In che guai va a cacciarsi chi combatte lo Zeitgeist

Padre Georg Ratzinger, fratello di Benedetto XVI, direttore delle voci bianche del Regensburger Domplatzen dove si sono consumati abusi oggi è chiamato in causa

In che guai va a cacciarsi chi combatte lo Zeitgeist

In che guai va a cacciarsi chi combatte lo Zeitgeist: Giovanni Paolo II che lottò contro il materialismo storico ebbe in cambio una pallottola, il suo successore – pur scendendo alla prima fermata utile – una sconcia mascariata. Padre Georg Ratzinger, fratello di Papa Benedetto XVI, direttore dal 1964 al 1994 delle voci bianche del Regensburger Domplatzen dove – secondo le accuse, accompagnate dal clamore – si sono consumati abusi, anche sessuali, oggi è chiamato in causa. Con lui anche il cardinale Gerhard Ludwig Müller, capo della diocesi fino al 2012, nominato poi al Sant’Uffizio, ma sollevato da Bergoglio che – si sa – è un Papa della trasparenza. Tanto basta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    19 Luglio 2017 - 21:09

    Perlomeno plausibile. Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, tre indizi fanno una prova, quattro indizi e un papa peronista fanno pensare.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    19 Luglio 2017 - 10:10

    Grazie ancora una volta, caro Pietrangelo, per "riempire" i nostri cuori e le nostre menti di riflessioni argute quanto illuminanti. Ma grazie per davvero.

    Report

    Rispondi

Servizi