Lettera d'amore a Caterina Balivo

Gentile Caterina Balivo, inutile dire il motivo di tale lettera d’amore, l’unica e la più importante. Sono un insegnante della scuola d’arte vetraria a Murano.
Lettera d'amore a Caterina Balivo

Gentile Caterina Balivo, inutile dire il motivo di tale lettera d’amore, l’unica e la più importante. Sono un insegnante della scuola d’arte vetraria a Murano (o Burano, mi confondo sempre). Prospettive di lavoro per chi si diploma da noi: zero. Anche perché per soffiare una stecca di vetro e tirar fuori una giraffina ci si mette due giorni. Poi va dipinta, e alla fine costa 500 euro solo di manodopera. Ieri ho soffiato per lei una statuetta a forma di isole Maldive. In pratica un arcipelago di vetro. Posso spedirtelo al tuo programma? Caterina per me sei il mio amore, non conta nient’altro. Ti va di vederci oggi al parco Giolitti a Seregno (Mi)? Un bacio, tuo Maurizio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi