Il senso di giugno, che volge al termine

“Ciò che vi sia di più nobile nella creazione resta discretamente celato, benché vi siano indizi per chi voglia intraprendere la sua ricerca”

Il senso di giugno, che volge al termine

Al diritto all’odio fa da contraltare il dovere dell’amore. Ibrahim Gabriele Iungo, teologo, a proposito della Notte del Decreto e di ciò che caratterizza la santità, scrive: “Ciò che vi sia di più nobile nella creazione resta discretamente celato, benché vi siano indizi per chi voglia intraprendere la sua ricerca”. Ecco, un intraprendere un’impresa, questo il senso di un mese che volge, giusto oggi, al suo compimento. In queste poche righe, discretamente celati, gli auguri. E’ l’Amor che move il sole e l’altre stelle.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • efis.loi

    24 Giugno 2017 - 22:10

    E' a mezzo servizio/ tra primavera e estate/ come d'altronde settembre/ che però ha un languore/ fra estate e autunno/ che giugno non ha. Sono mesi corti. Non c'è posto per le passioni.

    Report

    Rispondi

  • pia.banchelli

    24 Giugno 2017 - 11:11

    Troppo belle le sue parole per essere banalmente commentate.Ma, essendo io nata casualmente un 22 giugno, me le sono regalate tutte.. Pia Banchelli

    Report

    Rispondi

Servizi