Tutto esiste in virtù di un fatto

Un mandarino cinese sogna e così ogni cosa nel creato vive grazie al suo sonno. Anche voi, altro non siete che la sua ninna nanna. E così, ma con altre parole, lo spiegò Arthur Schopenhauer: volontà e rappresentazione.
Come già sapete tutto esiste in virtù di un fatto: un mandarino cinese sogna e così ogni cosa nel creato vive grazie al suo sonno. Anche voi, altro non siete che la sua ninna nanna. E così, ma con altre parole, lo spiegò Arthur Schopenhauer: volontà e rappresentazione. E’ stato uno stratagemma del Creatore quello di demandare al pisolino di uno solo – un signorotto col codino – l’eventualità del mondo tra le probabilità dei cosmi. Sveglio lui, finisce ogni cosa. Apre gli occhi e sparisce lui stesso. Il fatto è che ieri, per dire, proprio quel mandarino – tutto avvolto di sete, di preziosi cuscini – era seduto nel vagone mentre il convoglio della metropolitana arrivava lento lento alla Stazione Termini. Fortuna che il controllore la sapeva lunga. Non gli ha chiesto il biglietto, anzi, recuperata chissà come una chitarra – con un fil di voce – ha sussurrato tutto il tempo “una piccolissima serenata”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi