Lettera d'amore a Serena Autieri

Cara Serena Autieri non so se scriverti o no. Non so se dirtelo o no. Non so se spedirti la lettera o no. Non so se andare a lavorare oggi: ho pensato troppo a te.
Lettera d'amore a Serena Autieri

Cara Serena Autieri non so se scriverti o no. Non so se dirtelo o no. Non so se spedirti la lettera o no. Non so se andare a lavorare oggi: ho pensato troppo a te. Amore, sono un separato e recentemente ho lanciato una start-up. E’ un passatempo per orsi. L’orso infatti anche se libero trova tutto il suo sostentamento dagli addetti dei parchi dove è confinato. Avendo quindi tanto tempo libero trova l’esigenza di avere un hobby. Ho inventato un pallone attaccato ad una camera d’aria di bicicletta. L’orso dà un pugno al pallone che rimbalza e se non si spostagli arriva in faccia. Come start-up è stata recentemente premiata da Confindustria come peggiore start-up di sempre.

 

Serena ti amo. Come ragazzo ho tanti amici. Ieri uno mi ha detto di aver sognato di essere un cane. Vagava, vagava, vagava. Alla fine il comune lo ha preso per poi mollarlo perché il fatto non sussiste. Amore, adesso ti saluto. Vado a chiedere se il presidente del Parco dell’Adamello ha bisogno di un garzone. O di un orso.
Un bacio, Maurizio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi