Arriveremo ai talent in chiesa?

Papa Francesco ha detto che bisogna rendere più attuale la musica della Messa per creare più partecipazione

Arriveremo ai talent in chiesa?

Lorenzo Costa - Un concerto (1485-95 ca)

Le cose si mettono male. Papa Francesco ha detto che bisogna rendere più attuale la musica in chiesa per creare più partecipazione. Le cose volgono proprio al peggio. I canti liturgici arrangiati secondo l’imperativo orecchiabile hanno già portato alle schitarrate accanto all’altare. “Creare più partecipazione” poi, “senza banalità” – per come aggiunge il Pontefice regnante – lascia presagire un aggravio metodologico. A occhio e croce (ah, il lapsus) finirà a talent. Non c’è solo il rancore dei modernisti contro il Rito, adesso anche l’aggressione contro il Gregoriano. Aveva ragione Leonardo Sciascia: “Adesso che avete tolto il latino dalla Messa vi si svuoteranno le chiese”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    07 Marzo 2017 - 09:09

    Certo che se si ritornasse a studiare il latino il livello culturale sarebbe più elevato e per la Chiesa tanta partecipazione in più.

    Report

    Rispondi

Servizi