Lettera contro i registi comunisti

Sono innamorato della signorina del Viakal

Lettera contro i registi comunisti

Gentile signorina della pubblicità Viakal, sono innamorato di lei. Il prodotto che reclamizza l’ho comprato, è molto buono. Spero che lei rimanga a lungo a fare quello spot. Non capisco perché i registi comunisti non la chiamano a fare cinema.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi