Un prato cosparso di tenerezza

Da Cornelia a Circo Massimo

Un prato cosparso di tenerezza

Alla fermata Cornelia, ieri, una ragazza ripassava a mente tutti i fiori degli alberi incontrati lungo il percorso che da casa sua portava alla metropolitana. Seduta nel vagone in corsa verso Termini ha poi preso la deviazione per uscire a Circo Massimo. Da lì ha raggiunto il prato grande dentro il corpaccione di Roma e lì – altro non è lei che la bella Kore – ha cosparso ogni filo di delicatezza, anzi, no, di tenerezza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    05 Marzo 2017 - 12:12

    Sfuggita dalle "amiche" korai, magari è la stessa Kore di Samo fattasi romana: città che attende, almeno, un pò di tenerezza.

    Report

    Rispondi

  • efis.loi

    04 Marzo 2017 - 19:07

    Oi Kore. Bellissima. E o surdato 'nnammurato?

    Report

    Rispondi

Servizi