Lettera d'amore di un astroarcheologo boliviano

Ieri mi ha telefonato Gabriella della Nasa

luna armstrong

foto LaPresse

Gentile donna più bella che ci sia, come mestiere faccio l’astroarcheologo. Sono un cittadino boliviano e qui lavoro. Da 15 anni la Nasa mi ha dato un sasso lunare da analizzare, il lavoro mi impegna 20 ore al giorno. Ieri mi telefona Gabriella, l’impiegata della Nasa, e mi fa: “Ci scusi, ma il nostro sasso che ha in mano non è lunare ma proviene dalla rive dello Zambesi”. Non ti dico la delusione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi