Povera destra italiana

Una volta la Francia con Le Pen, un'altra la Germania con Afd, sempre ad aspettare il vento nuovo da qualche parte, nel mondo

Povera destra italiana

Matteo Salvini e Giorgia Meloni (foto LaPresse)

Povera destra. Sempre ad aspettare il vento nuovo da qualche parte, nel mondo. Una volta è la Francia dove forse Marine ce la fa ma poi no, non ce la fa. Un’altra volta la Germania con Afd, il partito dei fallaciani non ancora accreditati però. Un tempo anche l’Ungheria con quei pratici fili spinati. Mai esplicitamente la Russia perché l’ombrello è sempre la Nato. Sovranisti sì, ma col placet dei marines. E le nazioni baltiche avverse a Mosca, suvvia, un brivido skin lo concedono, altro che. Sempre dunque al fianco degli Usa perché il sogno dei destrorsi d’Italia – ormai vibranti tra le schiere delle Trump-Truppen – è quello del migliore dei mondi possibili: un comprensorio blindato, tutto affumato di barbecue, da dove sparare al primo negro che passa. Compresa Faccetta Nera. Ti porteremo a Roma liberata, dal sole nostro tu sarai baciata? Ma quando mai. Restatene baciata a casa tua!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    28 Settembre 2017 - 09:09

    Grande come sempre Pietrangelo Buttafuoco. Ma il difetto della destra italiana è quello di immedesimarsi con un partito di altre nazioni, prima la Francia, poi gli Usa, poi la Germania e così via. Tra l'altro, se vogliamo essere obiettivi bisogna dire che alcuni partiti classificati a destra, non lo sono per niente , riferiti ai valori e alle idee di destra, ma la geografia politica è fatta ad uso e consumo di chi abbocca.

    Report

    Rispondi

Servizi