I vincitori del World Press Photo 2017

L'istantanea dell'attentato all'ambasciatore russo ad Ankara - il killer con la pistola ancora in mano e il corpo del diplomatico steso al suolo in secondo piano - ha vinto il World Press Photo, il premio più ambito del fotogiornalismo internazionale.

 
L'immagine, “Un assassinio in Turchia”, è opera del fotoreporter turco Burhan Ozbilici, che da 28 anni lavora per l'agenzia Associated Press. L'istantanea è stata scattata il 19 dicembre 2016, quando un poliziotto fuori servizio, Mevlut Mert, crivellò di colpi d'arma da fuoco l'ambasciatore russo in Turchia, Andrei Karlov, in una galleria d'esposizione ad Ankara.

La potenza di una fotografia spiegata dall’attentato ad Ankara

“La giusta distanza” è ciò che conferisce dignità a una scena di terrore. Parla il fotografo Giovanni Chiaramonte

"È stata una decisione molto, molto difficile, ma alla fine abbiamo sentito che l'immagine dell'anno è quella immagine esplosiva che testimonia l'odio della nostra epoca", ha detto Mary F. Calvert, membro della giuria che ha assegnato il premio. Visualizzata 18 milioni di volte nelle ore immediatamente successive all'attentato, l'immagine "ha segnato un momento importante nella storia della Turchia", ha detto lo stesso Ozbilici. "Trovandomi lì dovevo fare il mio mestiere - ha aggiunto - non potevo scappare per salvarmi la vita".

 
L'immagine vincitrice è stata scelta tra oltre 80 mila immagini di più di 5mila fotografi di 125 paesi: 45 immagini sono state premiate in otto differenti categorie. Ozbilici, fotoreporter di 59 anni, fotogiornalista da 28 anni all'Associated press, è stato testimone della prima guerra del Golfo e ha realizzato numerosi reportage dal Medio Oriente, dall'Arabia Saudita all'Egitto alla Siria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi