La solidarietà sul lavoro per una mamma e la figlia malata

Una storia toccante questa dei colleghi pronti a donare il proprio tempo, ben dieci mesi, affinché non un solo istante di vita restasse orbo della mamma, la sentinella

La solidarietà sul lavoro per una mamma e la figlia malata

Gli operai della Brenta Pcm di Molvena (Vicenza) hanno donato le proprie ferie a Michela Lorenzin che aveva esaurito le proprie per accudire la propria figlia Nicole Lago – una bimba di 6 anni – affetta da tetraparesi spastica. Una malattia degenerativa che l’ha strappata alle braccia della madre giusto la Vigilia del Natale. Una storia toccante questa dei colleghi pronti a donare il proprio tempo, ben dieci mesi, affinché non un solo istante di vita restasse orbo della mamma, la sentinella. Resta sullo sfondo una domanda, anzi, tante: se non ci fosse stata la solidarietà degli operai, lo Stato – visto che lo Stato sociale è oggi considerato un ferro vecchio – cosa avrebbe fatto esaurite le ferie? Avrebbe decurtato lo stipendio alla mamma, l’avrebbe costretta all’aspettativa non retribuita, l’avrebbe sollecitata a trasferirsi all’estero, giusta indicazione del signor ministro del Lavoro?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ombrettamanfer

    02 Gennaio 2017 - 10:10

    Lo Stato. Ma dov'è lo Stato e per chi c'è lo Stato?

    Report

    Rispondi

Servizi