La Libia, le Grandi opere e la ripresa economica in Italia

La rassegna della stampa internazionale a cura di Agenzia Nova sui fatti che ci riguardano da vicino. Articoli del Washington Post, Independent, La Vanguardia e New York Times.
La Libia, le Grandi opere e la ripresa economica in Italia

POLITICA


 

Libia, Mogherini chiede il sostegno dell'Ue all'Italia

Buenos Aires, 17 mar 08:33 - (Agenzia Nova) - Dopo la firma, giovedì scorso, dell'accordo per un cessate il fuoco tra i principali contendenti nella guerra civile libica, l'Alto rappresentante della politica estera dell'Unione Europea, l'italiana Federica Mogherini, ha sollecitato i ministri degli Esteri dell'Ue affinché concedano all'Italia il loro sostegno navale per controllare l'afflusso di rifugiati verso l'isola di Lampedusa. Il capo della diplomazia europea sta "agendo su diversi fronti" per evitare che il caos libico coinvolga direttamente l'Italia.

Leggi l'articolo del Tiempo argentino

 

Italia: il governo sblocca un disegno di legge anticorruzione

Madrid, 17 mar 08:33 - (Agenzia Nova) - Il governo italiano ha sbloccato ieri un disegno di legge anticorruzione - da due anni in fase di studio presso una commissione parlamentare - presentando un emendamento finalizzato a punire il reato di falso in bilancio. Lo riferisce "La Vanguardia". La norma è stata presentata ieri pomeriggio dal vice ministro della Giustizia, Enrico Costa, e prevede un inasprimento delle pene per chi commette frode documentale e falso in bilancio. In questo modo, i dirigenti di una società che "al fine di conseguire per sé o per altri un ingiusto vantaggio economico" espongono "consapevolmente fatti materiali rilevanti non rispondenti al vero" o "li omettano" potranno affrontare sanzioni che vanno da uno a cinque anni di carcere. La condanna aumenterà da tre a otto anni, nel caso in cui questi crimini avvengano all'interno di società quotate in Borsa. Ora il progetto dovrà essere valutato dal Senato.

Leggi l'articolo del Vanguardia
 


 

 


ECONOMIA


 

L'Italia rivede al rialzo le stime di crescita

New York, 17 mar 08:33 - (Agenzia Nova) - Il governo italiano intende rivedere al rialzo le stime di crescita del pil per il 2015, nonostante i pessimi dati sulla produzione industriale registrati nel mese di gennaio. Fonti vicine al Tesoro riferiscono che il nuovo documento di programmazione economica e finanziaria del governo (Def) fissa un obiettivo di crescita dello 0,8 per cento del pil; il mese scorso, l'Ocse aveva previsto per l'Italia una crescita dello 0,4 per cento, prospettando però la possibilità di un dato migliore, pari allo 0,6 per cento. Per l'Italia il Fondo monetario internazionale continua a stimare una crescita dello 0,4 per cento per l'anno in corso. Il governo punta ancora a un disavanzo del 2,6 per cento.

Leggi l'articolo del New York Times

 

Torino-Lione: nasce la nuova società Telt in un contesto agitato

Parigi, 17 mar 08:33 - (Agenzia Nova) - Il primo passo della nuova società Tunnel Euralpino Lione Torino (Telt), la joint-venture delle ferrovie francesi ed italiane a cui è affidata la costruzione e la gestione del tunnel che è al cuore della contestata nuova linea ad alta velocità, è stato fatto in un clima tutt'altro che sereno: tre settimane dopo la "luce verde" data dall'ultimo vertice bilaterale franco-italiano alla prima tranche da 3 miliardi di euro, il consiglio di amministrazione di Telt si è riunito ieri a Roma per la prima volta sullo sfondo di un nuovo scandalo scoppiato in Italia nel settore delle infrastrutture, con l'arresto di Ercole Incalza, ex-responsabile (fino alla fine del 2014) dei Grandi lavori al ministero dei Trasporti, e di tre suoi collaboratori. Per il presidente di Telt, Hubert du Mesnil, e per il suo direttore generale Mario Virano, lo scandalo è l'occasione per sottolineare come il progetto del tunnel transalpino sarà sottoposto a delle procedure di controllo molto rafforzate. "Noi opereremo in un quadro che offre importanti garanzie", rivendica Virano in un'intervista a Pierre De Gasquet, corrispondente da Roma del quotidiano francese "Les Echos": "Siamo sottoposti al controllo della Corte dei Conti italiana ed anche di quelle francese ed europea". Lo scavo del tunnel di 57 chilometri inizierà nel 2017: "Nessuno oggi può pensare che la Tav Torino-Lione non si farà", dichiara Varano, secondo cui rinunciare al progetto "comporterebbe una perdita di oltre 20 miliardi di euro per il sistema di scambi tra l'Italia, la Francia e l'Europa". Virano annuncia che presto presenterà alle comunità locali che si oppongono alla Tav un documento esplicativo come "Un messaggio positivo di pacificazione". Telt invece non rinuncerà all'azione penale nei confronti dello scrittore Erri De Luca per il suo appello a "sabotare" i lavori della Tav: per una curiosa coincidenza del calendario, fa notare l'autore dell'articolo, ieri è anche iniziato a Torino il processo a de Luca.

Leggi l'articolo dell'Echos


 

 

SOCIETA'


 

L'Expo e altri progetti pubblici italiani colpiti da accuse di corruzione

Londra, 17 mar 08:33 - (Agenzia Nova) - L'Expo di Milano e altri grandi progetti pubblici italiani, compreso quello per la costruzione di un'autostrada in Libia, sono sotto i riflettori degli inquirenti per il presunto pagamento di tangenti. Le inchieste, riferisce il quotidiano britannico "The Guardian", hanno portato all'arresto del manager Ercole Incalza, che ha lavorato per sette governi, dell'imprenditore Stefano Perotti e di altre due persone. Nelle carte è menzionato anche Luca Lupi, figlio del ministro delle Infrastrutture Maurizio: secondo Perotti, avrebbe ottenuto agevolazioni.

Leggi l'articolo del Guardian

 

Celebrità infuriate sostengono Elton John contro Dolce & Gabbana

Londra, 17 mar 08:33 - (Agenzia Nova) - Ancora ampio risalto sulla stampa britannica per la polemica tra Elton John e Dolce & Gabbana sulle famiglie omosessuali con figli nati dalla fecondazione in vitro, tra inviti al boicottaggio da una parte e dall'altra, tentativi di chiarimento dei due stilisti e interventi di pop star e politici: "una tempesta internet perfetta", come osserva un commento del quotidiano "The Independent".

Leggi l'articolo dell'Independent



 


PANORAMA INTERNAZIONALE


 

Quando Hollande faceva visita a Cesare Battisti nel carcere della Santé

Parigi, 17 mar 09:39 - (Agenzia Nova) - Il "caso Cesare Battisti", l'ex terrorista italiano che la giustizia brasiliana ora potrebbe decidere di espellere, è stato molto seguito anche in Francia; ma praticamente l'intero panorama della stampa d'Oltralpe si è limitata alla cronaca della diatriba giudiziaria i corso in Brasile: nessun giornale francese si azzardato a ricordare il ruolo ricoperto dalla Francia nella fuga dell'ex terrorista dalla giustizia italiana. Lo fa ora il quotidiano "Le Figaro", con un articolo in cui l'autore Guillaume Perrault ricorda, tra l'altro, la visita compiuta dall'attuale presidente francese Francois Hollande nel 2004, quando era segretario del Partito socialista, nella cella di Battisti nel carcere parigino della Santé, in un periodo in cui l'Italia ne chiedeva l'estradizione e la Francia rifiutò.

Leggi l'articolo del Figaro

 

Schaeuble attacca Tsipras: "Hanno distrutto il capitale di fiducia"
Berlino, 17 mar 09:39 - (Agenzia Nova) - I rapporti tra Grecia e Germania sono più tesi che mai: i toni tra i due paesi si sono fortemente inaspriti. Il ministro tedesco delle Finanze, Wolfgang Schaeuble, ha indirizzato un altro attacco alla volta di Atene: "Hanno distrutto il loro capitale di fiducia. Questo è un duro colpo", ha dichiarato ieri sera Schauble ad un dibattito organizzato dalla Fondazione Adenauer a Berlino. Fino allo scorso novembre, ha spiegato il ministro, Atene godeva col vecchio governo della fiducia politica dei suoi partner e creditori, ma ora non è più così. Schaeuble accusa il premier greco Alexis Tsipras non solo di non mantenere gli impegni assunti dal paese, ma anche di prendere in giro i cittadini greci, quando imputa a Berlino, a Bruxelles e al resto d'Europa i mali della Grecia. Il ministro ha dichiarato che "nessuno nelle istituzioni internazionali" è in grado di dire quali siano i veri progetti di Atene". La Grecia, ha spiegato Schaeuble, "vissuto al di sopra dei propri mezzi" e ora non può far altro che rassegnarsi a un brusco risveglio.

Leggi l'articolo dello Spiegel


Spagna: ministero Interno affronta le minacce jihadiste contro la famiglia reale

Madrid, 17 mar 09:39 - (Agenzia Nova) - Il ministro dell'Interno spagnolo, Jorge Fernandez Diaz, ha dichiarato ieri che le forze di sicurezza "hanno adottato misure" di sicurezza, dopo che tra i documenti sequestrati alla cellula jihadista smantellata in Catalogna nei giorni scorsi è stato rinvenuto un foglio con minacce esplicite al re Filippo VI e alla sua famiglia. Diaz ha spiegato che le recenti operazioni contro le cellule jihadiste in Spagna dimostrano che i detenuti utilizzavano "in primo luogo" le reti sociali per il loro lavoro di propaganda, indottrinamento e reclutamento dei combattenti intenzionati ad unirsi allo Stato islamico (Isis). Il ministro ha aggiunto che le autorità stanno articolando la loro attività antiterroristica soprattutto su "cyberspazio, internet e social media affinché tale minaccia venga, per quanto possibile, neutralizzata".


Leggi l'articolo del Vanguardia

 

Usa: presidenziali 2016, i Democratici partono con un vantaggio sistemico

Washington, 17 mar 09:39 - (Agenzia Nova) - La candidati dei Democratici Usa alle elezioni presidenziali 2016, Hillary Clinton, parte in vantaggio a prescindere dall'avversario che il Partito repubblicano sceglierà di opporle. E' quanto emerge da uno studio sulla struttura dei collegi elettorali statunitensi pubblicato dal Rothenberg & Gonzales Political Report, una pubblicazione bipartisan. Stando allo studio, l'attuale ripartizione dell'elettorato statunitense nei collegi per i grandi elettori favorisce proprio i Democratici: 217 collegi sarebbero “sicuri” o “favorevoli” al Partito democratico, contro i 191 favorevoli ai Repubblicani. Il vantaggio dei democratici si fa ancora più accentuato considerando i collegi di orientamento “tendenzialmente” democratico. Per essere eletto presidente degli Stati Uniti, un candidato deve ottenere il sostegno di 270 grandi elettori, e dunque dei rispettivi collegi.

Leggi l'articolo del Washington Post


 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi