I signori dell’élite, eredi della Rivoluzione Francese

Sono la sovversione incarnata nella convulsione dello spirito detta fenomenologia

I  signori dell’élite, eredi della Rivoluzione Francese

La rivoluzione francese in un quadro di Alphonse de Lamartine

L’anti-sistema si fa sistema. Eppure i signori dell’establishment non dovrebbero prendersela così a male. Sono, i signori dell’élite, pur sempre gli eredi della Rivoluzione Francese. Sono la sovversione incarnata nella convulsione dello spirito detta fenomenologia o, altrimenti, i vessilliferi del progresso. Vexilla Regis prodeunt Inferni, tuona Dante Alighieri. Sono stati loro, in illo tempore, l’anti-sistema diventato sistema. E se poi il popolo si rivolta contro di loro – specie quando la terza classe, abolita nei treni, torna nelle manifeste vesti della proletarizzazione del ceto medio – non possono cavarsela dicendo “viaggiate in executive”. La Locomotiva – cari compagni, liberalisti per voga – giusto adesso vi sta venendo addosso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • efis.loi

    24 Gennaio 2017 - 20:08

    In quella locomotiva che prorompe dallo schermo sulla platea atterrita manca solo si materializzi, venendo fuori dalle fiamme della caldaia, uno in pizzo appuntito, corna e zampe di caprone. Forza della suggestione.

    Report

    Rispondi

Servizi