Smanie del giornalismo ciapi-ciapi

Pare che Steve Bannon abbia citato Julius Evola

Con una mossa nixoniana, Bannon aggira la catena di comando

Steve Bannon (foto LaPresse)

Il giornalismo ciapi-ciapi è in smanie. Pare che Steve Bannon – il consigliere politico di Donald Trump – abbia citato Julius Evola in un convegno. Perfino il New York Times, il cui obbligo di verifica delle fonti è un dogma, ha officiato esorcismi contro l’autore di “Rivolta contro il mondo moderno” presentandolo come una sorta di teorico del bar sport globale: antimusulmano, xenofobo e populista. Tutto il contrario. Evola ammirava l’Islam e Maometto; riconosceva nelle civiltà d’Oriente l’elemento vivificante dell’identità universale e quanto al populismo, parliamoci chiaro: mai avrebbe messo piede nella Trump Tower (figurarsi tra i banani a cucù di Palm Beach).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    14 Febbraio 2017 - 14:02

    La dimostrazione di come la stampa Usa sia sopravvalutata all'inverosimile e copiata dalla stampa italica, salvo qualche eccezione, lo scritto di Buttafuoco conferma l'eccezione, anche quando scrive cose non vere.

    Report

    Rispondi

Servizi