Telefonata intercettata tra Alena Seredova e me

Telefonata intercettata tra Alena Seredova e me

Io: “Alena, amore, dimmi il posto!”.

 

Lei: “Ci vediamo nel pomeriggio al borgo abbandonato sopra le colline di Ascoli Piceno”.

 

Io: “Bene, anzi benissimo! Mangiamo al sacco?”.

 

Lei: “Sì, porta il cestino del picnic, anzi lo porto io, tu porta le Red Bull”.

 

Io: “Certo, vado subito a comprarle, posso portati anche della carne rossa?”.

 

Lei: “Lascia stare, al massimo porta una tenda da campeggio che ci fermiamo a dormire in quota”.

 

Io: “Alena, ti amo tantissimo”.

 

Lei: “Adesso smettila, oppure faccio saltare l’appuntamento”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi