Rolex contro Renzi e la Libia di Prodi

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Economist, Wall Street Journal, Figaro e Spiegel.
Rolex contro Renzi e la Libia di Prodi

POLITICA



 
Rolex accusa il presidente del Consiglio italiano di danno all'immagine

Londra, 7 mag 08:34 - (Agenzia Nova) - "Caso Rolex" in evidenza sui principali quotidiani britannici. Il noto marchio di orologi di lusso accusa il presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi, e il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, di danneggiare la sua reputazione collegando il suo nome agli atti di vandalismo di Milano del Primo maggio. L'amministratore delegato d Rolex Italia, Gianpaolo Marini, con un'inserzione a mezzo stampa a tutta pagina, ha chiesto le pubbliche scuse del governo dopo le parole pronunciate dai due politici, che hanno definito i manifestanti anti-Expo "figli di papà col Rolex". Il manager, inoltre, ha messo in dubbio che l'orologio d'acciaio che si è visto in foto e video al polso di uno dei teppisti sia prodotto dall'azienda.

Leggi l'articolo del Guardian

 

Prodi sulla questione immigrazione: "La soluzione è in Libia"

Berlino, 7 mag 08:34 - (Agenzia Nova) - Il vertice straordinario dell'Unione Europea sulla questione immigrazione è stato una delusione. E' vero che verranno investiti più fondi nell'operazione di controllo delle frontiere "Triton", ma a conti fatti, non verranno messi a disposizioni più soldi di quelli stanziati dall'Italia per la precedete missione "Mare Nostrum". L'area di intervento rimarrà la stessa e continueranno a morire persone. L'ex premier italiano Romano Prodi è stato cinque anni presidente della Commissione europea. "In tutti questi anni non siamo riusciti a far capire agli altri Stati che i confini italiani sono quelli dell'Unione Europea", dichiara Prodi. In un'intervista al settimanale tedesco "Spiegel", Prodi parla dell'unica soluzione possibile per contrastare le morti nel Mediterraneo: "Dobbiamo agire sul territorio libico, perché da lì parte il 90 per cento di tutti i barconi dei profughi. Dobbiamo indire una conferenza internazionale sulla Libia: al momento non è facile perché i rapporti con la Russia si sono incrinati, ma è dovere delle grandi potenze appellarsi all'Egitto, alla Turchia e agli Stati del Golfo per portare al tavolo dei negoziati chi detiene il potere in Libia", sostiene l'ex premier.

Leggi l'articolo dello Spiegel

 

Per Enrico Letta, "Bisoga formare gli studenti alla gestione delle crisi"

Parigi, 7 mag 08:34 - (Agenzia Nova) - Il quotidiano francese "Le Monde" intervista l'ex presidente del Consiglio italiano Enrico Letta, che dal prossimo mese di settembre cambierà vita ed andrà ad insegnare alla Scuola di affari internazionali di Scienze politiche di Parigi. Nell'intervista, Letta spiega come intende trasmettere la sua esperienza politica alle élite del futuro ed insegnare agli studenti come gestire le crisi che li attendono.

Leggi l'articolo del Monde

 

 

ECONOMIA


 

La guerra "verde" dell'Europa al libero commercio

New York, 7 mag 08:34 - (Agenzia Nova) - La crociata dell'Europa contro gli organismi geneticamente modificati (ogm) è l'ultima scusa di stampo protezionistico del Vecchio continente, accusa in un editoriale non firmato il “Wall Street Journal”. E' proprio l'offensiva anti-ogm a minacciare i negoziati tra Stati Uniti ed Europa sulla partnership commerciale trans-Atlantico (Transatlantic Trade and Investment Partnership, Ttip), che potrebbe apportare benefici economici all'Europa quantificabili in 120 miliardi di euro l'anno. Il mese scorso la Commissione europea ha proposto di consentire liberamente a ciascuno dei 28 Stati membri di bandire gli ogm – attacca il quotidiano – rischia di scardinare l'intera impalcatura dei negoziati, dal momento che gran parte delle esportazioni agricole statunitensi contengono ormai al loro interno questo tipo di ingredienti. Negli Usa, la proposta di bandire gli ogm “è giustamente considerata come mero protezionismo di ritorno”. Del resto – sottolinea il quotidiano – è la Commissione stessa ad ammettere che il muro eretto contro gli ogm non ha nulla a che fare con le ragioni della scienza: nel preambolo della proposta si legge che le obiezioni degli Stati membri “solitamente non poggiano sulla scienza ma su considerazioni di ordine differente”. Ed Anne Glover, microbiologa di Cambridge, ha perso il suo ruolo di consigliere scientifico capo della Commissione lo scorso anno, dopo aver pubblicamente dichiarato che “non esiste una sola prova scientifica” a riprova della presunta pericolosità degli ogm.

Leggi l'articolo del Wall Street Journal

 

Italia, ministro dell'Economia cerca accordo con l'Ue sulle sofferenze bancarie

New York, 7 mag 08:34 - (Agenzia Nova) - Il ministro italiano dell'Economia, Pier Carlo Padoan, ha si è detto fiducioso ieri di poter raggiungere un accordo con l'Unione Europea su una soluzione che consenta alle banche italiane di liberarsi di miliardi di euro di crediti in sofferenza. L'Italia è impegnata in complicate trattative con le autorità comunitarie circa l'ipotesi di istituire una “bad bank” che si sobbarchi una parte dei ben 350 miliardi di euro di sofferenze che gravano sulle banche del Belpaese. Cedere questi crediti a condizioni di mercato rischierebbe di danneggiare gravemente i bilanci degli istituti bancari, ma operare condizioni di favore rischierebbe di prefigurare un indebito aiuto di Stato da parte del Tesoro italiano. Padoan, però, esprime ottimismo: “Sono fiducioso che sapremo trovare un accordo”, ha dichiarato, aggiungendo che il governo ha già studiato misure la cui applicazione è prevista “certamente prima dell'estate”.

Leggi l'articolo del New York Times

 

I celebri cappelli Borsalino resteranno italiani

Parigi, 7 mag 08:34 - (Agenzia Nova) - Buone notizie in vista per Borsalino, che impiega 120 dipendenti e nel 2014 ha realizzato un volume d'affari di 13,5 milioni di euro: il finanziere italiano Philippe Camperio dovrebbe diventare, tramite il suo fondo d'investimento Haeres Equita Partners, il nuovo proprietario del celebre marchio di cappelli reso celebre da Alain Delon, Humphrey Bogart e Jean-Paul Belmondo. Il tribunale di Alessandria ha accettato un "concordato" che permette a Camperio di accollarsi il debito di 20 milioni e di convertirlo in capital nei prossimi mesi.

Leggi l'articolo del Figaro

 

 

SOCIETA'


 

L'Expo di Milano riflette un cauto ottimismo sulla svolta dell'Italia

Londra, 7 mag 08:34 - (Agenzia Nova) - Poco prima dell'inaugurazione dell'Expo di Milano, ricorda il settimanale britannico "The Economist", è sembrato che si materializzassero tutte le preoccupazioni legate all'organizzazione italiana di un evento mondiale: ritardi, sforamento dei costi, infiltrazioni criminali. Molti addirittura dubitavano dell'apertura. Non tutto è andato liscio, ma come da programma le porte si sono aperte, accogliendo nel primo giorno 200 mila visitatori. Le aspettative sono molto alte; la speranza è che l'esposizione universale possa contribuire a rilanciare l'economia nazionale.

Leggi l'articolo dell'Economist

 

Rem Koolhaas realizza una spettacolare "città dell'arte" per Prada a Milano

Londra, 7 mag 08:34 - (Agenzia Nova) - Il progetto più ambizioso di Prada non riguarda la moda, ma l'arte, riferiscono i quotidiani britannici "The Guardian" e "The Times". La Fondazione creata dall'azienda nel 1993 come "avamposto per analizzare il presente" inaugura sabato il nuovo, enorme spazio espositivo di Milano, in un'ex distilleria di inizio Novecento, progettato dall'architetto olandese Rem Koolhaas. La cittadella ospiterà l'imponente collezione contemporanea di Miuccia Prada e Patrizio Bertelli, le mostre temporanee e altri eventi culturali.

Leggi l'articolo del Times

 

Tribunale italiano sospende l'estradizione di Pizzolato

Rio de Janeiro, 7 mag 08:34 - (Agenzia Nova) - Il Tribunale amministrativo regionale (Tar) del Lazio ha sospeso l'estradizione dell'ex direttore marketing del Banco do Brasil, Henrique Pizzolato, dopo che la difesa brasiliana del condannato ha presentato ricorso contro la decisione del ministro della Giustizia di Italia, Andrea Orlando. L'informazione, riporta la stampa brasiliana, è stata confermata all'agenzia Ansa dall'avvocato dell'ex banchiere, Alessandro Sivelli. Secondo quanto riferito, il giudice del Tar ha fissato una udienza per il prossimo 3 giugno per discutere il caso. "Fino ad allora - ha spiegato l'avvocato - Henrique Pizzolato rimarrà sicuramente in Italia".

Leggi l'articolo del Jornal do Brasil

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi