Il mondo appartiene ai buoni e i cattivi sono fuori orario

Avete Dio disegnato col regolo ed è – per come la raccontate, la vita – come se l’Eterno avesse preso dimora a partire da un certo punto, il vostro, e solo nell’ora stabilita da voi

Il mondo appartiene ai buoni e i cattivi sono fuori orario

Leggere – per come si legge nei giornali, nei vostri – di quello che tutti voi buoni pensate del mondo è straniante, certo. E però non produce nei cattivi – quelli che non siete voi – un senso di colpa ma solo un esercizio di santa pazienza. Un’alzata di spalle che solo Dio sa cogliere giusto Lui che, infine, non rientra nei vostri piani strategici, anzi. E’ piuttosto la parodia di Lui, la vostra legge. Ve lo siete disegnato col regolo ed è – per come la raccontate, la vita – come se l’Eterno avesse preso dimora a partire da un certo punto, il vostro, e solo nell’ora stabilita da voi (come se l’Origine non fosse nel Sempre, per come la spiegava Eraclito d’Efeso se proprio non si può citare Ibn Sina). Ma il mondo appartiene ai buoni – pazienza – e tanto peggio per i cattivi. Sono fuori punto, e fuori orario. E – non manca molto – anche fuori dal mondo. Sospesi nella notte di San Silvestro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    01 Gennaio 2017 - 19:07

    Giusto. All'infinito. Giusto. Reimpostare il Mondo sul baricentro della bontà. A prescindere (A PRESCINDERE) dai cattivi per i quali c'è la possibilità in ogni istante (IN OGNI ISTANTE) di cambiare strada; esempio paradigmatico: San Paolo formerly Saulo di Tarso, che si rese corresponsabile della lapidazione di Santo Stefano protomartire (fu uno dei lapidatori di Stefano) ma cambiò strada! Il Papa quotidianamente ce la indica, la Strada.. Reimpostando il mondo ritarandolo sulla Bontà , si potrebbe ingenerare il cosiddetto circolo virtuoso. Teilhard de Chardin a parte, io credo nella possibilità di un'evoluzione culturale che presuppone la ricezione di memi, che sono semi informativi positivi i quali, per germogliare, necessitano di terreni (leggasi: persone) fertili. Ben vengano i seminatori di bontà. Da qualunque parte provengano. Ecco , carissimo Pietrangelo, il perché del mio GRAZIE. Felice 2017, con molto affetto e stima.

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    31 Dicembre 2016 - 17:05

    Eraclito-Avicenna-.......Cacciari da Venezia: l'ultimo , tanto per essere up date e, sopratutto, per riportare a noi piccoli uomini (parlo per me) che apprendiamo dai grandi, quanto infimi siamo nei confronti del Sempre. Una persona,quindi, che augura all'altra un sereno 2017.

    Report

    Rispondi

Servizi