - (Agenzia Nova) - I grandi studi di Hollywood, già alle prese con la proliferazione dei servizi streaming e on-demand, devono far fronte a un'altra minaccia alle loro vecchie pratiche di business: i regolatori europei. L'autorità antitrust dell'Ue ha comunicato ieri l'apertura di procedure a carico di sei grandi studio cinematografici Usa e di Sky Uk, accusati di aver bloccato l'accesso a film e altri contenuti. Le compagnie interessate sono 21st Century Fox, Disney, NbcUniversal, Paramount Pictures, Sony, Fox e Warner Bros. La pratica oggetto delle obiezioni dell'Ue riguarda i contratti degli studio con Sky Uk, che obbligano quest'ultima a bloccare l'accesso ai contenuti ai consumatori europei fuori da Regno Unito e Irlanda.

Leggi l’articolo del New York Times

 

Libia: governo Tripoli nega sequestro operai italiani per mano di milizie alleate

Madrid, 24 lug 08:30 - (Agenzia Nova) - Il presidente del governo libico di Tripoli, Khalifa al-Gauil, ieri ha scartato l'ipotesi che il sequestro di quattro cittadini italiani nella zona occidentale del paese sia opera di milizie alleate al governo islamista. Lo riferisce il quotidiano spagnolo "La Vanguardia". "E' molto probabile che i rapitori siano criminali intenzionati a destabilizzare i rapporti con l'Italia", ha dichiarato il premier all'agenzia di stampa libica "Wal". Altre fonti del governo di Tripoli hanno assicurato che le indagini proseguono senza sosta. "Questo atto vile non influenzerà le relazioni amichevoli tra i popoli libico e italiano", recita una nota del governo di Tripoli, il quale ha rinnovato il suo appello alla cooperazione alla comunità internazionale per sradicare il terrorismo in Libia.

Leggi l’articolo del Vanguardia

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi