Alice, il Re di Fiori e l’odore della campagna in ogni tasca

La bella stagione comincia

Alice, il Re di Fiori e l’odore della campagna in ogni tasca

Mezzogiorno - Riposo dal lavoro, un dipinto di Van Gogh

La bella stagione comincia. Le trebbiatrici dettano legge nella giornata ed era, oggi, tutto un accomodarsi di spighe per strada, come a piazza Venezia, a Roma, pronte all’ammasso del Grano. Steli raggianti di felicità per colazioni, merende e profumati pani dappertutto. L’odore della campagna in ogni tasca, e così nei posacenere dei tavoli dei bar all’aperto o nei coni-gelato da dove traboccano il papavero e la cedronella. C’era il Re di Fiori in quel manicomio. Inseguiva A-li-ce e le diceva: “Meraviglia mia, facciamo marameo al Cappellaio e andiamo noi di matto?”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • tonio dicembre

    09 Giugno 2017 - 12:12

    È vero, viviamo l’incanto misterioso dell’abbandono.

    Report

    Rispondi

Servizi