E adesso subito il "reato di vitalizio"

In attesa del ricalcolo della pensione esteso a tutte le professioni

E adesso subito il "reato di vitalizio"

"Smetto quando voglio": Neri Marcorè viene arrestato in una scena del film

Simone Baldelli, parlamentare di Forza Italia, ha ragione: è molto più onesto istituire il reato di vitalizio. I giornali borghesi trasformatisi in tazebao per il linciaggio dei pensionati della politica – con tanto di segnaletiche per facilitarne l’individuazione – lasciano intravedere i tempi cupi tutti a venire ma fanno anche ridere: tutte pagine, infatti, redatte da dei super garantiti. Con bonus, benefit e quattordicesima. In attesa del ricalcolo della pensione esteso a tutte le professioni, va da sé. Allora tornerà buona la libertà di stampa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    27 Luglio 2017 - 10:10

    Splendido! Aggiungerei che probabilmente il reato di vitalizio non basta. I commentatori che esaltano i fustigatori dello scandalo, tra i quali in meravigliosa ancorchè rissosa convergenza i renziani e i grillini, già prefigurano - visti i tempi - l'aggravante dell'associazione mafiosa per i parlamentari che quasi unanimi votarono le leggi istitutive del vitalizio. E perchè non perseguire per concorso esterno pure coloro che, pur non votando in parlamento, parteciparono alla riunioni di partito che davano indicazione ai parlamentari di approvare quel provvedimento? A proposito, i membri del Csm e della Suprema Corte, custodi e garanti della nostra legalità costituzionale, un' indennita' di quiescienza con altri benefit, per caso la percepiscono e continueranno a percepirla pur non chiamandola vitalizio? Confesso sinceramente di non saperlo, ma forse qualcuno del Foglio puo' cortesemente farmelo sapere.

    Report

    Rispondi

Servizi