Quel paraculo di Houellebecq

Si dichiara "populista" ma spiega che non voterà per Marine Le Pen. E anche per oggi, l’Unione europea è salva

Quel paraculo di Houellebecq

Michel Houellebecq (foto LaPresse)

Il francese Michel Houellebecq, autore culto degli occidentalisti col sangue agli occhi – erede della voga fallaciana per capirsi – in un’intervista di Stefano Montefiori, ieri, sul Corriere della Sera, si dichiara “populista”. Analizza la rava e la fava, la stanchezza dell’Europa, la sottomissione all’islam ma alla fine – dopo tanto populismo, buono per alzare le vendite – come ogni bravo funzionario del pensiero unico mette le mani avanti: non voterà per Marine Le Pen. Ecco, un altro paraculo. E anche per oggi, l’Unione europea è salva.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    27 Marzo 2017 - 10:10

    Lancia il sasso e nasconde il braccio (destro), mentre col sinistro si fa un selfie da mettere in retrocopertina (la prossima). Gli intellettuali possono essere deleteri quando sviluppano il vizietto: e godono nel vedere le conseguenze delle proprie sparate prendere forma violenta - a debita distanza ca vas sans dire, per restare senza macchia.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    26 Marzo 2017 - 12:12

    Cosa c'entra? Non è che Le Pen sia la sola possibilità.

    Report

    Rispondi

Servizi