Il nucleare iraniano e il Quantitative easing

Da Sergio Mattarella agli appelli francesi pro Erri De Luca, rassegna della stampa estera a cura dell'Agenzia Nova. Oggi articoli da Monde, Figaro, Financial Times, Wall Street Journal

Il nucleare iraniano e il Quantitative easing

ECONOMIA


L'eurozona verso l'alleggerimento quantitativo

Londra, 3 mar 08:31 - (Agenzia Nova) - Usando solo le parole il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha abbagliato i mercati obbligazionari. Che cosa succederà – domanda il "Financial Times" – quando passerà ai fatti?. In settimana il consiglio esecutivo della Bce si riunirà a Cipro per discutere dell'implementazione, a partire da questo mese, dell'alleggerimento quantitativo. Finora Draghi non ha fornito molti dettagli, con buone ragioni: il modo in cui l'Eurotower procederà agli acquisti determinerà l'andamento dei rendimenti. Intanto, riferisce "The Guardian", la minaccia della deflazione si è attenuata nell'area dell'euro: a febbraio i prezzi sono calati dello 0,3 per cento, dopo lo 0,6 per cento di gennaio. Il settore manifatturiero continua a soffrire, anche se in Italia l'indice dei direttori d'acquisto è salito per la prima volta da cinque mesi, da 49,9 a 51,9.

Continua a leggere l'articolo del Financial Times

 

Le 15 economie più "misere" al mondo

New York, 3 mar 08:31 - (Agenzia Nova) - L'inflazione può trasformarsi in una malattia che distrugge le società, era solito dire il premio Nobel per l'Economia Milton Friedman. Ciò è certamente vero per Venezuela, Argentina, Sudafrica, Ucraina e Grecia, i paesi in testa al “Misery Index” stilato anche quest'anno da “Bloomberg”. I cinque paesi dominano l'elenco dei paesi che presentano le condizioni economiche più avverse alla vita quotidiana e all'attività produttiva. Ai primi quindici posti della poco lusinghiera classifica figurano diversi paesi dell'Europa Meridionale (i cosiddetti “Piigs”): l'Italia è 11ma, peggio del Portogallo e meglio di Colombia, Brasile, Slovacchia e Indonesia. A decretare il pessimo stato delle condizioni economiche in paesi come l'Italia non sono tanto i livelli di reddito, relativamente elevati almeno in termini nominali, quanto la disoccupazione e i gravi squilibri nelle finanze pubbliche, che si concretizzano in una spesa eccessiva e in una pressione fiscale proibitiva per cittadini e imprese.

Continua a leggere l'articolo di Bloomberg

 
 
La ripresa economica dell'Eurozona riduce la capacità negoziale della Grecia

New York, 3 mar 08:31 - (Agenzia Nova) - Dalla vittoria della sinistra alle elezioni politiche greche, l'ipotesi di una rottura della zona euro è parsa divenire sempre meno improbabile. Solo un accordo maturato in extremis tra la Grecia e i suoi creditori della zona euro la scorsa settimana, dopo 11 ore di trattative, ha salvato Atene dalla bancarotta, ma l'intesa pare già traballare per la vaghezza dei programmi di rientro del debito formulati dal governo di Alexis Tsipras, che parla di “ambiguità costruttiva”. Eppure, scrive il “Wall Street Journal”, la Grecia racconta solo una parte della storia: la ripresa economica che si sta consolidando nella zona euro, grazie anche all'indebolimento della valuta unica sul dollaro, è assai più importante per il futuro dell'unione monetaria. Per la prima volta dal 2007, la Commissione europea prevede che tutti i paesi dell'eurozona concluderanno il 2015 in crescita: prima ancora dell'annuncio del quantitative easing da parte della Banca centrale europea, la Commissione prevedeva per quest'anno una crescita media della zona euro pari all'1,2 per cento del pil, stima poi rivista al rialzo all'1,5 per cento. Nel frattempo, i depositi in contanti e bancari sono cresciuti a febbraio del 9 per cento su base annua: l'ultima volta che l'eurozona ha registrato un dato simile, la sua economia cresceva a ritmi del 2 per cento. La crescita dell'eurozona resta generalmente debole, e diversi paese, come l'Italia, sono lontanissimi dal picco pre-crisi. Proprio Italia e Francia, i paesi “che meno hanno prodotto sul fronte delle riforme (…) esibiscono finalmente prospettive più incoraggianti”. I rischi per l'eurozona, insomma, sono oggi soprattutto politici, e ad incarnarli è la Grecia. Tuttavia, scrive il quotidiano Usa, la combinazione di crisi politica in Grecia e ripresa economica altrove “sta cambiando l'equazione”, riducendo significativamente il peso del fattore ellenico: “Il fatto che sino ad oggi la politica greca del rischio calcolato abbia danneggiato anzitutto e quasi esclusivamente proprio i cittadini greci, potrebbe rivelarsi la più importante lezione politica emersa dall'ultima crisi”.

Continua a leggere l'articolo del Wall Street Journal


 

 

POLITICA


 

Iran: ministro Esteri italiano Gentiloni, accordo sul nucleare nelle prossime settimane

Teheran, 3 mar 08:31 - (Agenzia Nova) - Il ministro degli Esteri italiano, Paolo Gentiloni, che ha visitato Teheran lo scorso fine settimana, ha commentato i negoziati internazionali sul programma nucleare di Teheran, e ha detto che l'Iran e il gruppo dei 5+1 (Stati Uniti, Russia, Francia, Cina, Regno Unito e Germania) raggiungeranno con ogni probabilità un accordo nelle prossime settimane. Gentiloni ha ribadito che i negoziati sul nucleare sono arrivati a una fase delicata e che molte questioni sono state risolte. Il ministro ha aggiunto che i tempi sono “maturi per un accordo definitivo”, e che un patto condiviso significherebbe per l'Italia la ripresa dei rapporti commerciali con l'Iran.

Leggi il dispaccio dell'Irna

 

Roma e Monaco hanno firmato un accordo per lottare contro l'evasione fiscale

Parigi, 3 mar 08:31 - (Agenzia Nova) - L'Italia ed il Principato di Monaco hanno firmato un accordo che mette fine al segreto bancario per facilitare la lotta contro l'evasione fiscale: lo ha annunciato ieri il ministero italiano delle Finanze. L'accordo permette lo scambio di informazioni a richiesta ed obbliga i partner a fornire le informazioni richieste senza poter opporre il segreto bancario. L'Italia, ha precisato il ministero, ha firmato il 2 febbraio un accordo simile con la Svizzera ed il 28 febbraio con il Liechtenstein. Con questo accordi, il Principato di Monaco ed il Liechtenstein escono dalla "lista nera" di Roma: questo permetterà ai cittadini italiani che detengono illegalmente dei fondi in quei due paesi di regolarizzare la loro situazione fiscale a condizioni favorevoli.

Continua a leggere l'articolo del Monde

 

Sergio Mattarella, un presidente italiano normale

Parigi, 3 mar 08:31 - (Agenzia Nova) - Il nuovo presidente italiano, Sergio Mattarella, ha scambiato la Maserati per una Fiat ed il jet privato con un volo di linea: è un semplice gusto per le cose semplici o un calcolo politico? Sul quotidiano francese "Le Monde" se lo chiede il corrispondente da Roma Philippe Ridet.

Continua a leggere l'articolo del Monde


 

 

SOCIETA'


 

Una petizione intima allo Stato francese di sostenere lo scrittore italiano Erri De Luca

Parigi, 3 mar 08:31 - (Agenzia Nova) - Un comitato francese ha firmato un manifesto di solidarietà con il grande scrittore italiano Erri De Luca che il 28 gennaio scorso è comparso davanti al tribunale di Torino per risponde dell'accusa di "incitamento al sabotaggio" in merito ai lavori per la Tav Torino-Lione. Il comitato francese, a cui aderiscono giornalisti, romanzieri ed alcune personalità politiche tra cui quattro ex ministri, ha pubblicato ieri una petizione che chiede né più né meno alla Francia di "ordinare alla società Sncf Réseau (le ferrovie francesi, ndr) di ritirare la denuncia" nei confronti di De Luca. Il quotidiano "Le Figaro" definisce "sorprendente" la formulazione adottata.

Continua a leggere l'articolo del Figaro

 

Creativi vogliono trasformare i morti in ... alberi

Parigi, 3 mar 08:31 - (Agenzia Nova) - Dei creativi italiani propongono di utilizzre le spoglie dei defunti per nutrire degli alberi e creare così dei cimiteri ecologici: una scommessa che per ora è solo allo stato di progetto, anche se in questi ultimi giorni ha raccolto l'attenzione della stampa internazionale, dal "New York Post" al sito specializzato "Geek.com".

Continua a leggere l'articolo del Parisien

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi