Il Berlusconi di Sorrentino

Leggere il resoconto dell’incontro tra Berlusconi e il regista Paolo Sorrentino – la succosa cronaca di Malcom Pagani sul Messaggero – ci costringe, con i due ormai presi d’intesa, a un dettaglio

Il Berlusconi di Sorrentino

La biografia di Silvio Berlusconi è l’autobiografia di tanti. E leggere il resoconto dell’incontro tra Berlusconi e il regista Paolo Sorrentino – la succosa cronaca di Malcom Pagani sul Messaggero – ci costringe, con i due ormai presi d’intesa, a un dettaglio: il celeberrimo mausoleo di Pietro Cascella­ – il monumento funebre di Arcore – dove di volta in volta il Cavaliere offre a chi lo merita un loculo, resta come un sottofondo in sordina, giusto a radicare l’avventura dell’estroso Silvio nella concreta finitezza comune a tutti. E però anche questo è un’opera aperta. Emilio Fede che lo teneva da conto, il posto ­– è giusto un esempio – già l’ha persa la possibilità. Chissà il ghigno del grande Toni Servillo: si scopron le tombe, si sfrattano i morti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi