La sudata inutile di Renzi alle primarie Pd

Il cosiddetto Pd è già un corpo estraneo nel sentimento generale

La sudata inutile di Renzi alle primarie Pd

Matteo Renzi ospite di Otto e Mezzo

Questa vittoria annunciata di Matteo Renzi alle primarie del Pd – per sbaragliare gli sfidanti, Andrea Orlando e Michele Emiliano – ha già l’afrore di una sudata inutile. Malgrado gli sforzi del ciapiciapi di chi piace alla gente che piace nel celebrarne il fasto, il cosiddetto Pd – o quel che ne resta dopo la cura Renzi – è già un corpo estraneo nel sentimento generale. Arriverà terzo dopo Grillo e dopo Berlusconi. Il Pd, insomma, è solo un Psdi dove in luogo di un Mario Tanassi c’è una specie di Kim Jong-Un. Peraltro disarmato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • regni.gubbio

    29 Aprile 2017 - 20:08

    L'avevo già sentita nel 2013, mi pare dal segretario CGIL " Renzi è un capo nordcoreano". Son passati quattro anni e il "coreano" respira ancora, ma un'accozzaglia ci salverà. Giusto Sign articolista ?

    Report

    Rispondi

  • silviadivirgilio

    22 Aprile 2017 - 15:03

    Scusate se esistiamo.

    Report

    Rispondi

  • 19nonnomario38

    19nonnomario38

    20 Aprile 2017 - 16:04

    Ma non è ancora arrivata l'ora di un ritiro...........ONOREVOLE???

    Report

    Rispondi

  • Lou Canova

    19 Aprile 2017 - 21:09

    D'altronde avendo a che fare con statisti del calibro di Di Maio, Meloni, Salvini, Speranza (e già, perché senza scissione il boy-scout a quanto pare sarebbe primo...), Il terzo posto è un gran risultato. P.S. Deduciamo altresì che Buttafuoco consideri, senza mostrare imbarazzo apparente, FI, Lega e FdI un unico partito...Sarà...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi