Un mulo su Corso Vittorio

Che stupore, vedere una bestia così grande dentro l’abitacolo del coupé Mercedes

Un mulo su Corso Vittorio

La portiera stretta e bassa di una fuoriserie non era di ostacolo, ieri, a un mulo che voleva provarne l’ebbrezza del viaggio. E però accucciandosi nella poltrona accanto al guidatore. Gli urlacci, le spinte e anche i piagnucolii della gente radunatasi in Corso Vittorio, a Roma, per lo stupore di vedere una bestia così grande dentro l’abitacolo del coupé Mercedes non riuscirono a far recedere il mulo dal provare l’esperienza. Non si capiva come fosse riuscito a procurarsi la chiave per aprire la macchina, come maneggiare il telecomando infine, con quegli zoccoli ferrati più per i tratturi che per il soffice asfalto della strada ma era già seduto, con tanto di cintura intorno al modo di cavezza, giusto quando – fiori a tracolla – Diana Cacciatrice entrava al posto di guida. La bella dea faceva un punto saliente della sua apparizione per avviare il motore e andare via. Per poi volare sul cielo della città. Con un che di strano, di mai visto o sognato. Come a preparare l’autunno di un Ovidio innamorato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    17 Settembre 2017 - 15:03

    Ma quel mulo è fermo mannaggia: copre la visuale. La ragazza coperta non mi sembra Diana,,,,,Sofia? Lo so, il mio è commento da buzzurro "alfabeta" in relazione a "Nasone" ma come fossi lui le dico "Sopporta e resisti! Sopportasti mali molto più gravi" .

    Report

    Rispondi

Servizi