Quel che Parisi non deve fare

Mettiamola così, Stefano Parisi, trascinato in questa vicenda della ricostruzione del centrodestra non può fare la fine dei tanti rovinati da Berlusconi.
Quel che Parisi non deve fare

Mettiamola così, Stefano Parisi, trascinato in questa vicenda della ricostruzione del centrodestra non può fare la fine dei tanti rovinati da Berlusconi. Brava persona qual è, Parisi, deve tenersi alla larga di ciò che resta di Forza Italia e di quel che fu la mancata rivoluzione liberale. Nel frattempo il ceto medio s’è proletarizzato, il popolo delle partite Iva è disperso nel mare grande del precariato e la vera battaglia, ormai, è la sopravvivenza. Mettiamola così, Parisi deve mettersi in proprio. E provarci. Da solo. Senza farsi carico delle rovine altrui.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi