Chi più somiglia a Chiara Valerio

Il matematico che più somiglia, per poesia, per profondità di dottrina e perciò per elevazione metafisica, a Chiara Valerio – autrice di “Storia umana della matematica”, Einaudi – non è nessuno dei matematici elencati ieri su Repubblica da Piergiorgio Odifreddi.
Chi più somiglia a Chiara Valerio
Il matematico che più somiglia, per poesia, per profondità di dottrina e perciò per elevazione metafisica, a Chiara Valerio – autrice di “Storia umana della matematica”, Einaudi – non è nessuno dei matematici elencati ieri su Repubblica da Piergiorgio Odifreddi. Non Jacques Roubaud, non John Coetzee e neppure (con tutto il rispetto) Aleksandr Solgenitsyn. Tanto meno l’Ulrich di Robert Musil. Il matematico che più s’avvicina all’estro creativo di Chiara Valerio è Pavel Aleksandrovic Florenskij, il sublime guerriero, il santo, nonché autore de “La Colonna e il fondamento della Verità”. Dopo di che, certo: Chiara Valerio è anche l’unica che può tenere testa ad Archimede Pitagorico. E senza cappello pensatore!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi