Sonia Bruganelli, monumento dell'anti-moralismo

La moglie di Paolo Bonolis, è un potente antidoto al conformismo obbligatorio

Sonia Bruganelli, monumento dell'anti-moralismo

Sonia Bruganelli (foto via Instagram)

Sonia Bruganelli, moglie di Paolo Bonolis, è un potente antidoto al conformismo obbligatorio. Dopo aver attraversato gli strali della comunità rimproverante dei social - posta un video mentre con un amico al bancomat dice che con 30 euro non le bastano a nulla - ne pubblica un altro coi figli a Cortina. La criticano in nome del poveraccismo – “I tuoi figli non vanno mai a scuola?” – e risponde: “No, firmano con la X”. Bravissima, sembra uscita da un episodio de I Mostri, quel sublime catalogo di cinismo della grande commedia. E lei ci mette il carico: "Voi politically correct", dice all'amico del bancomat, "siete proprio falsi”. È un monumento dell'anti-moralismo, lei. Andava in vacanza a Formentera a bordo di un jet privato e a chi la insolentiva, replicava: “Avendo molti bambini lo noleggiamo. Potendo farlo perché no?”. Una così, un Renzi qualunque, Gramsci compreso, se lo mangia coi fiocchi del popcorn.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    14 Marzo 2017 - 09:09

    Se il comunismo si fonda sull'invidia sociale, social-ismo e grillismo si fondano sull'invidia degli imbecilli.

    Report

    Rispondi

Servizi