Le intercettazioni a Crocetta e il populismo di Grillo

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Washington Post, Monde, Monde e Wall Street Journal
Le intercettazioni a Crocetta e il populismo di Grillo

POLITICA


 

Grillo: i partiti europei di protesta sono l'unica alternativa a derive violente

New York, 17 lug 08:34 - (Agenzia Nova) - Beppe Grillo, co-fondatore e guida del Movimento 5 stelle italiano, discute in una intervista a “Bloomberg News” dell'euro, delle implicazioni socio-politiche della crisi greca in Europa e degli obiettivi del partito euroscettico di cui è il volto più noto. La capitolazione del premier greco Alexis Tsipras ai creditori dell'eurozona è il segnale, secondo Grillo, che le forze anti-austerità devono raddoppiare i loro sforzi: il loro successo politico, ad esempio alle prossime elezioni politiche spagnole, innescherò nuovi shock ai danni dell'establishment politica dell'eurozona. Secondo Grillo, che chiede un referendum netto sull'adesione all'euro, pur consapevole delle difficoltà legate all'ordinamento costituzionale italiano, le forze politiche tradizionali non sono in grado di opporre alcun antidoto all'emergente di movimenti nazionalisti e violenti come Alba Dorata. “Alba Dorata è un sintomo. (…) Non si è riprodotto in paesi come il nostro perché noi abbiamo assorbito la rabbia della gente, ma in futuro mi aspetto disordini sociali, e non solo in Grecia”, avverte Grillo. Movimento euroscettici come quello rappresentato dall'ex comico ligure sono “un piano B”, l'unica alternativa alle ricette offerte dalle classi dirigenti nazionali e sovranazionali che a suo dire hanno prodotto proprio quegli effetti disastrosi solitamente attribuiti all'ipotesi di una uscita dall'euro: dal crollo della produzione industriale al boom della disoccupazione. Grillo fa anche il punto del processo evolutivo del Movimento 5 stelle, un partito che si è ormai strutturato, che è pronto a governare e che secondo Grillo vincerà le prossime elezioni.

Leggi l’articolo del Bloomberg Business Week

 

L’Unione Europea condanna l’Italia per la gestione dei rifiuti a Napoli

Parigi, 17 lug 08:34 - (Agenzia Nova) - La giustizia europea punta l'indice contro la gestione dell'emergenza nella "discarica d'Italia", Napoli: la Corte di giustizia dell'Unione Europea (Cjue) giovedì 16 luglio ha condannato l’Italia ad un'ammenda di 20 milioni di euro, accompagnata da una multa giornaliera di 120 mila euro, per la sua incapacità di mettere all'opera una gestione efficace dei rifiuti nella zona del capoluogo campano.

Leggi l’articolo del Monde

 

Italia: governatore Sicilia si autosospende dopo la diffusione di presunte intercettazioni su Lucia Borsellino

Madrid, 17 lug 08:34 - (Agenzia Nova) - Il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, ha annunciato ieri l'autosospensione dalla sua carica, dopo la divulgazione di una presunta intercettazione telefonica relativa ad una conversazione tra lui e il suo medico personale, Matteo Tutino, accusato di frode, appropriazione indebita e abuso di potere e agli arresti domiciliari dallo scorso 29 giugno. Nel corso della conversazione, divulgata dal settimanale "L'Espresso" - Tutino augura la morte a Lucia Borsellino, figlia dell'importante magistrato siciliano Paolo Borsellino, ucciso da Cosa Nostra nel 1992 a causa del suo ruolo nella lotta alla mafia. "Va eliminata come il padre", afferma il medico stando alle trascrizioni diffuse dal settimanale, mentre Crocetta abbozza e non replica. "Non ho sentito la frase su Lucia Borsellino, forse ero in una zona dove c'era poco segnale...Non saprei spiegare. Tanto che io non rispondo. Adesso sto male. Se avessi saputo, non lo so...Avrei potuto incontrare Tutino e riempirlo di calci, avrei potuto informare subito la giustizia. Sento un orrore profondo", ha dichiarato il governato all'agenzia stampa italiana "Ansa". Secondo "l'Espresso", l'intercettazione farebbe parte di un dossier tenuto nascosto dalla giustizia italiana. "Non posso non sentirmi personalmente offesa e provare un po' di vergogna per loro", ha commentato Lucia Borsellino.

Leggi l’articolo del Vanguardia

 

 

ECONOMIA


 

I costruttori di automobili guardano all'Europa per continuare a crescere

New York, 17 lug 08:34 - (Agenzia Nova) - La domanda di nuove automobili in Europa ha segnato un consistente rimbalzo nel mese di giugno dopo la deludente performance di maggio, chiudendo il primo semestre dell'anno con un incremento dell'8,2 per cento delle nuove immatricolazioni (7,41 milioni). Col raffreddamento della domanda negli Usa, molti costruttori guardano proprio all'Europa per proseguire la loro crescita, ma alcuni analisti temono che il mercato dell'auto del Vecchi continente, dopo una ripresa di breve durata, sia già saturo. L'aumento delle immatricolazioni a giugno – affermano alcuni economisti – è semplicemente l'esito del maggior numero di giorni lavorativi rispetto allo stesso mese dello scorso anno.

Leggi l’articolo del Wall Street Journal

 

Camera di Commercio: Roma è sull'orlo del collasso e ha bisogno di interventi urgenti

Londra, 17 lug 08:34 - (Agenzia Nova) - "Roma è sull'orlo del collasso. È inaccettabile che una grande città che si definisce sviluppata possa trovarsi in tale stato di decadimento", afferma Giancarlo Cremonesi, presidente della locale Camera di Commercio. La denuncia finisce sulle pagine del quotidiano britannico "The Telegraph", che ricorda l'ultimo posto della capitale italiana nella classifica della Commissione europea sull'efficienza dei servizi e il penultimo in quella sulla qualità della vita. Sulla stampa del Regno Unito si parla, inoltre, di Venezia, per la polemica sui testi scolastici: oltre 250 autori, riferisce "The Guardian", hanno scritto al sindaco per chiedere il ritiro dei loro titoli, un atto di solidarietà contro la messa al bando da parte del comune del libro illustrato per bambini "Piccolo Uovo" di Francesca Pardi, in cui un pinguino scopre l'esistenza di diversi tipi di famiglie, comprese quelle con genitori dello stesso sesso.

Leggi l’articolo del Telegraph

 

Netflix raggiunge 65 milioni di utenti in tutto il mondo

Madrid, 17 lug 08:34 - (Agenzia Nova) - Netflix continua a battere record in termini di utenti. Il più grande fornitore di servizi di streaming on-line ondemand del mondo nel mese di giugno ha superato i 65 milioni di utenti, dopo l'aggiunta di più di quattro milioni di nuovi clienti nel secondo trimestre. I risultati sono il frutto soprattutto dell'espansione dell'azienda oltre i confini degli Stati Uniti: il numero di abbonati non statunitensi è salito tra aprile e giugno di 2.370.000 unità, a quota 23.250.000. I ricavi ottenuti al di fuori degli Usa rappresentano oggi il 31 per cento del totale, mentre il mercato statunitense è ancora il primo della compagnia, con 42,3 milioni di utenti, 900 mila in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L'espansione internazionale delle operazioni di Netflix è stata fondamentale per la sua crescita organica e tra settembre e dicembre di quest'anno, il provider di programmi televisivi lancerà il servizio in Giappone, Italia, Spagna e Portogallo.

Leggi l’articolo del Pais

 

 

SOCIETA’


 

Spie sotto pressione dopo l'attacco ad Hacking Team

Washington, 17 lug 08:34 - (Agenzia Nova) - Il clamoroso attacco informatico contro la società italiana di software per lo spionaggio Hacking Team ha esposto i dettagli di attacchi e dello spionaggio sistematico dei governi in tutto il mondo, da Cipro sino alla Corea del Sud. All'indomani dell'attacco del 5 luglio scorso Wikilieaks ha pubblicato oltre 1 milione di email, che evidenziano come la compagnia italiana abbia venduto software per lo spionaggio un po' a tutti, dall'Fbi statunitense all'intelligence della Russia di Vladimir Putin, dai governi autoritari del Medio Oriente sino ai dipartimenti di polizia delle città statunitensi. L'azienda italiana ha persino tentato di vendere software al Vaticano, proprio mentre lavorava a un malware per infettare obiettivi religiosi. “E' un mini-caso Snowden”, commenta Tal Be'ery, uno dei maggiori esperti di sicurezza informatica israeliani. Ciò che più sorprende delle rivelazioni – sostiene l'esperto – è il ricorso sistematico alle pratiche di hacking da parte di governi democratici e non in tutti i Continenti.

Leggi l’articolo del Washington Post

 

Venezia vuole limitare il numero dei turisti a Piazza San Marco

Berlino, 17 lug 08:34 - (Agenzia Nova) - Venezia vuole limitare l'accesso dei turisti ad alcuni dei luoghi simbolo della città lagunare, come ad esempio Piazza San Marco. "Vogliamo allentare la pressione su alcuni quartieri nel centro storico", ha dichiarato il nuovo sindaco Luigi Brugnaro all'agenzia di stampa "Dpa". La nuova amministrazione cittadina sta pensando di introdurre un sistema di prenotazioni che consentirebbe alle persone del luogo, ai pendolari e agli ospiti degli hotel di avere accesso libero, a determinate condizioni. I turisti giornalieri, invece, dovrebbero prenotare la visita un giorno prima. Ancora non si sa se il permesso sarebbe a pagamento.

Leggi l’articolo del Stern

 

Scrivo il mio nome sulle rovine del Colosseo

Parigi, 17 lug 08:34 - (Agenzia Nova) - Il quotidiano francese "Le Monde" pubblica un reportage del suo corrispondente da Roma Philippe Ridet sui graffiti che deturpano il Colosseo e più in generale sul problema rappresentato dai danni che i turisti arrecano ai più famosi monumenti del mondo.

Leggi l’articolo del Monde

 

 

PANORAMA INTERNAZIONALE


 

Iran: con la fine delle sanzioni le major petrolifere torneranno, ma i negoziati non saranno facili

Londra, 17 lug 08:34 - (Agenzia Nova) - Nelle settimane precedenti l'accordo tra l'Iran e l'Occidente sul nucleare, riferisce il "Financial Times", a Teheran c'è stato un afflusso costante di visitatori provenienti dai più grandi gruppi energetici mondiali. Il settore non può ignorare un "negozio di caramelle" come l'Iran, che tra poco aprirà la sua vetrina multimiliardaria di progetti nel petrolio e nel gas. Appena le sanzioni economiche internazionali saranno ammorbidite, sarà possibile trattare i dettagli e le compagnie europee saranno le prime. Il momento per Royal Dutch Shell, Eni e Total potrebbe arrivare tra qualche mese e i negoziati potrebbero rivelarsi complessi.

Leggi l’articolo del Financial Times

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi