L'intervista di Renzi al Nyt e il disastro "alla moda" di Prada

La rassegna della stampa estera a cura di Agenzia Nova sui principali fatti che riguardano da vi cino il nostro paese. Oggi articoli di New York Times, Economist, Die Welt e Le Monde.
L'intervista di Renzi al Nyt e il disastro "alla moda" di Prada

Italia: Matteo Renzi prova a cambiare il vecchio ordine

New York, 1 apr - (Agenzia Nova) - Il premier italiano Matteo Renzi si è recentemente presentato al Senato italiano per ringraziare i legislatori d'aver approvato importanti riforme come quella del lavoro, fondamentale per lo sforzo di rilancio economico intrapreso dal governo. Nei prossimi mesi il Senato dovrà compiere un gesto ancor più coraggioso: votare la riforma della Camera alta che supererà il bicameralismo perfetto e ridurrà il Senato stesso a una camera con funzioni di rappresentanza regionale. Mentre in Europa crescono e si moltiplicano nuove formazioni di impronta populistica ed anti-sistemica, scrive il "New York Times", Renzi si è proposto come una sorta di "insider rivoluzionario", alfiere di una politica economica comunitaria meno improntata all'austerità fiscale, ma al contempo vicino politicamente e personalmente al cancelliere tedesco Angela Merkel. Il premier italiano rivendica il quantitative easing della Bce e la nuova attenzione delle istituzioni europee alle politiche per la crescita come un successo personale, e almeno in parte ha regione. Alcuni tratti dell'evoluzione della sinistra tradizionale innescata da Renzi "lo accomunano a leader della passata generazione come Tony Blair e Bill Clinton". Tuttavia - avverte il quotidiano Usa - il successo o il fallimento politico di Renzi si misureranno in ultima analisi nella sua capacità di rilanciare un'Italia prostrata da decenni di malgoverno e dissesto istituzionale, e da anni di recessione economica. "L'Italia può fare o disfare l'Unione Europea", spiega l'analista italiano Roberto D'Alimonte. E tuttavia, "bisogna guardare all'Italia da Berlino: di quale altro leader potrebbe fidarsi la Merkel? Renzi è il solo".

Continua a leggere l'articolo del New York Times


Yoox si fonde con Net-A-Porter

Londra, 1 apr - (Agenzia Nova) - La società italiana Yoox ha confermato che la fusione con Net-A-Porter, del gruppo svizzero Richemont, sarà interamente in azioni. L'operazione, riferiscono i quotidiani britannici "Financial Times" e "The Independent", darà vita al più grande rivenditore online di articoli di lusso, con vendite combinate per 1,3 miliardi di euro. Il piano dovrebbe essere completato a settembre, con la quotazione alla Borsa di Milano. Federico Marchetti, amministratore delegato di Yoox, guiderà la nuova compagnia.

Continua a leggere l'articolo dell'Independent


Prada, disastro alla moda

Londra, 1 apr - (Agenzia Nova) - Il calo dell'appetito cinese per il lusso, che sembrava insaziabile, ha colpito i grandi marchi del settore, tra i quali Prada. La casa di moda italiana, riferisce il settimanale britannico "The Economist", ha subito una flessione dei profitti, scesi a 451 milioni di euro, del 28 per cento su base annua nel 2014, per la prima volta dalla quotazione alla Borsa di Hong Kong, nel 2011.

Continua a leggere l'articolo dell'Economist


I viaggi della mafia
Berlino, 1 apr - (Agenzia Nova) - La più grande agenzia viaggi del mondo è la mafia. Centinaia di migliaia di migranti e profughi di guerra arrivano in Europa da tutto il mondo attraverso canali illegali. Nel loro libro "Confessioni di un trafficante di uomini", gli scrittori italiani Andrea Di Nicola e Giampaolo Musumeci gettano uno sguardo sul mondo del traffico internazionale di uomini. L'ingegnosità e la flessibilità dei criminali è incredibile: dalle aree più remote della Nigeria un aspirante migrante può prenotare un viaggio verso l'Europa, ovviamente ad un prezzo altissimo. Dal Pakistan partono ogni giorno battaglioni di presunti contadini per trovare un lavoro in Italia.

Continua a leggere l'articolo del Die Welt


Giovanni Paolo II, il Papa mitico

Parigi, 1 apr - (Agenzia Nova) - Il quotidiano francese "Le Monde" dedica un paginone a Papa Giovanni Paolo II alla vigilia del decimo anniversario della sua morte, ripubblicando articoli dell'epoca.

Continua a leggere l'articolo di Le Monde


Panorama internazionale

Due militari dell'esercito iracheno a Tikrit, in Iraq (foto LaPresse)


A Mosca Tsipras evoca uno "splendido futuro" insieme alla Russia

Berlino, 1 apr - (Agenzia Nova) - Il premier greco Alexis Tsipras si è detto a favore di una stretta collaborazione con la Russia, e ha motivato la sua affermazione ricordando la resistenza comune dei due paesi alla Germania di Hitler. "I russi e i greci hanno versato il più grande tributo di sangue nella Seconda guerra mondiale", ha dichiarato Tsipras in un'intervista all'agenzia di stampa "Itar Tass". "I nostri popoli hanno creato dei rapporti fraterni, perché hanno portato avanti una lotta comune in un momento storico critico. Su queste radici possiamo costruire (...) uno splendido futuro", ha dichiarato il premier greco. Tsipras ha auspicato in particolare una maggior cooperazione nei settori energetico, del commercio e dell'agricoltura.

Continua a leggere l'articolo dello Spiegel


Regno Unito: Farage, i britannici sono così a disagio per l'immigrazione che i loro figli non possono giocare per strada

Londra, 1 apr - (Agenzia Nova) - Nigel Farage, leader dell'Ukip, il Partito per l'indipendenza del Regno Unito, è tornato a parlare di immigrazione, affermando che i cittadini sono profondamente a disagio per l'ingresso di milioni di immigrati negli ultimi anni. Secondo il politico, riferiscono i quotidiani "The Telegraph" e "The Times", la situazione è particolarmente difficile nell'Inghilterra orientale, dove i bambini non possono neanche giocare a calcio per strada a causa del senso di insicurezza. L'Ukip è al centro delle cronache, su "The Guardian" e "The Independent", anche per la revoca della candidatura di Jeremy Zeid in un collegio londinese dopo un post su Facebook in cui il candidato ha suggerito a Israele di sequestrare il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. Il partito, osserva il "Financial Times", ripone grandi speranze nelle prossime elezioni; tuttavia, con la crescita, sono emersi anche i problemi.

Continua a leggere l'articolo del Daily Telegraph


Usa, il parlamento dell'Arkansas ignora le critiche e approva la legge sulla libertà religiosa

Washington, 1 apr - (Agenzia Nova) - L'Assemblea generale dell'Arkansas ha ignorato le polemiche e le critiche provenienti da dentro e fuori lo Stato, e ieri ha approvato un controverso disegno di legge “sulla libertà religiosa” simile a quello recentemente adottato da un altro Stato dell'Unione, l'Iowa. Per entrare effettivamente in vigore, la legge dovrà essere firmata dal governatore repubblicano Asa Hutchinson, che aveva espresso riserve in merito a una precedente versione del provvedimento, ma di recente ha segnalato che darà il suo consenso “se la misura raggiungerà la mia scrivania in una forma simile a quella approvata in 20 altri Stati”. Il punto più controverso del provvedimento, però, resta irrisolto: l'Assemblea ha respinto un emendamento che avrebbe esplicitamente proibito la discriminazione di gay e lesbiche sula base del principio di libertà confessionale. Hutchinson è un repubblicano moderato, e diverse grandi aziende operanti nel territorio dello Stato – incluso il colosso della vendita al dettaglio Walmart – hanno fatto pressione affinché opponga il veto al disegno di legge. Il Partito repubblicano nazionale, invece, si è in gran parte schierato a favore del provvedimento: una posizione duramente criticata dall'opinionista della “Washington Post” Dana Milibank, secondo cui “i Repubblicani hanno impostato una rotta di collisione con la maggioranza dell'elettorato Usa”.

Continua a leggere l'articolo del Washington Post


Iraq, il governo annuncia la riconquista di Tiktrit

Washington, 1 apr - (Agenzia Nova) - Il governo iracheno ha proclamato ieri la riconquista di Tikrit dopo lunghe settimane di combattimenti contro le milizie dello Stato islamico, che si era impossessato della città nel giugno dello scorso anno. Il premier iracheno Haider al Abadi è apparso in televisione per annunciare la liberazione della città e citare la “mobilitazione popolare” che a suo parere ha consentito questa vittoria. Ufficiali iracheni citati dalla “Washington Post” ammettono però che diverse zone della città non sono ancora state raggiunte dall'Esercito e dalle forze sciite pro-governative, in quanto i miliziani dlel'Isis hanno disseminato mine e trappole esplosive in strade, ponti ed edifici. Se confermata, la riconquista di Tikrit segnerebbe la prima sconfitta di rilievo per lo Stato islamico in Iraq. L'offensiva governativa, inizialmente appoggiata dall'Iran e solo negli ultimi giorni dai raid dell'Aviazione statunitense, ha però dimostrato ancora una volta l'incapacità delle forze di sicurezza irachene di operare senza il supporto dei raid aerei mirati condotti dalle forze Usa.

Continua a leggere l'articolo del Washington Post


Nucleare Iran: superata senza un accordo la scadenza di ieri

Washington, 1 apr - (Agenzia Nova) - I difficili negoziati internazionali sul programma nucleare iraniano in corso a Losanna, in Svizzera, sono proseguiti senza un accordo oltre la mezzanotte di ieri, precedentemente fissata dall'amministrazione del presidente Usa Barack Obama come termine ultimo per il raggiungimento di un primo accordo politico tra la Repubblica Islamica e le potenze nucleari del P5+1. Gli interlocutori faticano a trovare un accordo in materia di sanzioni, arricchimento dell'uranio a fini di ricerca e limiti futuri. Stando alle fonti diplomatiche citate dai principali quotidiani Usa, Washington ah deciso in via eccezionale di proseguire i negoziati non oltre la mezzanotte di oggi, un segnale che un accordo potrebbe essere ancora possibile. “Ieri abbiamo fatto progressi sufficienti a giustificare una prosecuzione dei negoziati nella giornata di oggi”, ha dichiarato la portavoce del dipartimento di Stato Usa, Marie Harf. Il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest, ha però avvertito che “la pazienza del presidente Obama non è infinita”.

Continua a leggere l'articolo del Wall Street Journal

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi