Il telefono spento di Renzi

Il peso psicologico di questo ragazzo che non sente più “ogni minuto, lo squillo del cellulare”

Il telefono spento di Renzi

In queste giornate di difficoltà Matteo Renzi fa tante telefonate. Aveva ragione Ernesto Galli della Loggia quando, sul Corriere della Sera, descriveva il peso psicologico di questo ragazzo che non sente più “ogni minuto, lo squillo del cellulare”. Non può che essere una coazione per reagire, allora, chiamare; proprio come fa, ultimamente, cercando editorialisti che si sono rivelati ostili per proporre un sé che è altro da sé e capovolgere la narrazione: Matteo il buono. Ma la canzone non perdona: piange il telefono. Neppure Massimo Franco, a via Solferino, avrà pietà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    04 Febbraio 2017 - 12:12

    Infatti la buona stampa per Renzi sembra finita: nessuno scrive più che la sua figura sia indispensabile al mondo politico, come avveniva prima del referendum. Ecco perché i commentatori politici dovrebbero cessare di applicare "il politicamente corretto".

    Report

    Rispondi

Servizi